Home page

 

capitolo 42

inizio documento

capitolo 43

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

capitolo 41 |capitolo 42 |capitolo 43

Norma CEI 64-8 parte 4

 

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti

400.1 Introduzione
Testo
400.1.1
La Parte 4 della presente Norma fornisce, nei Capitoli da 41 a 48, le prescrizioni per la protezione delle persone e dei beni. I Capitoli da 41 a 46 contengono le prescrizioni essenziali delle varie misure di protezione, il Capitolo 47 precisa l'applicazione ed il coordinamento di queste misure di protezione secondo l'utilizzazione prevista ed il Capitolo 48 fornisce una sintesi delle misure di protezione previste secondo le varie condizioni di influenze esterne, tra le quali sono state scelte quelle richieste per gli ambienti e le applicazioni particolari descritti nella Parte 7.
400.1.2
Le varie misure di protezione possono essere applicate ad un intero impianto elettrico, ad una sua parte o ad un singolo componente.
400.1.3
L'ordine in cui vengono descritte le varie misure di protezione non riveste alcuna importanza.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
410. Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
410.1 Generalità
Testo
La protezione contro i contatti diretti e indiretti deve essere ottenuta applicando in modo appropriato le misure specificate nelle Sezioni:
- 411, per la protezione combinata contro i contatti diretti ed indiretti;
- 412, per la protezione contro i contatti diretti;
- 413, per la protezione contro i contatti indiretti.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.1 Protezione mediante bassissima tensione: SELV e PELV
Testo
411.1.1
La protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti è considerata assicurata quando:
- la tensione nominale non supera 50 V, valore efficace in c.a., e 120 V in c.c. non ondulata;
Nota: 1 - Una tensione in c.c. è ritenuta convenzionalmente non ondulata quando:
- l'ondulazione sinusoidale non è superiore al 10% in valore efficace, oppure
- l'ondulazione non sinusoidale presenta un valore massimo di picco non superiore a 140 V per un sistema in c.c. con tensione nominale di 120V, o analogamente 70V per un sistema in c.c. con tensione nominale di 60V.
- l'alimentazione proviene da una delle sorgenti elencate in 411.1.2; e
- sono soddisfatte le condizioni di cui in 411.1.3 ed, inoltre, quelle di cui in 411.1.4 per i circuiti SELV, oppure quelle di cui in 411.1.5 per i circuiti PELV.
Note: 2 - Se il sistema è alimentato da un sistema a tensione più elevata tramite, per es., autotrasformatori, potenziometri, dispositivi a semi-conduttori, ecc., il circuito secondario è da considerare un'estensione del circuito primario e deve essere protetto mediante le misure di protezione applicate al circuito primario.
3 - Per alcuni ambienti od applicazioni particolari a maggior rischio sono richiesti, nella Parte 7, limiti di tensione più bassi.
Commento
I diversi sistemi a bassissima tensione sono designati dai seguenti simboli (che sono in realtà acronimi delle designazioni in lingua inglese):
- SELV: bassissima tensione di sicurezza (denominata in passato BTS);
- PELV: bassissima tensione di protezione;
- FELV: bassissima tensione funzionale (denominata in passato BTF).
Quando i circuiti a bassissima tensione sono alimentati in c.a., la tensione di questi circuiti non deve essere superiore, a vuoto, a 50 V quando la tensione del circuito primario della sorgente di alimentazione è al suo valore nominale. Il valore effettivo della tensione può differire dal valore nominale nei limiti di tolleranza ammessi (Norma CEI 8-5).
I trasformatori per campanelli non devono essere necessariamente trasformatori di sicurezza: le suonerie possono essere anche alimentate a tensione di rete purché l'impianto sia adeguatamente protetto contro i contatti diretti ed indiretti.


Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.1 Protezione mediante bassissima tensione: SELV e PELV
411.1.2 Sorgenti per SELV e PELV

Testo
411.1.2.1
Un trasformatore di sicurezza rispondente alle prescrizioni di sicurezza della Norma CEI 14-6 .
411.1.2.2
Una sorgente che presenta un grado di sicurezza equivalente a quello del trasformatore di sicurezza di cui in 411.1.2.1 (per es. un motore-generatore con avvolgimenti che siano isolati in modo equivalente).
411.1.2.3
Una sorgente elettrochimica (per es. una batteria) od un'altra sorgente indipendente da circuiti a tensione più elevata (per es. un gruppo elettrogeno).
411.1.2.4
Dispositivi elettronici rispondenti a norme appropriate per i quali siano stati adottati provvedimenti tali da assicurare che, anche in caso di guasto interno, la tensione ai morsetti di uscita non possa superare i valori specificati in 411.1.1. Tensioni superiori ai morsetti di uscita sono tuttavia ammesse se ci si assicura che, in caso di contatti diretti od indiretti, la tensione ai morsetti di uscita sia immediatamente ridotta a questi valori o a valori inferiori.
Note: 1 - Esempi di tali dispositivi sono le apparecchiature di prova dell'isolamento rispondenti a prescrizioni attualmente allo studio.
2 - Quando si abbiano tensioni più elevate ai morsetti di uscita, si può supporre che esista conformità con quanto richiesto in questo articolo se la tensione ai morsetti di uscita risulta contenuta entro i limiti specificati in 411.1.1, quando sia misurata con un voltmetro avente una resistenza interna di almeno 3000 W.
Commento
411.1.2.2
Possono essere utilizzati trasformatori aventi caratteristiche (potenza, tensione primaria) non comprese nell'oggetto della Norma CEI 14-6, purché presentino un grado di sicurezza equivalente.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.1 Protezione mediante bassissima tensione: SELV e PELV
411.1.3 Condizioni di installazione dei circuiti

Testo
411.1.3.1
La parti attive dei circuiti SELV e PELV devono essere separate le une dalle altre, dai circuiti FELV e da qualsiasi altro circuito mediante separazione di protezione. Devono essere presi accorgimenti tali da assicurare una separazione elettrica non inferiore a quella prevista tra i circuiti primario e secondario di un trasformatore di sicurezza.
Note: 1 - Questa prescrizione non esclude il collegamento a terra del circuito PELV (411.1.5).
2 - In particolare, è necessario assicurare una separazione elettrica, non inferiore a quella prevista tra gli avvolgimenti di entrata e di uscita di un trasformatore di sicurezza, tra le parti attive di apparecchi elettrici quali i relè, i contattori, gli interruttori ausiliari, e qualsiasi parte di un circuito a tensione più elevata.
3 - Le prescrizioni fondamentali per una separazione di protezione delle parti attive dei circuiti SELV e PELV da quelle di altri circuiti, per es. all'interno di un componente elettrico, sono allo studio da parte del CT 64 dell'IEC.
411.1.3.2
la separazione tra i conduttori dei circuiti di ogni sistema SELV e PELV ed i conduttori di qualsiasi altro circuito deve essere realizzata ricorrendo ad uno dei seguenti metodi:
- mediante conduttori separati materialmente;
- con i conduttori dei circuiti SELV e PELV muniti, oltre che del loro isolamento principale, di una guaina non metallica;
- con i conduttori dei circuiti a tensione diversa separati da uno schermo o da una guaina metallici messi a terra;
Nota - Nei casi precedenti l'isolamento principale di ciascun conduttore è sufficiente sia assicurato per la tensione del circuito di cui fa parte.
- con i circuiti a tensione diversa contenuti in uno stesso cavo multipolare o in uno stesso raggruppamento di cavi, a condizione che i conduttori dei circuiti SELV e PELV siano isolati, nell'insieme od individualmente, per la massima tensione presente.
È necessario inoltre prevedere una protezione contro le influenze meccaniche, termiche e chimiche.
411.1.3.3
Le prese a spina dei sistemi SELV e PELV devono soddisfare i seguenti requisiti:
- le spine non devono poter entrare nelle prese di altri sistemi elettrici;
- le prese non devono permettere l'introduzione di spine di altri sistemi elettrici;
- le prese e le spine dei circuiti SELV non devono avere un contatto per il collegamento del conduttore di protezione;
- le spine dei circuiti SELV non devono poter entrare nelle prese dei circuiti PELV;
- le spine dei circuiti PELV non devono poter entrare nelle prese dei circuiti SELV.
Nota - Le prese e le spine dei circuiti PELV possono avere un contatto per il collegamento del conduttore di protezione.
Commento
411.1.3.1
Le prescrizioni relative alla separazione di protezione sono in accordo con quelle dell'articolo 4.3 del Supplemento (attualmente alla stampa) alla Pubblicazione IEC 536.
411.1.3.2
Il metodo mediante conduttori separati materialmente è preferibile.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.1 Protezione mediante bassissima tensione: SELV e PELV
411.1.4 Prescrizioni riguardanti solo i circuiti SELV

Testo
411.1.4.1
Le parti attive dei circuiti SELV non devono essere collegate a terra e neppure a parti attive od a conduttori di protezione che facciano parte di altri circuiti.
411.1.4.2
Le masse non devono essere intenzionalmente collegate:
- a terra;
- a conduttori di protezione od a masse di altri circuiti elettrici;
- a masse estranee, tranne quando la natura dei componenti dell'impianto lo richieda e purché tali masse estranee non possano assumere tensioni superiori ai limiti della tensione nominale specificata in 411.1.1.
Nota - Se è probabile che le masse dei circuiti SELV possano entrare in contatto, in modo fortuito, con le masse di altri circuiti, la protezione contro i contatti diretti e indiretti non dipende più unicamente dalla protezione a mezzo SELV, ma dalla misura di protezione alla quale queste ultime masse sono soggette.
411.1.4.3
Se la tensione nominale supera 25 V, valore efficace in c.a., oppure 60 V, in c.c. non ondulata, la protezione contro i contatti diretti deve essere assicurata da:
- barriere od involucri aventi un grado di protezione non inferiore a IPXXB, oppure
- un isolamento in grado di sopportare una tensione di prova di 500 V, valore efficace in c.a., per 1 min.
Se la tensione nominale non supera 25 V, valore efficace in c.a., oppure 60 V, in c.c. non ondulata, la protezione contro i contatti diretti è generalmente assicurata; le condizioni di influenze esterne che si riscontrano negli ambienti e nelle applicazioni particolari descritti nella Parte 7 la rendono tuttavia, in certi casi, necessaria.
Commento
411.1.4.3
Per il significato dei gradi di protezione IP vedere il Commento a 412.2.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.1 Protezione mediante bassissima tensione: SELV e PELV
411.1.5 Prescrizioni riguardanti solo i circuiti PELV
Testo
Quando i circuiti sono collegati a terra e non è richiesto dalla Norma il sistema SELV, si devono soddisfare le prescrizioni di cui in 411.1.5.1 e 411.1.5.2.
411.1.5.1
La protezione contro i contatti diretti deve essere assicurata da:
- barriere od involucri aventi un grado di protezione non inferiore a IPXXB; oppure
- un isolamento in grado di sopportare una tensione di prova di 500 V, valore efficace in c.a., per 1 min.
411.1.5.2
La protezione contro i contatti diretti, secondo 411.1.5.1, è assicurata se il componente elettrico si trova entro la zona di influenza del collegamento equipotenziale e se la tensione nominale non supera:
- 25 V, valore efficace in c.a., oppure 60 V in c.c. non ondulata, se il componente elettrico è usualmente utilizzato solo in luoghi asciutti e non si prevedono contatti estesi di parti attive con il corpo umano;
- 6 V, valore efficace in c.a., oppure 15 V in c.c. non ondulata, in tutti gli altri casi.
Nota - Il collegamento a terra dei circuiti può essere ottenuto con un collegamento appropriato al conduttore di protezione del circuito primario dell'impianto.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.2 Protezione per limitazione della corrente e/o della carica elettrica
Testo
La protezione contro i contatti diretti e indiretti è considerata assicurata quando una persona che venga in contatto con una parte collegata a parti attive tramite un'impedenza di protezione non possa essere attraversata da una corrente superiore a:
- 1 mA in c.a. oppure 3 mA in c.c. per le parti che devono essere toccate durante il servizio ordinario;
- 3,5 mA in c.a. oppure 10 mA in c.c. per altre parti.
Inoltre la carica elettrica disponibile non deve essere superiore a 0,5 mC per le parti che devono essere toccate durante il servizio ordinario ed a 50 mC per le altre parti.
Commento
Valori di corrente e di carica elettrica diversi da quelli indicati possono essere richiesti od ammessi in casi particolari, come per es. per le recinzioni elettriche usate per la custodia di animali e per alcuni equipaggiamenti elettrici di macchine industriali (vedere l'articolo 6.2.3 della Norma CEI EN 60 204-1).

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.3 Prescrizioni riguardanti i circuiti FELV
411.3.1 Generalità
Testo
Quando, per ragioni funzionali, si utilizza una tensione inferiore a 50 V, valore efficace in c.a., od a 120 V in c.c. non ondulata, ma non vengono soddisfatte tutte le prescrizioni relative ai sistemi SELV e PELV di cui in 411.1, e quando i sistemi SELV o PELV non sono necessari, per assicurare la protezione contro i contatti diretti e indiretti devono essere osservate le prescrizioni di cui in 411.3.2 e 411.3.3. Questa combinazione di prescrizioni è conosciuta come FELV.
Nota - Tali condizioni si possono incontrare, per es., quando il circuito contiene componenti elettrici (quali trasformatori, relè, avviatori, contattori) insufficientemente isolati rispetto ai circuiti a tensione più elevata che non sono isolati in accordo con le prescrizioni per la separazione di protezione.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.3 Prescrizioni riguardanti i circuiti FELV
411.3.2 Protezione contro i contatti diretti
Testo
La protezione contro i contatti diretti deve essere fornita da:
- barriere o involucri aventi un grado di protezione conforme a 412.2, oppure
- un isolamento corrispondente alla tensione minima di prova richiesta per il circuito primario.
Quando, tuttavia, l'isolamento del componente elettrico che fa parte di un circuito FELV non sopporta la tensione di prova minima richiesta per il circuito primario, l'isolamento delle parti accessibili non conduttrici del componente elettrico deve essere rinforzato durante l'installazione in modo che esso possa sopportare una tensione di prova di 1500 V, valore efficace in c.a., per
1 min.
Nota - Il valore di questa tensione può essere oggetto in futuro di revisione sulla base dei risultati dei lavori attualmente in corso riguardanti il coordinamento dell'isolamento in bassa tensione.


Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.3 Prescrizioni riguardanti i circuiti FELV
411.3.3 Protezione contro i contatti indiretti
Testo
La protezione contro i contatti indiretti deve essere assicurata:
- dal collegamento delle masse dei componenti elettrici del circuito FELV al conduttore di protezione del circuito primario, a condizione che quest'ultimo sia soggetto ad una delle misure di protezione descritte nella Sezione 413, oppure
- dal collegamento di una parte attiva del circuito FELV al conduttore di protezione del circuito di alimentazione (circuito primario) a condizione che una misura di protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione (413.1) sia applicata nel circuito di alimentazione (circuito primario).

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
411. Protezione combinata contro i contatti diretti e indiretti
411.3 Prescrizioni riguardanti i circuiti FELV
411.3.4 Prese a spina
Testo
Le prese a spina per il sistema FELV devono essere scelte in modo che non sia possibile inserire le spine del sistema FELV nelle prese alimentate con altre tensioni e che le spine di altri circuiti non possano essere inserite nelle prese del sistema FELV.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
412. Protezione contro i contatti diretti
412.1 Protezione mediante isolamento delle parti attive
Testo
Nota - L'isolamento è destinato ad impedire qualsiasi contatto con parti attive.
Le parti attive devono essere completamente ricoperte con un isolamento che possa essere rimosso solo mediante distruzione.
L'isolamento dei componenti elettrici costruiti in fabbrica deve soddisfare le relative Norme.
Per gli altri componenti elettrici la protezione deve essere assicurata da un isolamento tale da resistere alle influenze meccaniche, chimiche, elettriche e termiche alle quali può essere soggetto nell'esercizio. Vernici, lacche, smalti e prodotti similari da soli non sono in genere considerati idonei per assicurare un adeguato isolamento per la protezione contro i contatti diretti.
Nota - Quando l'isolamento è applicato all'atto dell'installazione, la qualità dell'isolamento deve in caso di dubbio essere confermata da prove simili a quelle che assicurano la qualità dell'isolamento di componenti similari costruiti in fabbrica.
Commento
Le misure di protezione mediante isolamento delle parti attive (412.1) e mediante involucri o barriere (412.2) sono intese a fornire una protezione totale contro i contatti diretti e le misure di protezione mediante ostacoli (412.3) e mediante distanziamento (412.4) sono intese a fornire una protezione parziale contro i contatti diretti.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
412. Protezione contro i contatti diretti
412.2 Protezione mediante involucri o barriere
Testo
Nota - Le barriere o gli involucri sono destinati ad impedire il contatto con parti attive.
412.2.1
Le parti attive devono essere poste entro involucri o dietro barriere tali da assicurare almeno il grado di protezione IPXXB; si possono avere tuttavia, aperture più grandi per permettere la sostituzione di parti, come nel caso di alcuni portalampade e fusibili, in accordo con le prescrizioni delle relative Norme.
412.2.2
Le superfici superiori orizzontali delle barriere o degli involucri che sono a portata di mano devono avere un grado di protezione non inferiore a IPXXD.
412.2.3
Le barriere e gli involucri devono essere saldamente fissati ed avere una sufficiente stabilità e durata nel tempo in modo da conservare il richiesto grado di protezione ed una conveniente separazione dalle parti attive, nelle condizioni di servizio prevedibili, tenuto conto delle condizioni ambientali.
412.2.4
Quando sia necessario togliere barriere, aprire involucri o togliere parti di involucri, questo deve essere possibile solo:
a) con l'uso di una chiave o di un attrezzo, oppure
b) se, dopo l'interruzione dell'alimentazione alle parti attive contro le quali le barriere o gli involucri offrono protezione, il ripristino dell'alimentazione sia possibile solo dopo la sostituzione o la richiusura delle barriere o degli involucri stessi, oppure
c) se, quando una barriera intermedia con grado di protezione non inferiore a IPXXB protegge dal contatto con parti attive, tale barriera possa essere rimossa solo con l'uso di una chiave o di un attrezzo.
Commento
Le misure di protezione mediante isolamento delle parti attive (412.1) e mediante involucri o barriere (412.2) sono intese a fornire una protezione totale contro i contatti diretti e le misure di protezione mediante ostacoli (412.3) e mediante distanziamento (412.4) sono intese a fornire una protezione parziale contro i contatti diretti.
412.2
Protezione mediante involucri o barriere
I gradi di protezione IPXXB e IPXXD significano che, rispettivamente, il dito di prova oppure il filo di prova del diametro di 1 mm non possano toccare parti in tensione: questo in accordo con la seconda edizione della Norma CEI 70-1.
412.2.1
Nel caso di portalampade o di fusibili sono ammesse, in accordo con le relative Norme, aperture più grandi di quelle necessarie per rispettare il grado di protezione IPXXB solo quando, rispettivamente, la lampada o l'elemento fusibile siano stati tolti.
Per alcuni componenti elettrici, come per es. le prese a spina per uso domestico e similare ed i binari elettrificati, le relative Norme richiedono aperture più piccole di quelle corrispondenti ad IPXXB.
412.2.3
Si considera che la prescrizione sia rispettata anche nel caso di coperchi fissati senza l'uso di viti, quando per toglierli sia necessario esercitare uno sforzo manuale superiore a quello esercitabile usualmente da una persona e comunque conforme a quello delle Norme applicabili.
412.2.4
La chiave si intende in esemplare unico od in numero limitato, ed affidata a personale addestrato.
Diaframmi che si pongono davanti ai contatti di alimentazione di apparecchi estraibili sono esempi di applicazione della condizione c). Quando degli apparecchi utilizzatori o dei motori non siano stati installati o siano stati rimossi, le estremità dei conduttori non utilizzati devono venire protette con isolamenti o con involucri o barriere aventi caratteristiche equivalenti a quelle richieste dalla Sezione 412.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
412. Protezione contro i contatti diretti
412.3 Protezione mediante ostacoli
Testo
Nota - Gli ostacoli sono destinati ad impedire il contatto accidentale con parti attive ma non il contatto intenzionale dovuto all'aggiramento deliberato dell'ostacolo.
412.3.1
Gli ostacoli devono impedire:
- l'avvicinamento non intenzionale del corpo a parti attive, oppure
- il contatto non intenzionale con parti attive durante lavori sotto tensione nel funzionamento ordinario.
412.3.2
Gli ostacoli possono essere rimossi senza l'uso di una chiave o di un attrezzo ma devono essere fissati in modo da impedirne la rimozione accidentale.
Commento
Le misure di protezione mediante isolamento delle parti attive (412.1) e mediante involucri o barriere (412.2) sono intese a fornire una protezione totale contro i contatti diretti e le misure di protezione mediante ostacoli (412.3) e mediante distanziamento (412.4) sono intese a fornire una protezione parziale contro i contatti diretti.
412.3
Protezione mediante ostacoli
Sono considerati ostacoli, per es., corrimano e schermi grigliati.
Questa misura di protezione che non assicura una protezione completa contro i contatti diretti è applicata in pratica solo nelle officine elettriche (481.2).


Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
412. Protezione contro i contatti diretti
412.4 Protezione mediante distanziamento
Testo
Nota - Il distanziamento è destinato solo ad impedire il contatto non intenzionale con parti attive.
412.4.1
Parti simultaneamente accessibili a tensione diversa non devono essere a portata di mano.
412.4.2
Quando uno spazio, ordinariamente occupato da persone, è limitato da un ostacolo (per es. un parapetto, una rete grigliata) che abbia un grado di protezione inferiore a IPXXB, la zona a portata di mano inizia da questo ostacolo.
412.4.3
Nei luoghi in cui vengono usualmente maneggiati oggetti conduttori grandi o voluminosi, le distanze richieste da 412.4.1 e 412.4.2 devono essere aumentate tenendo conto delle dimensioni di questi oggetti.
Commento
Le misure di protezione mediante isolamento delle parti attive (412.1) e mediante involucri o barriere (412.2) sono intese a fornire una protezione totale contro i contatti diretti e le misure di protezione mediante ostacoli (412.3) e mediante distanziamento (412.4) sono intese a fornire una protezione parziale contro i contatti diretti.
412.4
Protezione mediante distanziamento
Il pavimento, se non è isolante, è considerato una delle parti simultaneamente accessibili.
Anche questa misura di protezione che non assicura una protezione completa contro i contatti diretti è applicata in pratica solo nelle officine elettriche (481.2).
Per quanto riguarda le linee elettriche aeree, la Norma CEI 11-4 indica le distanze minime da rispettare.
412.4.1
Vedere i commenti agli articoli 23.10 e 23.11.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
412. Protezione contro i contatti diretti
412.5 Protezione addizionale mediante interruttori differenziali
Testo
412.5.1
L'uso di interruttori differenziali, con corrente differenziale nominale d'intervento non superiore a 30 mA, è riconosciuto come protezione addizionale contro i contatti diretti in caso di insuccesso delle altre misure di protezione o di incuria da parte degli utilizzatori.
412.5.2
L'uso di tali dispositivi non è riconosciuto quale unico mezzo di protezione contro i contatti diretti e non dispensa dall'applicazione di una delle misure di protezione specificate da 412.1 a 412.4.
Commento
Le misure di protezione mediante isolamento delle parti attive (412.1) e mediante involucri o barriere (412.2) sono intese a fornire una protezione totale contro i contatti diretti e le misure di protezione mediante ostacoli (412.3) e mediante distanziamento (412.4) sono intese a fornire una protezione parziale contro i contatti diretti.
412.5
Protezione addizionale mediante interruttori differenziali
L'uso di interruttori differenziali con corrente differenziale di intervento non superiore a 30 mA, pur permettendo di eliminare gran parte dei rischi dovuti ai contatti diretti, non è riconosciuto quale misura di protezione completa contro questi contatti, anche perché non permette di evitare gli infortuni, d'altronde molto rari, provocati dal contatto simultaneo con due parti attive del circuito protetto che si trovino a potenziali differenti.
Si deve notare che l'uso di questi interruttori differenziali permette di ottenere la protezione contro i contatti indiretti in condizioni di messa a terra molto mediocri (vedere il commento al paragrafo 532.2.1.5) ed assicura anche, quando richiesta, una migliore protezione contro gli incendi, con la rivelazione di eventuali difetti di isolamento che diano luogo a piccole correnti verso terra (532.2.6).

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.1 Protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione
413.1.1 Generalità
Testo
Note: 1 - L'interruzione automatica dell'alimentazione è richiesta quando si possono avere effetti fisiologici dannosi in una persona, in caso di guasto, a causa del valore e della durata della tensione di contatto (Fascicolo CEI 1335P).
2 - Questa misura di protezione richiede il coordinamento tra il modo di collegamento a terra del sistema e le caratteristiche dei conduttori di protezione e dei dispositivi di protezione. In una Guida (attualmente allo studio) sono fornite informazioni su come sono state ricavate dal Fascicolo CEI 1335P le prescrizioni di questa misura di protezione e le curve di riferimento per l'interruzione automatica del circuito.
3 - Le prescrizioni di questo articolo si applicano ad impianti alimentati con frequenze comprese tra 15 e 1000 Hz c.a.
Sono allo studio prescrizioni ulteriori per i sistemi a c.c.
413.1.1
Generalità
Nota - Negli articoli da 413.1.3 a 413.1.5 sono descritti metodi che permettono di soddisfare convenzionalmente le prescrizioni degli articoli 413.1.1.1 e 413.1.1.2, secondo il tipo di sistema di distribuzione (vedere 312).
413.1.1.1
Interruzione dell'alimentazione
Un dispositivo di protezione deve interrompere automaticamente l'alimentazione al circuito od al componente elettrico, che lo stesso dispositivo protegge contro i contatti indiretti, in modo che, in caso di guasto, nel circuito o nel componente elettrico, tra una parte attiva ed una massa o un conduttore di protezione, non possa persistere, per una durata sufficiente a causare un rischio di effetti fisiologici dannosi in una persona in contatto con parti simultaneamente accessibili, una tensione di contatto presunta superiore a 50 V valore efficace in c.a. od a 120 V in c.c. non ondulata.
Tuttavia, indipendentemente dalla tensione di contatto, in alcune circostanze è permesso un tempo di interruzione, il cui valore dipende dal tipo di sistema, non superiore a 5 s (vedere 413.1.3.5 e 413.1.4.2).
Note: 1 - Omessa.
2 - I valori di 50 V c.a. e di 120 V c.c. sono tensioni di contatto limite convenzionali (UL).
3 - Valori del tempo di interruzione e di tensione (compresa UL) inferiori possono essere richiesti per impianti o luoghi speciali in accordo con le Sezioni corrispondenti della Parte 7 e dell'art. 481.3.
4 - Per i Sistemi IT l'interruzione automatica non è in genere richiesta quando si presenta il primo guasto (413.1.5).
413.1.1.2
Messa a terra
Le masse devono essere collegate ad un conduttore di protezione nelle condizioni specifiche di ciascun modo di collegamento a terra.
Le masse simultaneamente accessibili devono essere collegate allo stesso impianto di terra.
Nota - Per le disposizioni di messa a terra e per i conduttori di protezione, vedere il Capitolo 54.
Commento
L'esperienza ha dimostrato che una stima accurata, in fase di progettazione dell'impianto, della tensione di contatto comporta difficoltà talvolta insormontabili, essendo basata su alcuni parametri il cui valore dipende dalla configurazione dell'impianto stesso: si è riscontrato che anche la verifica del suo valore ad impianto completato presenta notevoli complicazioni.
Per queste ragioni sono stati definiti dei metodi convenzionali che permettono di determinare i tempi di intervento dei dispositivi di protezione non in funzione della tensione di contatto, bensì in funzione della tensione nominale dell'impianto per i sistemi TN e della tensione totale di terra per i sistemi TT.
Questi tempi sono stati definiti tenendo conto della capacità che hanno le persone di sopportare correnti senza effetti patofisiologici pericolosi, sulla base delle informazioni contenute nella Pubblicazione CEI 1335 P (traduzione della Pubblicazione IEC 479, seconda edizione).
413.1.1
Generalità
Nella Sezione 532 sono riportate le prescrizioni riguardanti la scelta dei dispositivi di protezione contro i contatti indiretti mediante interruzione automatica dell'alimentazione.
413.1.1.1
Interruzione dell'alimentazione
Per il significato del termine "c.c. non ondulata" vedere la Nota 1 dell'articolo 411.1.1.


Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.1 Protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione
413.1.2 Collegamenti equipotenziali
Testo
413.1.2.1
Collegamento equipotenziale principale
In ogni edificio, devono essere collegati al collettore (o nodo) principale di terra:
- i conduttori di protezione;
- i conduttori equipotenziali principali;
- il conduttore di terra;
- i tubi alimentanti servizi dell'edificio, per es. acqua e gas;
- parti strutturali metalliche dell'edificio e canalizzazioni del riscaldamento centrale e del condizionamento d'aria;
- le armature principali del cemento armato utilizzate nella costruzione degli edifici, se praticamente possibile.
Quando tali parti conduttrici provengano dall'esterno dell'edificio, esse devono essere collegate il più vicino possibile al loro punto di entrata nell'edificio.
I conduttori equipotenziali principali devono rispondere alle prescrizioni del Capitolo 54.
Il collegamento equipotenziale principale deve essere collegato a qualsiasi schermo metallico dei cavi di telecomunicazione: deve tuttavia essere ottenuto il consenso dei proprietari o degli utilizzatori di questi cavi.
413.1.2.2
Collegamento equipotenziale supplementare
Se le condizioni per l'interruzione automatica indicate in 413.1.1.1 non possono essere soddisfatte in un impianto o in una sua parte, si deve realizzare un collegamento locale detto collegamento equipotenziale supplementare (413.1.6).
Note: 1 - L'uso del collegamento equipotenziale supplementare non dispensa dalla necessità di interrompere l'alimentazione per altre ragioni, per es. per la protezione contro l'incendio, per ridurre le sollecitazioni termiche nei componenti dell'impianto, ecc.
2 - Il collegamento equipotenziale supplementare può interessare l'intero impianto, una sua parte, un componente dell'impianto, o un luogo.
3 - Il collegamento equipotenziale supplementare può essere anche richiesto per luoghi speciali (Parte 7) o per altre ragioni.
Commento
L'esperienza ha dimostrato che una stima accurata, in fase di progettazione dell'impianto, della tensione di contatto comporta difficoltà talvolta insormontabili, essendo basata su alcuni parametri il cui valore dipende dalla configurazione dell'impianto stesso: si è riscontrato che anche la verifica del suo valore ad impianto completato presenta notevoli complicazioni.
Per queste ragioni sono stati definiti dei metodi convenzionali che permettono di determinare i tempi di intervento dei dispositivi di protezione non in funzione della tensione di contatto, bensì in funzione della tensione nominale dell'impianto per i sistemi TN e della tensione totale di terra per i sistemi TT.
Questi tempi sono stati definiti tenendo conto della capacità che hanno le persone di sopportare correnti senza effetti patofisiologici pericolosi, sulla base delle informazioni contenute nella Pubblicazione CEI 1335 P (traduzione della Pubblicazione IEC 479, seconda edizione).

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.1 Protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione
413.1.3 Sistemi TN
Testo
413.1.3.1
Tutte le masse dell'impianto devono essere collegate al punto di messa a terra del sistema di alimentazione con conduttori di protezione che devono essere messi a terra in corrispondenza od in prossimità di ogni trasformatore o generatore di alimentazione.
Il punto di messa a terra del sistema di alimentazione è generalmente il punto neutro. Se un punto neutro non è disponibile o non è accessibile, si deve mettere a terra un conduttore di fase. In nessun caso un conduttore di fase deve servire da conduttore PEN (413.1.3.2).
Note: 1 - Se esistono altri collegamenti efficienti di messa a terra, si raccomanda di collegare i conduttori di protezione al maggior numero possibile di tali punti. Il collegamento a terra a questi punti supplementari, regolarmente ripartiti, può essere necessario per assicurare che il potenziale dei conduttori di protezione resti, in caso di guasto, il più vicino possibile a quello di terra.
In grandi edifici, quali gli edifici molto alti, la messa a terra supplementare dei conduttori di protezione non è possibile per ragioni pratiche. Il collegamento equipotenziale tra i conduttori di protezione e le masse estranee ha, tuttavia, in questo caso una funzione simile.
2 - Per la stessa ragione, si raccomanda di collegare a terra i conduttori di protezione nel punto in cui essi entrano in edifici od in stabilimenti.
413.1.3.2
Nelle condutture fisse, un singolo conduttore può servire sia da conduttore di protezione sia da conduttore neutro (conduttore PEN) a condizione che le prescrizioni di cui in 546.2 siano soddisfatte.
413.1.3.3
Le caratteristiche dei dispositivi di protezione (413.1.3.8) e le impedenze dei circuiti devono essere tali che, se si presenta un guasto di impedenza trascurabile in qualsiasi parte dell'impianto tra un conduttore di fase ed un conduttore di protezione o una massa, l'interruzione automatica dell'alimentazione avvenga entro il tempo specificato, soddisfacendo la seguente condizione:
Zs · Ia <= U0
dove:
Zs è l'impedenza dell'anello di guasto che comprende la sorgente, il conduttore attivo fino al punto di guasto ed il conduttore di protezione tra il punto di guasto e la sorgente;
Ia è la corrente che provoca l'interruzione automatica del dispositivo di protezione entro il tempo definito nella tabella 41A in funzione della tensione nominale U0 oppure, nelle condizioni specificate in 413.1.3.5, entro un tempo convenzionale non superiore a 5s; se si usa un interruttore differenziale Ia è la corrente differenziale nominale IDn.
U0 è la tensione nominale in c.a, valore efficace tra fase e terra.
Tabella 41A - Tempi massimi di interruzione per i sistemi TN
Note: 1 - Per le tensioni che sono entro la banda di tolleranza precisata nella Norma CEI 8-6 si applicano i tempi di interruzione corrispondenti alla tensione nominale.
2 - Per valori di tensione intermedi, si sceglie il valore prossimo superiore della Tab. 41A.
413.1.3.4
Si considera che i tempi massimi di interruzione indicati nella Tabella 41A soddisfino quanto indicato in 413.1.1.1 per i circuiti terminali che alimentano (tramite o senza prese a spina), componenti elettrici mobili, portatili o trasportabili.
413.1.3.5
Tempi di interruzione convenzionali non superiori a 5 s sono ammessi per i circuiti di distribuzione.
Un tempo di interruzione superiore a quello richiesto dalla Tabella 41A ma non superiore a 5 s è ammesso anche per un circuito terminale che alimenti solo componenti elettrici fissi, a condizione che, se altri circuiti terminali che richiedono i tempi di interruzione indicati nella Tabella 41A sono collegati al quadro di distribuzione o al circuito di distribuzione che alimenta quel circuito terminale, sia soddisfatta una delle seguenti condizioni:
a) l'impedenza del conduttore di protezione tra il quadro di distribuzione e il punto nel quale il conduttore di protezione è connesso al collegamento equipotenziale principale non sia superiore a Formula
b) esista un collegamento equipotenziale supplementare (413.1.6.1) che colleghi al quadro di distribuzione localmente gli stessi tipi di masse estranee indicati per il collegamento equipotenziale principale e soddisfi le prescrizioni riguardanti il collegamento equipotenziale principale di cui al Capitolo 54.
Nota - Vedere anche la nota di 413.1.3.9.
413.1.3.6
Se le condizioni di cui in 413.1.3.3, 413.1.3.4 e 413.1.3.5 non possono essere soddisfatte utilizzando dispositivi di protezione contro le sovracorrenti, si deve realizzare un collegamento equipotenziale supplementare conformemente a 413.1.2.2. In alternativa, l'interruzione dell'alimentazione può essere provocata per mezzo di dispositivi di protezione a corrente differenziale.
413.1.3.7
Nei casi eccezionali in cui si può presentare un guasto tra un conduttore di fase e la terra, per es. nell'uso di linee aeree, affinché il conduttore di protezione e le masse collegate ad esso non raggiungano una tensione verso terra superiore ad un valore convenzionale di 50 V, deve essere soddisfatta la seguente condizione:
Formula
RB/RE<= 50/U0-50
dove:
RB è la resistenza di terra di tutti i dispersori collegati in parallelo (compresi quelli della rete di alimentazione), in ohm;
RE è la resitenza minima di terra delle masse estraneee non collegate ad un conduttore di protezione, attraverso le quali si può presentare un guasto tra fase e terra, in ohm;
U0 è la tensione nominale verso terra, in c.a., valore efficace, in volt.
413.1.3.8
Nei sistemi TN è riconosciuto l'utilizzo dei seguenti dispositivi di protezione:
- dispositivi di protezione contro le sovracorrenti;
- dispositivi di protezione a corrente differenziale; con la riserva che:
- nei sistemi TN-C non si devono usare dispositivi di protezione a corrente differenziale;
- se in un sistema TN-C-S si utilizzano dispositivi di protezione a corrente differenziale, non si deve utilizzare un conduttore PEN a valle degli stessi. Il collegamento del conduttore di protezione al conduttore PEN deve essere effettuato a monte del dispositivo di protezione a corrente differenziale.
Per ottenere selettività, gli interruttori differenziali del tipo S possono essere usati in serie agli interruttori differenziali di tipo generale.
413.1.3.9
Quando si utilizza un dispositivo di protezione a corrente differenziale per l'interruzione automatica di un circuito all'esterno della zona di influenza del collegamento equipotenziale principale, non è necessario che le masse siano collegate ai conduttori di protezione del sistema TN, purché siano collegate ad un dispersore posto fuori dalla zona di influenza del collegamento equipotenziale principale, avente una resistenza appropriata alla corrente di funzionamento del dispositivo di protezione a corrente differenziale. Il circuito così protetto deve essere trattato come un sistema TT e si applica quanto indicato in 413.1.4.
Nota - All'esterno della zona di influenza del collegamento equipotenziale principale, si possono utilizzare altre misure di protezione come per esempio:
- separazione elettrica (art. 413.5);
- protezione mediante componenti di Classe II o con isolamento equivalente (art. 413.2).
Commento
L'esperienza ha dimostrato che una stima accurata, in fase di progettazione dell'impianto, della tensione di contatto comporta difficoltà talvolta insormontabili, essendo basata su alcuni parametri il cui valore dipende dalla configurazione dell'impianto stesso: si è riscontrato che anche la verifica del suo valore ad impianto completato presenta notevoli complicazioni.
Per queste ragioni sono stati definiti dei metodi convenzionali che permettono di determinare i tempi di intervento dei dispositivi di protezione non in funzione della tensione di contatto, bensì in funzione della tensione nominale dell'impianto per i sistemi TN e della tensione totale di terra per i sistemi TT.
Questi tempi sono stati definiti tenendo conto della capacità che hanno le persone di sopportare correnti senza effetti patofisiologici pericolosi, sulla base delle informazioni contenute nella Pubblicazione CEI 1335 P (traduzione della Pubblicazione IEC 479, seconda edizione).
413.1.3
Sistemi TN
Questa misura di protezione viene attuata per i sistemi di I categoria con propria cabina di trasformazione.
413.1.3.3
Nei sistemi trifase con neutro collegato direttamente a terra U0 è la tensione fase-neutro.
Nei rari casi in cui il sistema venga collegato direttamente a terra tramite una fase, anziché tramite il neutro, U0 è la tensione nominale (fase-fase).
413.1.3.4
Si ricorda che i componenti elettrici mobili comprendono i componenti elettrici portatili.
413.1.3.5
La seguente Figura indica le condizioni di protezione di diversi circuiti di un impianto: i circuiti indicati con la linea piena possono venire interrotti in tempi sino a 5 s ed i circuiti indicati con linea tratteggiata devono venire interrotti nei tempi precisati nella Tabella 41A.
Per quanto riguarda il collegamento equipotenziale supplementare (EQS) si fa notare che il riferimento all'art. 413.1.6.1 non prevede la verifica e i requisiti per il pavimento richiesti invece dall'articolo 413.1.6.2.
413.1.3.7
In assenza di indicazioni più precise ad RE può essere dato il valore di 10W .
413.1.3.8
Un sistema TN nel quale il conduttore di neutro non sia distribuito viene considerato come un sistema TN-S.
Si fa presente che la Norma CEI 23-18 tratta per ora solo gli interruttori differenziali di tipo generale e non comprende gli interruttori differenziali di tipo S, che sono trattati nelle Pubblicazioni IEC 1008-1 e 1009-1.
413.1.3.9
Vedere in proposito anche l'art. 2.1.02 della Norma CEI 11-8 ed il Commento all'articolo 532.2.3.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.1 Protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione
413.1.4 Sistemi TT
Testo
413.1.4.1
Tutte le masse protette contro i contatti indiretti dallo stesso dispositivo di protezione devono essere collegate allo stesso impianto di terra.
Il punto neutro o, se questo non esiste, un conduttore di fase, di ogni trasformatore o di ogni generatore, deve essere collegato a terra.
413.1.4.2
Deve essere soddisfatta la seguente condizione:
RA · Ia<= 50
dove:
RA è la somma delle resistenze del dispersore e dei conduttori di protezione delle masse, in ohm;
Ia è la corrente che provoca il funzionamento automatico del dispositivo di protezione, in ampere.
Quando il dispositivo di protezione è un dispositivo di protezione a corrente differenziale, Ia è la corrente nominale differenziale IDn.
Per ragioni di selettività, si possono usare dispositivi di protezione a corrente differenziale del tipo S in serie con dispositivi di protezione a corrente differenziale di tipo generale. Per ottenere selettività con i dispositivi di protezione a corrente differenziale nei circuiti di distribuzione è ammesso un tempo di interruzione non superiore a 1 s.
Quando il dispositivo di protezione è un dispositivo di protezione contro le sovracorrenti, esso deve essere:
- un dispositivo avente una caratteristica di funzionamento a tempo inverso, ed in questo caso Ia deve essere la corrente che ne provoca il funzionamento automatico entro 5s, oppure
- un dispositivo con una caratteristica di funzionamento a scatto istantaneo ed in questo caso Ia deve essere la corrente minima che ne provoca lo scatto istantaneo.
413.1.4.3
Se la condizione di cui in 413.1.4.2 non può essere soddisfatta, si deve realizzare un collegamento equipotenziale supplementare secondo 413.1.2.2.
413.1.4.4
Nei sistemi TT è riconosciuto l'utilizzo dei seguenti dispositivi:
- dispositivi di protezione a corrente differenziale;
- dispositivi di protezione contro le sovracorrenti.
Note: 1 - I dispositivi di protezione contro le sovracorrenti si utilizzano solo per la protezione contro i contatti indiretti nei sistemi TT dove RA ha un valore molto basso.
2 - L'uso di dispositivi di protezione a tensione di guasto non è escluso per applicazioni speciali dove non si possano utilizzare i dispositivi sopra citati.
Commento
L'esperienza ha dimostrato che una stima accurata, in fase di progettazione dell'impianto, della tensione di contatto comporta difficoltà talvolta insormontabili, essendo basata su alcuni parametri il cui valore dipende dalla configurazione dell'impianto stesso: si è riscontrato che anche la verifica del suo valore ad impianto completato presenta notevoli complicazioni.
Per queste ragioni sono stati definiti dei metodi convenzionali che permettono di determinare i tempi di intervento dei dispositivi di protezione non in funzione della tensione di contatto, bensì in funzione della tensione nominale dell'impianto per i sistemi TN e della tensione totale di terra per i sistemi TT.
Questi tempi sono stati definiti tenendo conto della capacità che hanno le persone di sopportare correnti senza effetti patofisiologici pericolosi, sulla base delle informazioni contenute nella Pubblicazione CEI 1335 P (traduzione della Pubblicazione IEC 479, seconda edizione).
413.1.4.2
Nel sistema TT un guasto tra una fase ed una massa provoca la circolazione di una corrente di guasto che dipende dall'impedenza dell'anello di guasto, costituita essenzialmente dalle resistenze di terra delle masse e del neutro essendo la somma di queste resistenze preponderante rispetto agli altri elementi dell'anello di guasto.
In genere, mentre i dispositivi di protezione contro le sovracorrenti non sono adatti a soddisfare la precedente condizione, dal momento che la resistenza di terra delle masse dovrebbe assumere valori molto bassi, difficilmente realizzabili in pratica, i dispositivi di protezione a corrente differenziale, sia di tipo generale sia di tipo S, sono adatti per assicurare la protezione contro i contatti indiretti nei sistemi TT.
I tempi massimi di intervento previsti dalle Pubblicazioni IEC 1008 e 1009 (riguardanti gli interruttori differenziali per uso domestico e similare) e dalla Appendice B della Pubblicazione IEC 947-2 (riguardante gli interruttori differenziali per uso industriale), per i tipi generale ed S, sono tali da permettere di soddisfare le condizioni relative alla protezione contro i contatti indiretti.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.1 Protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione
413.1.5 Sistemi IT
Testo
413.1.5.1
Nei sistemi IT le parti attive devono essere isolate da terra oppure essere collegate a terra attraverso un'impedenza di valore sufficientemente elevato. Questo collegamento può essere effettuato al punto neutro del sistema oppure ad un punto neutro artificiale, che può venire collegato direttamente a terra quando l'impedenza di sequenza zero risultante sia sufficientemente elevata. Se non esiste alcun punto neutro, si può collegare a terra attraverso un'impedenza un conduttore di fase.
Nel caso di un singolo guasto a terra la corrente di guasto è quindi debole e non è necessario interrompere il circuito se le prescrizioni di cui in 413.1.5.3 sono soddisfatte. Si devono tuttavia prendere precauzioni per evitare il rischio di effetti fisiologici dannosi su persone in contatto con parti conduttrici simultaneamente accessibili nel caso di doppio guasto a terra.
413.1.5.2
Nota - Per ridurre le sovratensioni o per smorzare le oscillazioni di tensione, può essere necessario realizzare messe a terra attraverso impedenze o punti neutri artificiali, le cui caratteristiche devono essere appropriate a quanto prescritto per l'impianto.
413.1.5.3
Le masse devono essere messe a terra individualmente, per gruppi o collettivamente.
Deve essere soddisfatta la seguente condizione:
RT · Id <= 50
dove:
RT è la resistenza del dispersore al quale sono collegate le masse in ohm;
Id è la corrente di guasto nel caso di primo guasto di impedenza trascurabile tra un conduttore difase ed una massa, in ampere. Il valore di Id tiene conto delle correnti di dispersione verso terra e dell'impedenza totale di messa a terra dell'impianto elettrico.
413.1.5.4
Si deve prevedere un dispositivo di controllo dell'isolamento per indicare il manifestarsi di un primo guasto tra una parte attiva e masse o terra, questo dispositivo deve azionare un segnale sonoro e/o visivo.
Note: 1 - Si raccomanda di eliminare il primo guasto con il più breve ritardo possibile.
2 - Un dispositivo di controllo dell'isolamento può essere utile anche per ragioni diverse dalla protezione contro i contatti indiretti.
413.1.5.5
Una volta manifestatosi un primo guasto, le condizioni di interruzione dell'alimentazione nel caso di un secondo guasto devono essere le seguenti in dipendenza del fatto che le masse siano interconnesse per mezzo di un conduttore di protezione (messe a terra collettivamente) oppure che siano messe a terra per gruppi od individualmente.
a) Quando le masse sono messe a terra per gruppi od individualmente, le condizioni per la protezione sono date in 413.1.4 come per i sistemi TT, con l'eccezione che il secondo capoverso di 413.1.4.1 non si applica.
b) Quando le masse sono interconnesse collettivamente da un conduttore di protezione, si applicano le prescrizioni relative al sistema TN, nelle condizioni indicate in 413.1.5.6. ed in 413.1.5.7.
413.1.5.6
Quando il neutro non è distribuito deve essere soddisfatta la seguente condizione:
Formula
Zs<= U/Ia
e, quando il neutro è distribuito, deve essere soddisfatta la seguente condizione:
Formula
Z's<=U0/2Ia
dove:
U0 è la tensione nominale in c.a., valore efficace, tra fase e terra;
U è la tensione nominale in c.a., valore efficace, tra fase e fase;
Zs è l'impedenza dell'anello di guasto costituito dal conduttore di fase e dal conduttore di protezione del circuito;
Zs' è l'impedenza del circuito di guasto costituito dal conduttore neutro e dal conduttore di protezione del circuito;
Ia è la corrente che interrompe il circuito entro il tempo t specificato nella tabella 41B, quando applicabile, od entro 5 s per tutti gli altri circuiti, quando questo tempo è permesso (vedere 413.1.3.5).
Tabella 41B - Tempo di interruzione massimo nei sistemi IT (secondo guasto)
413.1.5.7
Se le condizioni dell'art. 413.1.5.6 non possono essere soddisfatte con l'uso di dispositivi di protezione di sovracorrente, si deve applicare un collegamento equipotenziale supplementare in accordo con 413.1.2.2. In alternativa si deve prevedere una protezione mediante un interruttore differenziale che protegga ciascun circuito.
413.1.5.8
Nei sistemi IT è riconosciuto l'utilizzo dei seguenti dispositivi di controllo e di protezione:
- dispositivi di controllo dell'isolamento;
- dispositivi di protezione contro le sovracorrenti;
- dispositivi di protezione a corrente differenziale.
Commento
L'esperienza ha dimostrato che una stima accurata, in fase di progettazione dell'impianto, della tensione di contatto comporta difficoltà talvolta insormontabili, essendo basata su alcuni parametri il cui valore dipende dalla configurazione dell'impianto stesso: si è riscontrato che anche la verifica del suo valore ad impianto completato presenta notevoli complicazioni.
Per queste ragioni sono stati definiti dei metodi convenzionali che permettono di determinare i tempi di intervento dei dispositivi di protezione non in funzione della tensione di contatto, bensì in funzione della tensione nominale dell'impianto per i sistemi TN e della tensione totale di terra per i sistemi TT.
Questi tempi sono stati definiti tenendo conto della capacità che hanno le persone di sopportare correnti senza effetti patofisiologici pericolosi, sulla base delle informazioni contenute nella Pubblicazione CEI 1335 P (traduzione della Pubblicazione IEC 479, seconda edizione).
413.1.5
Sistemi IT
Questa misura di protezione, che non prevede in genere l'interruzione dell'alimentazione dopo un primo guasto, viene attuata quando esistano particolari esigenze di continuità di esercizio.
413.1.5.1
Il valore dell'impedenza deve essere scelto in modo da evitare oscillazioni del potenziale dell'impianto dovute a fenomeni di risonanza ed in modo da provocare la circolazione di una corrente di guasto che possa essere rivelata.
In pratica, negli impianti aventi tensione nominale di 230/400 V, si raccomanda di scegliere una resistenza avente valore dell'ordine di qualche centinaio di ohm.
Per doppio guasto a terra si intende il caso di due guasti simultaneamente presenti su due fasi diverse.
413.1.5.3
Il valore di 25 V ammesso, nella precedente edizione di questa Norma, come limite massimo sulle masse nel caso di primo guasto a terra è stato portato a 50 V per adeguamento al relativo Documento di Armonizzazione.
413.1.5.4
Allo scopo di poter eliminare il primo guasto nel più breve tempo possibile è necessario installare nell'impianto utilizzatore un dispositivo di controllo dell'isolamento a funzionamento continuo: i vantaggi del sistema IT si perderebbero infatti se un secondo guasto apparisse prima dell'eliminazione del guasto precedente.
Le condizioni relative alla scelta ed alla messa in opera dei dispositivi di controllo dell'isolamento sono indicate in 532.3.
413.1.5.5
Si raccomanda di collegare le masse ad un impianto di terra unico in modo che al secondo guasto ci si riconduca alle condizioni di protezione di un sistema TN.
In caso di un secondo guasto su di una fase diversa, prima che il precedente guasto sia stato eliminato, la corrente di doppio guasto che ne deriva e che interessa due circuiti raggiunge un valore molto inferiore a quello della corrente di cortocircuito in un solo circuito.
La presente Norma non tiene conto, per la bassa probabilità che capiti una tale circostanza, del rischio di contatto simultaneo con due masse nelle quali si producano due difetti di isolamento relativi a fasi diverse.
413.1.5.6
Si raccomanda di non distribuire il neutro nei sistemi IT (art. 473.3.2.2).
Se tuttavia è necessario distribuirlo, la condizione di doppio guasto, uno dei quali interessi il conduttore di neutro, è considerata dalla presente Norma come la più sfavorevole del momento che dà luogo ad una corrente di doppio guasto di valore inferiore rispetto al caso in cui il doppio guasto interessi due conduttori di fase.
Questa corrente, valutata eguale alla metà della corrente di guasto di un sistema TN, è determinante per la protezione contro i contatti indiretti dal momento che deve essere in grado di fare intervenire i dispositivi di protezione nei tempi indicati nella Tabella 41B.
Se sono rispettati i tempi indicati per il caso di neutro distribuito, che sono basati sul doppio guasto fase-neutro, lo sono in genere rispettati anche per il doppio guasto fase-fase.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.1 Protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione
413.1.6 Collegamento equipotenziale supplementare
Testo
413.1.6.1
Il collegamento equipotenziale supplementare deve comprendere tutti gli elementi conduttori simultaneamente accessibili, cioè le masse dei componenti elettrici e le masse estranee.
413.1.6.2
Il collegamento equipotenziale supplementare è ritenuto efficace se la resistenza R tra le masse e le masse estranee simultaneamente accessibili soddisfa la seguente condizione:
Formula
R<=50/Ia
dove:
Ia è la corrente di funzionamento in 5 s del dispositivo di protezione contro le sovracorrenti.
Nota - Il collegamento equipotenziale supplementare si può effettuare se il pavimento è isolante, oppure, se non è isolante, sia tale da potere essere collegato allo stesso collegamento equipotenziale supplementare.


Commento
L'esperienza ha dimostrato che una stima accurata, in fase di progettazione dell'impianto, della tensione di contatto comporta difficoltà talvolta insormontabili, essendo basata su alcuni parametri il cui valore dipende dalla configurazione dell'impianto stesso: si è riscontrato che anche la verifica del suo valore ad impianto completato presenta notevoli complicazioni.
Per queste ragioni sono stati definiti dei metodi convenzionali che permettono di determinare i tempi di intervento dei dispositivi di protezione non in funzione della tensione di contatto, bensì in funzione della tensione nominale dell'impianto per i sistemi TN e della tensione totale di terra per i sistemi TT.
Questi tempi sono stati definiti tenendo conto della capacità che hanno le persone di sopportare correnti senza effetti patofisiologici pericolosi, sulla base delle informazioni contenute nella Pubblicazione CEI 1335 P (traduzione della Pubblicazione IEC 479, seconda edizione).
Mentre il collegamento equipotenziale supplementare permette di evitare i pericoli dal punto di vista della protezione contro i contatti indiretti se, in caso di guasto, il circuito non viene interrotto in tempi sufficientemente rapidi, si possono tuttavia manifestare altri fenomeni pregiudizievoli, come per es. il riscaldamento del conduttore equipotenziale o l'aumento della resistenza della messa a terra in seguito all'essiccamento del suolo.
Si raccomanda di collegare le armature principali del cemento armato durante la costruzione dell'edificio.
Ci si deve anche assicurare che la realizzazione di un collegamento equipotenziale tra due masse appartenenti a due circuiti aventi sezioni molto diverse non possa provocare nel conduttore di minore sezione il passaggio di una corrente di guasto tale da provocare una sollecitazione termica superiore a quella ammissibile in questo conduttore.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.2 Protezione mediante componenti elettrici di Classe II o con isolamento equivalente
Testo
Nota - Questa misura è destinata ad impedire il manifestarsi di una tensione pericolosa sulle parti accessibili di componenti elettrici a seguito di un guasto nell'isolamento principale.
413.2.1
La protezione deve essere assicurata con l'uso:
413.2.1.1
di componenti elettrici dei tipi seguenti, che siano stati sottoposti alle prove di tipo e siano contrassegnati in accordo con le relative norme:
- componenti elettrici aventi un isolamento doppio o rinforzato (componenti elettrici di
Classe II);
- quadri prefabbricati aventi un isolamento completo (Norma CEI 17-13/1);
Nota - Questi componenti elettrici sono identificati dal
Segno Grafico
413.2.1.2
di un isolamento supplementare, applicato durante l'installazione ai componenti elettrici aventi solo un isolamento principale, che presenti un grado di sicurezza equivalente a quello dei componenti elettrici di cui in 413.2.1.1 e che soddisfi le condizioni specificate da 413.2.2 a 413.2.6;
413.2.1.3
di un isolamento rinforzato, applicato alle parti attive nude durante l'installazione, che presenti un grado di sicurezza equivalente a quello dei componenti elettrici di cui in 413.2.1.1 e che soddisfi le condizioni specificate da 413.2.3 a 413.2.6.
Note a 413.2.1.2 e 413.2.1.3 - Il
Segno Grafico
deve essere applicato ben visibile sull'esterno e sull'interno dell'involucro applicato durante l'installazione.
413.2.2
Quando i componenti elettrici sono pronti per il funzionamento, le parti intermedie devono essere contenute in un involucro isolante che presenti almeno il grado di protezione IPXXB.
413.2.3
Gli involucri isolanti devono essere in grado di sopportare le sollecitazioni meccaniche, elettriche e termiche suscettibili di prodursi.
Rivestimenti con vernici, lacche, e prodotti similari non sono in genere considerati adatti a soddisfare queste prescrizioni. Ciò tuttavia non esclude l'uso di involucri che siano stati sottoposti a prove di tipo e che siano ricoperti da tali rivestimenti, se le Norme relative ammettono il loro uso e se i rivestimenti sono provati secondo le relative condizioni di prova.
Nota - Le prescrizioni per le distanze superficiali e per le distanze in aria sono allo studio.
413.2.4
(Omesso)

413.2.5
L'involucro isolante non deve essere attraversato da parti conduttrici suscettibili di propagare un potenziale. L'involucro isolante non deve avere viti in materiale isolante la cui sostituzione con viti metalliche potrebbe compromettere l'isolamento offerto dall'involucro.
Nota - Quando è necessario che l'involucro isolante sia attraversato da giunzioni o connessioni meccaniche (per es. da organi di comando di apparecchi incorporati), queste devono essere disposte in modo tale che la protezione contro i contatti indiretti in caso di guasto non risulti compromessa.
413.2.6
Se l'involucro isolante è provvisto di porte o coperchi che possono essere aperti senza l'uso di una chiave o di un attrezzo, tutte le parti conduttrici, che sono accessibili quando una porta od un coperchio sia aperto, devono trovarsi dietro una barriera isolante con un grado di protezione non inferiore a IPXXB che impedisca alle persone di venire in contatto con tali parti; questa barriera isolante deve poter essere rimossa solo con l'uso di un attrezzo.
413.2.7
Le parti conduttrici racchiuse nell'involucro isolante non devono essere collegate ad un conduttore di protezione. Si possono tuttavia prendere provvedimenti per collegare i conduttori di protezione che debbono attraversare l'involucro per collegare altri componenti elettrici il cui circuito di alimentazione passi pure attraverso l'involucro. All'interno dello stesso involucro, tali conduttori ed i loro morsetti devono essere isolati come se fossero parti attive ed i loro morsetti devono essere contrassegnati in modo appropriato.
Le parti conduttrici accessibili e le parti intermedie non devono essere collegate ad un conduttore di protezione a meno che ciò sia previsto nelle prescrizioni di costruzione del relativo componente elettrico.
413.2.8
L'involucro non deve nuocere alle condizioni di funzionamento del componente elettrico protetto secondo questa misura di protezione.
413.2.9
L'installazione dei componenti elettrici citati in 413.2.1.1 (fissaggio, collegamento dei conduttori, ecc.) deve essere effettuata in modo da non danneggiare la protezione assicurata secondo prescrizioni di costruzione degli stessi componenti elettrici.
Commento
413.2.1.1
Sono considerate in accordo con questa misura di protezione, per i sistemi elettrici con tensioni nominali non superiori a 690 V, le condutture elettriche costituite da:
- cavi con guaina non metallica aventi tensione nominale maggiore di un gradino rispetto a quella necessaria per il sistema elettrico servito e che non comprendano un rivestimento metallico;
- cavi unipolari senza guaina installati in tubo protettivo o canale isolante, rispondente alle rispettive Norme;
- cavi con guaina metallica aventi isolamento idoneo per la tensione nominale del sistema elettrico servito, tra la parte attiva e la guaina metallica e tra questa e l'esterno.
Parti metalliche in contatto con i precedenti cavi non sono da considerare masse.
Resta valido tuttavia quanto disposto dagli art. 701.520.02 e 702.520.02, rispettivamente per i locali contenenti bagni e docce e per le piscine, e quanto disposto da Norme CEI particolari, come per es. dall'art. 4.3.09 della Norma CEI 64-7.
(Vedere anche il Commento a 542.1.1).

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.3 Protezione per mezzo di luoghi non conduttori
Testo
Nota - Questa misura di protezione è destinata ad evitare i contatti simultanei con parti che possano trovarsi ad un potenziale diverso a seguito di un guasto dell'isolamento principale di parti attive. L'utilizzo di componenti elettrici di Classe 0 è ammesso a condizione che tutte le seguenti condizioni siano soddisfatte.
413.3.1
Le masse devono essere disposte in modo che, in circostanze ordinarie, persone non vengano simultaneamente in contatto con:
- due masse , oppure
- una massa ed una qualsiasi massa estranea, se queste parti sono suscettibili di trovarsi ad un potenziale diverso a seguito di un guasto dell'isolamento principale di parti attive.
413.3.2
In un luogo non conduttore non devono esserci conduttori di protezione.
413.3.3
Quanto prescritto in 413.3.1 è considerato soddisfatto se il luogo ha pavimento e pareti isolanti e se si applica una o più delle seguenti disposizioni a), b) e c):
a) distanziamento delle masse da masse estranee e delle masse tra di loro. Questo distanziamento è considerato sufficiente se la distanza tra due parti non è inferiore a 2 m in orizzontale ed a 2,5 m in verticale; queste distanze possono essere ridotte a 1,25 m al di fuori della zona a portata di mano;
b) interposizione di efficaci ostacoli tra masse e masse estranee. Tali ostacoli sono considerati come sufficientemente efficaci se consentono di tenere le distanze nei valori indicati nel precedente punto a). Essi non devono essere collegati a terra od a masse; per quanto possibile, devono essere di materiale isolante;
c) isolamento o disposizioni isolanti delle masse estranee. L'isolamento deve avere una resistenza meccanica sufficiente ed essere in grado di sopportare una tensione di prova di almeno 2000 V. La corrente di dispersione verso terra non deve superare 1 mA in condizioni ordinarie d'uso.
413.3.4
La resistenza dei pavimenti e delle pareti isolanti in ogni punto della misura nelle condizioni specificate in 612 non deve essere inferiore a:
- 50 kW per tensioni di alimentazione non superiori a 500 V, o
- 100 kW per tensioni di alimentazione superiori a 500 V.
Nota - Se in un punto qualsiasi la resistenza è inferiore al valore specificato, i pavimenti e le pareti sono considerati come masse estranee ai fini della protezione contro i contatti indiretti.
413.3.5
Le disposizioni prese devono essere permanenti e non deve essere possibile renderle inefficaci. Esse devono anche assicurare la protezione dove si prevede l'uso di componenti elettrici trasportabili, mobili o portatili.
Note: 1 - Si richiama l'attenzione sul pericolo che, quando gli impianti elettrici non siano sottoposti ad un'efficace sorveglianza, si possano introdurre altre parti conduttrici (per es. componenti elettrici trasportabili, mobili o portatili di Classe I oppure condutture d'acqua metalliche), che possano rendere l'impianto elettrico non conforme a quanto indicato in 413.3.5.
2 - E' essenziale assicurare che l'isolamento del pavimento e delle pareti non possa essere compromesso dall'umidità.
413.3.6
Si devono prendere precauzioni per assicurare che le masse estranee non possano propagare potenziali all'esterno del luogo considerato.
Commento
In pratica esistono pochi locali in grado di soddisfare le condizioni richieste per l'applicazione di questa misura di protezione soprattutto per le seguenti ragioni:
- presenza di un numero sempre più grande di masse estranee nei locali;
- possibilità di modifiche dei rivestimenti dei pavimenti che possano trasformare un locale da non conduttore in conduttore;
- presenza di prese a spina e uso di cordoni prolungatori che rendano variabili le distanze tra gli apparecchi utilizzatori e li possono rendere simultaneamente accessibili.
Questa misura di protezione, per la sua particolarità, non è mai applicabile negli edifici civili e similari. Essa non giustifica la classificazione dei componenti elettrici in Classe 0, proprio in considerazione del suo limitatissimo campo di impiego, e perché facilmente sostituibili con componenti elettrici di Classe I non collegati a terra.
413.3.3
Le prescrizioni di questo paragrafo vanno riferite solo a componenti elettrici fissi; è vietato l'uso di prese a spina.
L'impianto deve inoltre essere sotto il controllo di personale addestrato, affinché:
- sia evitata l'introduzione nel locale di componenti elettrici collegati a terra o di masse estranee;
- durante l'accesso al locale le persone non siano sottoposte a differenze di potenziale pericolose.
Le masse estranee uscenti dal locale infine (per es. tubi metallici) devono essere interrotte con uno o più elementi isolanti in modo che non propaghino potenziali pericolosi all'esterno.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.4 Protezione per mezzo di collegamento equipotenziale locale non connesso a terra
Testo
Nota - Il collegamento equipotenziale locale non connesso a terra è destinato ad evitare il manifestarsi di una tensione di contatto pericolosa.
413.4.1
I conduttori di collegamento equipotenziale devono interconnettere tutte le masse e tutte le masse estranee simultaneamente accessibili.
413.4.2
Il collegamento equipotenziale locale non deve essere connesso a terra, né direttamente, né tramite masse o masse estranee.


413.4.3
Si devono prendere precauzioni per assicurare che le persone che entrano in un luogo reso equipotenziale non possano essere esposte ad una differenza di potenziale pericolosa, in particolare quando un pavimento conduttore isolato da terra sia collegato ad un collegamento equipotenziale locale non connesso a terra.

Commento
Anche per questa misura di protezione esistono in pratica pochi locali in grado di soddisfare le prescrizioni richieste per la sua applicazione. Essa, come la precedente misura di protezione di cui in 413.3, non è comunque mai applicabile negli edifici civili e similari.
Anche per questa misura di protezione si applicano gli ultimi due capoversi del precedente Commento a 413.3.3.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 41 - Protezione contro i contatti diretti ed indiretti
413. Protezione contro i contatti indiretti
413.5 Protezione per separazione elettrica
Testo
Nota - La separazione elettrica è destinata ad evitare correnti pericolose a seguito di contatto con masse che possono essere messe sotto tensione da un guasto nell'isolamento principale del circuito.
413.5.1
La protezione per separazione elettrica deve essere assicurata dalla rispondenza a tutte le prescrizioni date da 413.5.1.1 a 413.5.1.6 ed a:
- quanto indicato in 413.5.2, se il circuito separato alimenta un solo componente elettrico, oppure
- quanto indicato in 413.5.3, se il circuito separato alimenta più di un componente elettrico.
Nota - Si raccomanda che il prodotto della tensione nominale del circuito separato, in volt, per la lunghezza della relativa conduttura elettrica, in metri, non sia superiore a 100000; la lunghezza della conduttura elettrica non deve superare 500 m.
413.5.1.1
La sorgente di alimentazione del circuito deve essere:
- un trasformatore di isolamento, oppure
- una sorgente con caratteristiche di sicurezza equivalenti a quelle del trasformatore di isolamento, per es. un gruppo motore-generatore con avvolgimenti che forniscano una separazione equivalente a quella del trasformatore di isolamento.
Nota - La capacità di sopportare una tensione di prova particolarmente elevata è riconosciuta come mezzo per assicurare il grado di isolamento necessario.
Le sorgenti non fisse di alimentazione collegate ad un sistema di alimentazione devono essere scelte od installate in accordo con quanto indicato in 413.2.
Le sorgenti fisse di alimentazione devono essere:
- scelte ed installate in accordo con 413.2, oppure
- tali che il circuito secondario sia separato dal circuito primario e dall'involucro per mezzo di un isolamento che soddisfi le condizioni di 413.2; se tale sorgente alimenta più di un componente elettrico, le masse di questi componenti elettrici non devono essere collegate all'involucro metallico della sorgente.
413.5.1.2
La tensione nominale del circuito separato non deve superare 500 V.
413.5.1.3
Le parti attive del circuito separato non devono essere collegate in nessun punto ad un altro circuito od a terra.
Per evitare il rischio di un guasto a terra del circuito separato, si deve curarne in modo particolare l'isolamento verso terra, soprattutto per i cavi flessibili.
Le parti attive del circuito separato devono essere separate elettricamente dagli altri circuiti. Deve essere assicurata una separazione elettrica non inferiore a quella richiesta tra gli avvolgimenti primario e secondario di un trasformatore di isolamento.
Nota - In particolare, la separazione elettrica è necessaria tra le parti attive di componenti elettrici quali relè, contattori, ausiliari di comando e qualsiasi parte di un altro circuito.
413.5.1.4
I cavi flessibili devono essere visibili su tutta la loro lunghezza, dove possono essere danneggiati meccanicamente, e devono essere del tipo ..... (allo studio).
413.5.1.5
Si raccomanda l'uso di condutture elettriche separate per i circuiti separati. Se non si può evitare di usare conduttori di una stessa conduttura elettrica per i circuiti separati e per gli altri circuiti, si devono utilizzare cavi multipolari senza guaina metallica, oppure cavi unipolari senza guaina in tubi protettivi isolanti o in canali isolanti, a condizione che essi siano isolati per la tensione nominale del sistema a tensione più elevata e che ciascun circuito sia protetto contro le sovracorrenti.
413.5.1.6
Le masse del circuito separato non devono essere collegate intenzionalmente né a terra né alle masse di altri circuiti né a masse estranee.
Nota - Se le masse del circuito separato sono suscettibili di entrare in contatto, di fatto od occasionalmente, con le masse di altri circuiti, la protezione contro i contatti indiretti non dipende più unicamente dalla protezione per separazione elettrica, ma dalle misure di protezione adottate per queste ultime masse.
413.5.2
Quando il circuito separato alimenta un solo componente elettrico, la sua massa non deve essere collegata ad un conduttore di protezione.
413.5.3
Se si prendono precauzioni per proteggere il circuito separato da ogni danneggiamento e guasto dell'isolamento, una sorgente di alimentazione conforme a 413.5.1.1 può alimentare più di un componente elettrico a condizione che siano soddisfatte tutte le prescrizioni date da 413.5.3.1 a 413.5.3.4.
413.5.3.1
Le masse del circuito separato devono essere collegate tra di loro per mezzo di conduttori equipotenziali isolati non collegati a terra. Tali conduttori non devono essere collegati a conduttori di protezione od a masse di altri circuiti o a qualsiasi massa estranea.
413.5.3.2
Tutte le prese a spina devono avere un contatto di protezione che deve essere collegato al conduttore equipotenziale previsto in 413.5.3.1.
413.5.3.3
Tutti i cavi flessibili dei componenti elettrici, salvo quelli dei componenti elettrici di Classe II, devono incorporare un conduttore di protezione da utilizzare come conduttore di collegamento equipotenziale.
413.5.3.4
Se si verificano due guasti su conduttori di polarità diversa che interessano due masse, un dispositivo di protezione deve assicurare l'interruzione dell'alimentazione in un tempo di interruzione in accordo con la Tabella 41A.
Commento
La sicurezza di questa misura di protezione dipende dal buon isolamento dei circuiti separati: si raccomanda quindi di disporre questi circuiti in modo che il loro stato possa essere esaminato a vista.
Una particolare attenzione deve essere portata ai cavi flessibili, che sono soggetti facilmente a danneggiamenti.
La lunghezza della conduttura elettrica viene determinata indipendentemente dal numero dei singoli conduttori.
413.5.1.1
Le prescrizioni dell'ultimo e penultimo capoverso, che richiedono una sorgente di Classe II o con isolamento equivalente, non si applicano a gruppi elettrogeni e ad altre sorgenti autonome, cioè non alimentate dalla rete.
Se il circuito primario del trasformatore di isolamento fisso è separato dall'involucro per mezzo di un isolamento che soddisfi le condizioni di 413.2, non è richiesto che il circuito secondario dello stesso trasformatore di isolamento sia separato dallo stesso involucro con un isolamento che soddisfi le stesse condizioni di 413.2, a condizione che l'involucro metallico del trasformatore di isolamento sia collegato ad altre eventuali masse simultaneamente accessibili.
413.5.1.6
E' ammesso tuttavia collegare intenzionalmente le masse del circuito separato ad un impianto di terra a cui non siano collegate né masse o conduttori di protezione di altri circuiti, né masse estranee che possano introdurre tensioni pericolose.
413.5.3.1
È sufficiente che i conduttori equipotenziali isolati e non collegati a terra siano dimensionati in accordo con le prescrizioni riguardanti i conduttori equipotenziali supplementari.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 42- Protezione contro gli effetti termici
421. Generalità
Testo
Nota - I termini relativi al comportamento in presenza di fuoco e le corrispondenti prove sono oggetto di lavori in corso che sono svolti in collaborazione tra ISO ed IEC. I termini utilizzati nel presente capitolo sono provvisori.
421.
Generalità
Le persone, i componenti elettrici fissi ed i materiali, non facenti parti dell'impianto elettrico, fissi, posti in vicinanza di componenti elettrici, devono essere protetti contro gli effetti dannosi del calore sviluppato dai componenti elettrici, o contro gli effetti dell'irraggiamento termico, in particolare per quanto riguarda i seguenti effetti:
- combustione o deterioramento di materiali;
- rischio di ustioni;
- riduzione della sicurezza nel funzionamento dei componenti elettrici installati.
Nota - La protezione contro le sovracorrenti è trattata nel Capitolo 43.

Commento
Vedere la sezione 751 per gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio e la Sezione 527 per la scelta e la messa in opera delle condutture allo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell'incendio.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 42 - Protezione contro gli effetti termici
422. Protezione contro gli incendi
Testo
Nota - I termini relativi al comportamento in presenza di fuoco e le corrispondenti prove sono oggetto di lavori in corso che sono svolti in collaborazione tra ISO ed IEC. I termini utilizzati nel presente capitolo sono provvisori.
422.
Protezione contro gli incendi
422.1
I componenti elettrici non devono costituire pericolo di innesco o di propagazione di incendio per i materiali adiacenti.
Oltre alle prescrizioni della presente Norma, devono essere osservate tutte le relative istruzioni di installazione del costruttore.
422.2
I componenti elettrici che possono raggiungere temperature superficiali tali da poter innescare l'incendio dei materiali adiacenti, devono essere installati in uno dei seguenti modi:
- su od entro elementi costituiti da materiali che resistano a tali temperature e che abbiano una bassa conducibilità termica;
- dietro schermi termicamente isolanti che resistano a tali temperature e che abbiano una bassa conducibilità termica;
- ad una distanza sufficiente a permettere un'adeguata dissipazione del calore per evitare che tali temperature possano avere effetti termici dannosi sui materiali la cui conservazione potrebbe venire compromessa da tali temperature, utilizzando supporti di bassa conducibilità termica.
422.3
I componenti elettrici collegati all'impianto in modo permanente che nel loro funzionamento ordinario siano tali da produrre archi o scintille, devono:
- essere totalmente racchiusi in elementi di materiale resistente agli archi, oppure
- essere schermati, con elementi di materiale resistente agli archi, dagli elementi dell'edificio sui quali gli archi potrebbero avere effetti termici dannosi, oppure
- essere installati ad una distanza sufficiente dagli elementi dell'edificio sui quali gli archi o le scintille potrebbero avere effetti termici dannosi, per permettere una sicura estinzione degli stessi archi o scintille.
I materiali resistenti agli archi utilizzati per questa misura di protezione devono essere non combustibili, avere bassa conducibilità termica e presentare uno spessore adeguato per assicurare stabilità meccanica.
422.4
I componenti elettrici fissi che presentino effetti di focalizzazione o di concentrazione di calore devono essere distanziati da qualsiasi oggetto fisso o da qualsiasi elemento dell'edificio in modo tale che questi oggetti od elementi non possano essere sottoposti, in condizioni ordinarie, a temperature pericolose.
422.5
Quando i componenti elettrici installati nello stesso locale contengono liquido infiammabile in quantità significativa, si devono prendere precauzioni per evitare che il liquido in fiamme ed i prodotti di combustione del liquido stesso (fiamme, fumo, gas tossici) si propaghino alle altre parti dell'edificio.
Note: 1 - Esempi di tali precauzioni sono:
ò una fossa di drenaggio che raccolga le fuoriuscite di liquido e ne assicuri l'estinzione in caso di incendio, oppure
ò l'installazione dei componenti elettrici in un locale dotato di pareti resistenti al fuoco e di barriere o di altri mezzi adatti ad evitare che il liquido in fiamme si propaghi in altre parti dell'edificio: tale locale deve essere ventilato solo verso l'esterno.
2 - Una quantità di 25 l è generalmente considerata come significativa.
3 - Per quantità inferiori a 25 l è sufficiente prendere precauzioni per evitare la fuga del liquido.
4 - E` auspicabile che l'alimentazione dei componenti elettrici venga interrotta all'insorgere di un incendio.
422.6
I materiali degli involucri disposti attorno ai componenti elettrici durante la messa in opera devono essere in grado di sopportare le più elevate temperature che possano essere prodotte dai componenti stessi.
I materiali combustibili non sono adatti per la costruzione di questi involucri a meno che non vengano prese misure preventive contro la loro accensione, quali il rivestimento con materiale non combustibile o con materiale difficilmente combustibile e di bassa conducibilità termica.
Commento
Vedere la sezione 751 per gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio e la Sezione 527 per la scelta e la messa in opera delle condutture allo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell'incendio.
422.
Protezione contro gli incendi
I criteri riguardanti il pericolo di innesco o di propagazione di incendi, per la scelta e le prove di comportamento dei componenti elettrici sono quelli delle relative Norme CEI: in carenza di dette Norme, provvisoriamente possono venire seguiti, per i componenti elettrici costruiti con materiali isolanti, i criteri di prova indicati nella seguente tabella
422.2 e 422.3
Se i componenti elettrici, che possono raggiungere temperature superficiali pericolose o che sono tali da produrre archi o scintille nel loro funzionamento ordinario, sono posti in vicinanza di elementi di materiale facilmente infiammabile, si devono prendere precauzioni per limitare il riscaldamento di questi elementi: se si ricorre alla interposizione di schermi termicamente isolanti, questi devono venire realizzati con i materiali aventi un adeguato grado di reazione al fuoco (di Classe di reazione al fuoco 0, 1 oppure 2, secondo D.M. del 26 giugno 1984 Min. Int.).
Si devono interporre elementi realizzati con gli stessi materiali anche quando i componenti elettrici sono da collocare su elementi che non siano in grado di resistere ad elevate temperature (come per es. nel caso di apparecchi di illuminazione) o ad archi o scintille: nel caso di apparecchi di illuminazione dotati di ballast e marchiati con il simbolo F tuttavia questi elementi addizionali non sono necessari.
422.4
Questa prescrizione riguarda soprattutto certi apparecchi di illuminazione a incandescenza che presentino effetti di focalizzazione della luce: in questi casi la distanza minima da tenere rispetto ad altri oggetti è in genere indicata sui fogli di istruzione.
422.5
Non esistendo per ora una normativa italiana che classifichi i dielettrici liquidi secondo le loro capacità di accendersi e di procedere nella combustione, può essere utile fare ricorso alle Norme francesi NF C 27-300, che classifica i dielettrici liquidi in classi individuate da una lettera seguita da un numero, e NF C 17-300, che ne indica le condizioni d'uso in relazione al pericolo di incendio.
La lettera riguarda la temperatura di combustione (cioè la minima temperatura alla quale, dopo che i vapori formatisi sulla superficie del liquido si siano accesi con un innesco, la fiamma duri per almeno 5 s, utilizzando un metodo di prova standardizzato):
- O: se è eguale od inferiore a 300 °C;
- K: se supera 300 °C;
- L: se il dielettrico non ha una temperatura di combustione misurabile.
Il numero dipende dal potere calorifico inferiore:
- 1: se è superiore od uguale a 42 MJ/kg;
- 2: se è compreso tra 42 e 32 MJ/kg;
- 3: se è inferiore a 32 MJ/kg.
Il limite di 25 l, riferito al liquido contenuto in tutti i componenti elettrici situati nello stesso locale, è considerato significativo per liquidi isolanti altamente infiammabili (Classi O1 e K1), come per es. gli oli minerali e gli idrocarburi ad alto peso molecolare.
Per liquidi isolanti meno infiammabili (Classi K2 e K3), come per es. gli esteri e i siliconi, il limite di 25 l può essere aumentato a 50 l.
Per altri liquidi isolanti (Classe L3), come per es. i liquidi isolanti alogenati per trasformatori, non si applica alcun limite.
422.6
Questa prescrizione si considera già soddisfatta per quanto riguarda gli involucri di componenti elettrici, quando ne costituiscano una parte integrante, e gli involucri di assiemi prefabbricati, quando questi componenti e questi assiemi rispondano alle relative Norme CEI.
Gli involucri messi in opera durante l'installazione dell'impianto non devono venire realizzati con materiale di Classi di reazione al fuoco 3 oppure 4, a meno che non vengano rivestiti di materiali di Classe di reazione al fuoco 0, 1 oppure 2, aventi bassa conducibilità termica.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 42 - Protezione contro gli effetti termici
423. Protezione contro le ustioni
Testo
Nota - I termini relativi al comportamento in presenza di fuoco e le corrispondenti prove sono oggetto di lavori in corso che sono svolti in collaborazione tra ISO ed IEC. I termini utilizzati nel presente capitolo sono provvisori.
423. Protezione contro le ustioni
Le parti accessibili dei componenti elettrici a portata di mano non devono raggiungere temperature tali che possano causare ustioni alle persone, e devono soddisfare ai limiti indicati nella Tabella 42A. Tutte le parti dell'impianto che, in funzionamento ordinario, possono raggiungere, anche per brevi periodi, temperature superiori ai limiti indicati nella Tabella 42 A devono essere protette in modo da evitare il contatto accidentale, devono cioè essere protette con involucri o barriere tali da assicurare almeno il grado di protezione IPXXB. I limiti della Tabella 42 A non si applicano tuttavia ai componenti elettrici che siano conformi ai limiti di temperatura indicati nelle Norme CEI che riguardano i componenti elettrici stessi.
Tabella 42 A - Limiti di temperatura in funzionamento ordinario per le parti accessibili dei componenti elettrici
Commento
Vedere la sezione 751 per gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio e la Sezione 527 per la scelta e la messa in opera delle condutture allo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell'incendio.
423.
Protezione contro le ustioni
Il ricoprimento di parti metalliche con vernici non permette di potere considerare le stesse parti come non metalliche; il ricoprimento con certe materie plastiche invece, quando ne riducano sensibilmente la conducibilità termica, permette di considerarle come non metalliche.
Si precisa anche che non si applicano i limiti di temperatura indicati nella Tabella 42 A, oltre che ai componenti elettrici che siano conformi ai limiti di temperatura indicati nelle Norme CEI che li riguardano, neppure in particolare agli apparecchi di illuminazione che rispondono alle Norme CEI preparate dal CT 34.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 42 - Protezione contro gli effetti termici
424. Protezione contro i surriscaldamenti
424.1 Sistemi di riscaldamento ad aria forzata
Testo
Nota - I termini relativi al comportamento in presenza di fuoco e le corrispondenti prove sono oggetto di lavori in corso che sono svolti in collaborazione tra ISO ed IEC. I termini utilizzati nel presente capitolo sono provvisori.
424.1.1
I sistemi di riscaldamento ad aria forzata devono essere tali che i loro elementi riscaldanti, che non siano quelli dei riscaldatori centralizzati ad accumulo, non possano essere messi in tensione sino a che il flusso d'aria prescritto non sia stato stabilito e siano messi fuori tensione quando il flusso d'aria sia stato ridotto o fermato. Essi devono inoltre avere due dispositivi di limitazione della temperatura indipendenti l'uno dall'altro, destinati ad evitare che le temperature ammissibili siano superate nei condotti dell'aria.
424.1.2
Il telaio e l'involucro degli elementi riscaldanti devono essere realizzati con materiale non combustibile.
Commento
Vedere la sezione 751 per gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio e la Sezione 527 per la scelta e la messa in opera delle condutture allo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell'incendio.
424.
Protezione contro i surriscaldamenti
Le prescrizioni di questa sezione riguardano sostanzialmente componenti elettrici che devono rispondere alle relative Norme CEI. Quando i componenti elettrici abbiano potenze che non rientrino nel campo di applicazione delle relative Norme, si devono ancora applicare, per quanto possibile, le prescrizioni di queste Norme.
Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 42 - Protezione contro gli effetti termici
424. Protezione contro i surriscaldamenti
424.2 Apparecchi utilizzatori che producono acqua calda o vapore
Testo
Nota - I termini relativi al comportamento in presenza di fuoco e le corrispondenti prove sono oggetto di lavori in corso che sono svolti in collaborazione tra ISO ed IEC. I termini utilizzati nel presente capitolo sono provvisori.
424.2
Apparecchi utilizzatori che producono acqua calda o vapore
Tutti gli apparecchi utilizzatori che producono acqua calda o vapore devono essere protetti, per costruzione o durante la loro installazione, contro i surriscaldamenti, in tutte le condizioni di servizio. Se gli apparecchi utilizzatori non sono conformi nel loro insieme alle Norme CEI che li riguardano, la protezione deve venire assicurata per mezzo di un dispositivo che non si richiuda automaticamente e che funzioni indipendentemente dal termostato.
Se l'apparecchio non ha sfiati liberi, esso deve essere fornito anche di un dispositivo che limiti la pressione dell'acqua.
Commento
Vedere la sezione 751 per gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio e la Sezione 527 per la scelta e la messa in opera delle condutture allo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell'incendio.
424.
Protezione contro i surriscaldamenti
Le prescrizioni di questa sezione riguardano sostanzialmente componenti elettrici che devono rispondere alle relative Norme CEI. Quando i componenti elettrici abbiano potenze che non rientrino nel campo di applicazione delle relative Norme, si devono ancora applicare, per quanto possibile, le prescrizioni di queste Norme.
424.2
Apparecchi utilizzatori che producono acqua calda o vapore
Gli apparecchi utilizzatori, che producono acqua calda o vapore, conformi alle Norme CEI sono dotati di un dispositivo che non si richiude automaticamente e che funziona indipendentemente dal termostato.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
431. Generalità
Testo
431.1
I conduttori attivi devono essere protetti da uno o più dispositivi che interrompano automaticamente l'alimentazione quando si produce un sovraccarico (Sezione 433) o un cortocircuito (Sezione 434), con l'eccezione del caso in cui la sovracorrente sia limitata in accordo con la Sezione 436. Le protezioni contro i sovraccarichi e contro i cortocircuiti devono inoltre essere coordinate in accordo con la sezione 435.
Note: 1 - I conduttori attivi protetti contro i sovraccarichi in accordo con la Sezione 433 sono considerati protetti anche contro guasti che siano tali da dare luogo a sovracorrenti aventi valori dello stesso ordine di grandezza di quelli dei sovraccarichi.
2 - Per le condizioni di applicazione, vedere la sezione 473.
3 - La protezione dei cavi flessibili a posa fissa ma movimentati durante l'uso rientra nell'oggetto del presente Capitolo.
I cavi flessibili utilizzati per alimentare componenti elettrici od apparecchi utilizzatori collegati per mezzo di prese a spina agli impianti fissi non sono necessariamente protetti contro i sovraccarichi; la protezione di tali cavi contro i cortocircuiti è allo studio.
Commento
In casi particolari si può derogare dalle prescrizioni di questo Capitolo, purché le sovracorrenti non possano provocare pericoli per le persone o danni all'ambiente (Commento a 434.3.2).
Se la protezione contro le sovracorrenti è destinata ad interrompere l'alimentazione di un circuito anche nel caso di un guasto verso massa, ed è destinata anche a proteggere contro i contatti indiretti, essa deve rispondere, oltre che alle prescrizioni di questo Capitolo, anche a quelle di 413.1.
La selettività tra dispositivi di protezione in serie tra di loro viene trattata nel Capitolo 53.
In questo Capitolo vengono fornite le prescrizioni fondamentali per la protezione contro i sovraccarichi ed i cortocircuiti.
Queste prescrizioni devono venire completate con quelle riportate nelle seguenti Sezioni:
- Sezione 473, riguardante l'applicazione delle prescrizioni per la protezione contro le sovracorrenti;
- Sezione 533, riguardante la scelta e l'installazione dei dispositivi di protezione contro le sovracorrenti.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
432. Natura dei dispositivi di protezione
432.1 Dispositivi che assicurano la protezione sia contro i sovraccarichi sia contro i cortocircuiti
Testo
I dispositivi di protezione devono essere scelti tra quelli indicati negli articoli da 432.1 a 432.3.
432.1
Dispositivi che assicurano la protezione sia contro i sovraccarichi sia contro i cortocircuiti
Questi dispositivi di protezione devono essere in grado di interrompere qualsiasi sovracorrente, sino alla corrente di cortocircuito presunta nel punto in cui i dispositivi sono installati, tenuto conto del paragrafo 434.3.1. Essi devono soddisfare le prescrizioni della Sezione 433. Tali dispositivi di protezione possono essere:
- interruttori automatici provvisti di sganciatori di sovracorrente;
- interruttori combinati con fusibili;
- fusibili.
Note: 1 - Il fusibile comprende tutte le parti che formano il dispositivo di protezione completo.
2 - Omessa.
3 - L'utilizzo di un dispositivo di protezione avente un potere di interruzione inferiore al valore della corrente di cortocircuito presunta nel suo punto di installazione è soggetto alle prescrizioni dell'articolo 434.3.1.
Commento
Ulteriori prescrizioni riguardanti un unico dispositivo che assicuri la protezione sia contro i sovraccarichi sia contro i cortocircuiti sono date nell'articolo 435.1.


Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
432. Natura dei dispositivi di protezione
432.2 Dispositivi che assicurano solo la protezione contro i sovraccarichi
Testo
I dispositivi di protezione devono essere scelti tra quelli indicati negli articoli da 432.1 a 432.3.
432.2
Dispositivi che assicurano solo la protezione contro i sovraccarichi
Sono dispositivi di protezione con una caratteristica di funzionamento generalmente a tempo inverso, il cui potere di interruzione può essere inferiore alla corrente di cortocircuito presunta nel punto in cui essi sono installati. Questi dispositivi devono soddisfare le prescrizioni della Sezione 433.
Commento
I fusibili di tipo aM non sono in grado, per costruzione, di interrompere le correnti comprese tra IN e K2 IN ( K2 è, in pratica uguale a 6,3).
Pertanto essi non devono essere usati per la protezione contro i sovraccarichi.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
432. Natura dei dispositivi di protezione
432.3 Dispositivi che assicurano solo la protezione contro i cortocircuiti
Testo
I dispositivi di protezione devono essere scelti tra quelli indicati negli articoli da 432.1 a 432.3.
432.3
Dispositivi che assicurano solo la protezione contro i cortocircuiti
Questi dispositivi possono essere utilizzati quando la protezione contro i sovraccarichi sia ottenuta con altri mezzi o quando, in accordo con le prescrizioni della Sezione 473, la protezione contro i sovraccarichi possa o debba venire omessa. Essi devono essere in grado di interrompere ogni corrente di cortocircuito inferiore od uguale alla corrente di cortocircuito presunta e devono soddisfare le prescrizioni della Sezione 434.
Tali dispositivi possono essere:
- interruttori automatici con sganciatori di sovracorrente;
- fusibili, di tipo gG od aM.
Commento
I fusibili di tipo aM non sono in grado, per costruzione, di interrompere le correnti comprese tra INe K2IN (K2è, in pratica uguale a 6,3).
Pertanto essi non devono essere usati per la protezione contro i sovraccarichi.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
432. Natura dei dispositivi di protezione
432.4 Caratteristiche dei dispositivi di protezione
Testo
I dispositivi di protezione devono essere scelti tra quelli indicati negli articoli da 432.1 a 432.3.
432.4
Caratteristiche dei dispositivi di protezione
Le caratteristiche tempo/corrente dei dispositivi di protezione contro le sovracorrenti devono essere in accordo con quelle specificate nelle Norme CEI relative ad interruttori automatici ed a fusibili di potenza.
Nota - L'utilizzo di altri dispositivi di protezione non è escluso a condizione che le loro caratteristiche tempo/corrente assicurino la protezione specificata nel presente Capitolo.
Commento
Le principali Norme CEI riguardanti i dispositivi di protezione contro le sovracorrenti sono le seguenti:
- 17-5, per gli interruttori automatici per uso industriale;
- 17-3 e 17-38, per i contattori;
- 17-7, 17-8 e 17-22, per gli avviatori;
- 23-3, per gli interruttori automatici per uso domestico e similare;
- 23-18, per gli interruttori differenziali con sganciatori di sovracorrente incorporati, per uso domestico e similare;
- 32-1, per le prescrizioni generali per i fusibili;
- 32-4, per i fusibili per uso da parte di persone addestrate;
- 32-5, per i fusibili per uso da parte di persone non addestrate


Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
433. Protezione contro le correnti di sovraccarico
433.1 Generalità
Testo
Devono essere previsti dispositivi di protezione per interrompere le correnti di sovraccarico dei conduttori del circuito prima che tali correnti possano provocare un riscaldamento nocivo all'isolamento, ai collegamenti, ai terminali o all'ambiente circondante le condutture.
Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
433. Protezione contro le correnti di sovraccarico
433.2 Coordinamento tra conduttori e dispositivi di protezione
Testo
Le caratteristiche di funzionamento di un dispositivo di protezione delle condutture contro i sovraccarichi devono rispondere alle seguenti due condizioni:
1) IB <= In <= Iz
2) If <= 1,45 · Iz
dove:
IB = corrente di impiego del circuito
Iz = portata in regime permanente della conduttura(Sezione 523);
In = corrente nominale del dispositvo di protezione.
Nota - Per i dispositivi di protezione regolabili la corrente nominale In è la corrente di regolazione scelta.
If = corrente che assicura l'effettivo funzionamento del dispositivo di protezione entro il tempo convenzionale in condizioni definite.
Nota - La protezione prevista dal presente articolo non assicura, in alcuni casi, una protezione completa, per esempio contro le sovracorrenti prolungate inferiori ad If, né rappresenta necessariamente la soluzione più economica. Si suppone pertanto che il circuito sia progettato in modo che non si presentino frequentemente piccoli sovraccarichi di lunga durata.
Commento
Il coordinamento tra le caratteristiche del circuito da proteggere e quelle del dispositivo di protezione è rappresentato dalla seguente
Figura:
In sede internazionale la corrente If è sostituita con la corrente I2 : I2 è uguale ad If per gli interruttori automatici e minore di If (valore allo studio) per i fusibili.
I valori di If sono definiti nelle relative Norme di prodotto.
Quando il sovraccarico è compreso tra Iz e If esso può durare a lungo senza provocare interventi delle protezioni; per questo motivo il valore della corrente di impiego IB deve essere fissato in modo tale che Iz non sia frequentemente superato.
Quando il rapporto If / In è maggiore di 1,45, la condizione 2) non corrisponde alla soluzione più economica, dal momento che la conduttura non può essere sfruttata fino alls sua portata Iz.
Quando la conduttura abbia lungo il suo percorso tratti con portate differenti (per es. a causa di differenti condizioni di posa), le condizioni 1) e 2) devono essere soddisfatte per la portata inferiore.
Qualora attraverso uno stesso dispositivo di protezione siano alimentate diverse condutture od una conduttura principale dalla quale siano derivate condutture secondarie, tale dispositivo protegge contro i sovraccarichi le condutture le cui portate soddisfino le condizioni 1) e 2).
Il dispositivo di protezione contro i sovraccarichi deve avere caratteristiche tali da consentire, senza interrompere il circuito, i sovraccarichi di breve durata che si producano nell'esercizio ordinario.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
433. Protezione contro le correnti di sovraccarico
433.3 Protezione contro i sovraccarichi di conduttori in parallelo
Testo
Quando lo stesso dispositivo di protezione protegge diversi conduttori in parallelo, si assume per Iz la somma delle portate dei singoli conduttori, a condizione tuttavia che i conduttori siano disposti in modo da portare correnti sostanzialmente uguali.
Nota - In pratica, questa condizione è accettabile solo se le singole condutture hanno le stesse caratteristiche elettriche (natura, modo di posa, lunghezza, sezione) e non hanno alcun circuito di derivazione lungo il loro percorso. Una verifica può tuttavia essere opportuna.


Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
433. Protezione contro le correnti di sovraccarico
433.4 Protezione dei circuiti terminali ad anello
Testo
(allo studio)
Commento
La protezione dei circuiti terminali ad anello, che non vengono utilizzati in Italia, ma che sono di uso comune in Gran Bretagna ed in Irlanda, può essere assicurata solo quando la distribuzione dei carichi lungo l'anello sia tale che la corrente si distribuisca lungo i due rami dell'anello in modo sufficientemente uniforme: in pratica questa condizione può considerarsi soddisfatta se non più del 70% dei carichi risulta concentrato su di una metà dell'anello.
Esso richiede inoltre l'uso di spine provviste di protezione incorporata contro le sovracorrenti o di prese fisse protette singolarmente contro le sovracorrenti.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
434. Protezione contro le correnti di cortocircuito
434.1 Generalità
Testo
Nota - La presente sezione considera solo il caso di cortocircuiti tra i conduttori di uno stesso circuito.
434.1
Generalità
Devono essere previsti dispositivi di protezione per interrompere le correnti di cortocircuito dei conduttori del circuito prima che tali correnti possano diventare pericolose a causa degli effetti termici e meccanici prodotti nei conduttori e nelle connessioni.
Commento
Nel presente Capitolo non sono considerati gli sforzi elettrodinamici provocati sulle condutture dalle correnti di cortocircuito.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
434. Protezione contro le correnti di cortocircuito
434.2 Determinazione delle correnti di cortocircuito presunte
Testo
Nota - La presente sezione considera solo il caso di cortocircuiti tra i conduttori di uno stesso circuito.
434.2
Determinazione delle correnti di cortocircuito presunte
Le correnti di cortocircuito presunte devono essere determinate con riferimento ad ogni punto significativo dell'impianto. Questa determinazione può essere effettuata sia con calcoli sia con misure.
Commento
Nel presente Capitolo non sono considerati gli sforzi elettrodinamici provocati sulle condutture dalle correnti di cortocircuito.
434.2
Determinazione delle correnti di cortocircuito presunte
Non viene preso in considerazione in questo Capitolo il cortocircuito verso il conduttore di protezione.
In genere nei sistemi trifasi la più elevata corrente di cortocircuito è la corrente di cortocircuito trifase.
I valori delle correnti di cortocircuito possono essere determinati con appropriati metodi di calcolo, con prove su modello di rete o con misure effettuate sull'impianto. Per impianti alimentati da rete pubblica si tiene conto delle informazioni date dal distributore.
La Guida CEI 11-25 dà informazioni dettagliate per il calcolo delle correnti di cortocircuito nei sistemi trifase in c.a.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
434. Protezione contro le correnti di cortocircuito
434.3 Caratteristiche dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
Testo
Nota - La presente sezione considera solo il caso di cortocircuiti tra i conduttori di uno stesso circuito.
434.3
Caratteristiche dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
Ogni dispositivo di protezione contro i cortocircuiti deve rispondere alle due seguenti condizioni:

434.3.1
Il potere di interruzione non deve essere inferiore alla corrente di cortocircuito presunta nel punto di installazione. E' tuttavia ammesso l'utilizzo di un dispositivo di protezione con potere di interruzione inferiore se a monte è installato un altro dispositivo avente il necessario potere di interruzione. In questo caso le caratteristiche dei due dispositivi devono essere coordinate in modo che l'energia che essi lasciano passare non superi quella che può essere sopportata senza danno dal dispositivo situato a valle e dalle condutture protette da questi dispositivi.
Nota - In alcuni casi può essere necessario prendere in considerazione, per i dispositivi situati a valle, altre caratteristiche, quali le sollecitazioni dinamiche e l'energia d'arco.
Le informazioni necessarie devono essere ottenute dai costruttori di questi dispositivi.
434.3.2
Tutte le correnti provocate da un cortocircuito che si presenti in un punto qualsiasi del circuito devono essere interrotte in un tempo non superiore a quello che porta i conduttori alla temperatura limite ammissibile.
Per i cortocircuiti di durata non superiore a 5 s, il tempo t necessario affinché una data corrente di cortocircuito porti i conduttori dalla temperatura massima ammissibile in servizio ordinario alla temperatura limite può essere calcolato, in prima approssimazione, Formula:

vt = KS/I

dove:
t = durata in secondi
S = sezione in mm2;
I = corrente effettiva di cortocircuito in ampere, espressa in valore efficace;
K = 115 per i conduttori in rame isolati in PVC;
135 per i conduttori in rame isolati con gomma ordinaria o gomma butilica;
143 per i conduttori in rame isolati con gomma etilenpropilenica e propilene reticolato;
74 per i conduttori in alluminio isolati con PVC;
87 per i conduttori in alluminio isolati con gomma ordinaria, gomma butilica, gomma etilenpropilenica o propilene reticolato;
115 corrispondente ad una temperatira di 160 ºC, per le giunzioni saldate a stagno tra conduttori in rame.
Note: 1 - Per durate molto brevi (< 1,1 s) dove l'asimmetria della corrente è notevole e per i dispositivi di protezione limitatori di corrente, K2 S2 deve essere superiore al valore dell'energia (I2 t) indicata dal costruttore del dispositvo di protezione come quella lasciata passare da questo dispositivo.
2 - Altri valori di k sono allo studio per:
* conduttori di piccola sezione (in particolare per sezioni inferiori a 10 mm2);
* durata del cprtocircuito superiori a 5 s
* altri tipi di giunzioni tra conduttori;
* conduttori nudi;
* cavi con isolamento minerale
3 - La corrente nominale del dispositivo di prtotezione contro i cortocircuiti può essere superiore alla portata dei conduttori del circuito.
Commento
Nel presente Capitolo non sono considerati gli sforzi elettrodinamici provocati sulle condutture dalle correnti di cortocircuito.
434.3
Caratteristiche dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
Il dispositivo di protezione contro i cortocircuiti deve soddisfare anche la condizione In ³ IB
434.3.1
Quando, come nel caso della Norma CEI 17-5, la Norma CEI riguardante i dispositivi di protezione non fornisce informazioni sulle caratteristiche di intervento di questi dispositivi, le informazioni relative devono essere chieste al costruttore degli stessi dispositivi.
434.3.2
La formula indicata suppone che il riscaldamento dei conduttori, durante il passaggio della corrente di cortocircuito, sia adiabatico.
La formula è meglio rappresentata nel modo seguente:
(I2t) <= K2S2
dove (I2) è l'integrale di Joule per la durata del cortocircuito (in A2s).
Per i cortocircuiti di durata superiore ad alcuni periodi il valore di (I2t) si può ottenere assumendo per I il valore efficace in ampere della corrente di cortocircuito e per t la durata, in secondi, del cortocircuito stesso; per durate brevi (< 0,1 s), quando l'asimmetria della corrente di cortocircuito è rilevante, e per dispositivi limitatori dell'energia passante, il valore (I2t) lasciato passare deve essere indicato dal costruttore del dispositivo di protezione.
La formula deve essere verificata per un cortocircuito che si produca in un punto qualsiasi della conduttura protetta (vedere anche l'articolo 435.1). I valori della costante K sono stati determinati sulla base dei seguenti valori delle temperature massime ammesse durante il servizio ordinario e durante il cortocircuito per l'isolamento dei cavi:
Tabella
Le temperature di 70 e 160 °C, rispettivamente per il servizio ordinario e per il cortocircuito, si applicano alle giunzioni o terminazioni saldate a stagno dei cavi in rame, qualunque sia il tipo di isolante impiegato.
In casi particolari, quando le correnti di cortocircuito non possano provocare pericoli per le persone o danni all'ambiente, la verifica della sollecitazione termica conseguente al cortocircuito può essere effettuata con i criteri indicati negli ultimi tre capoversi dell'articolo 2.2.02 della Norma CEI 11-17.
In attesa di altri valori di K per conduttori di piccola sezione si possono usare quelli indicati nel presente articolo.
Per i cavi con isolamento minerale si possono assumere, in via prudenziale e in base alle temperature iniziali di cui alla Tabella 52D del paragrafo 523.1.1 e alle temperature finali della Tabella 54E del paragrafo 543.1.1, i seguenti valori di K:
- cavo in rame con guaina esterna in PVC: K = ( 0= 70 °C; f = 160 °C)
- cavi in rame nudo e a portata di mano: K =135 ( 0= 70 °C; f = 200 °C)
- cavi in rame nudo e non a portata di mano: K=200 ( 0= 105 °C; f = 500 °C)

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
434. Protezione contro le correnti di cortocircuito
434.4 Protezione contro i cortocircuiti di conduttori in parallelo
Testo
Nota - La presente sezione considera solo il caso di cortocircuiti tra i conduttori di uno stesso circuito.
434.4
Protezione contro i cortocircuiti di conduttori in parallelo
Un unico dispositivo può proteggere contro i cortocircuiti più conduttori in parallelo, a condizione che le caratteristiche di funzionamento del dispositivo ed il modo di posa dei conduttori in parallelo siano coordinati in modo appropriato.
Nota - Si deve tener conto delle condizioni che potrebbero presentarsi nel caso di cortocircuiti che non interessino tutti i conduttori. Sono allo studio prescrizioni particolareggiate al riguardo.
commento
Nel presente Capitolo non sono considerati gli sforzi elettrodinamici provocati sulle condutture dalle correnti di cortocircuito.


Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
435. Coordinamento tra la protezione contro i sovraccarichi e la protezione contro i cortocircuiti
435.1 Protezione assicurata da un unico dispositivo
Testo
Se un dispositivo di protezione contro i sovraccarichi è in accordo con le prescrizioni della Sezione 433 ed ha un potere di interruzione non inferiore al valore della corrente di cortocircuito presunta nel suo punto di installazione, si considera che esso assicuri anche la protezione contro le correnti di cortocircuito della conduttura situata a valle di quel punto.
Nota - Questo può non essere valido per alcuni tipi di interruttori, specialmente per i tipi che non limitano la corrente, per l'intera gamma delle correnti di cortocircuito; in questi casi la sua validità deve essere verificata conformemente alle prescrizioni dell'art. 434.3.
Commento
Vedere commento e) all'articolo 533.3.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
435. Coordinamento tra la protezione contro i sovraccarichi e la protezione contro i cortocircuiti
435.2 Protezione assicurata da dispositivi distinti
Testo
In questo caso si applicano separatamente le prescrizioni della Sezione 433 al dispositivo di protezione contro i sovraccarichi e le prescrizioni della Sezione 434 al dispositivo di protezione contro i cortocircuiti.
Le caratteristiche dei dispositivi devono essere coordinate in modo tale che l'energia (I2t) lasciata passare dal dispositivo di protezione contro i cortocircuiti non superi quella che può essere sopportata senza danno dal dispositivo di protezione contro i sovraccarichi.
Commento
In casi particolari può essere necessario considerare anche altre caratteristiche, quali le sollecitazioni dinamiche e l'energia d'arco ammissibile per il dispositivo a valle.
Informazioni per il coordinamento tra dispositivi di protezione devono essere tratte dalle Norme relative a tali dispositivi o richieste ai relativi costruttori.
Anche per le condutture protette contro i sovraccarichi con un dispositivo diverso da quello che assicura la protezione contro i cortocircuiti vale quanto detto in 435.1, ossia la verifica secondo 434.3.2 non è usualmente richiesta per il punto più lontano della conduttura da proteggere.
E' consigliabile installare il dispositivo di protezione contro i cortocircuiti a monte del dispositivo di protezione contro i sovraccarichi.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 43 - Protezione delle condutture contro le sovracorrenti
436. Limitazione delle sovracorrenti per mezzo delle caratteristiche dell'alimentazione
Testo
I conduttori non necessitano di protezione contro le correnti di sovraccarico e di cortocircuito se sono alimentati da una sorgente che non sia in grado di fornire una corrente superiore alla portata dei conduttori (per es. alcuni trasformatori per suonerie, alcuni trasformatori per saldature ed alcuni tipi di gruppi elettrogeni).

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 44 - Protezione contro le sovratensioni
441. Generalità
Testo
(Omessa)

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 44 - Protezione contro le sovratensioni
442. Protezione degli impianti contro i guasti tra i sistemi di II e III categoria e la terra
Testo
Si applicano le prescrizioni della Norma CEI 11-8 (1990).

Commento
La protezione contro le sovratensioni dovute a cedimenti dell'isolamento degli impianti di sistemi di II e III Categoria, in accordo con le prescrizioni della Norma CEI 11-8, è basata sull'ipotesi che le sovratensioni a 50 Hz siano dovute unicamente a guasti tra gli impianti dei sistemi di II e III Categoria e le relative masse: si trascurano i guasti diretti tra questi ultimi impianti e gli impianti a tensione inferiore.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 44 - Protezione contro le sovratensioni
443. Protezione contro le sovratensioni di origine atmosferica o dovute a manovre
Testo
(Allo studio)

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 45 - Protezione contro gli abbassamenti di tensione
451. Prescrizioni generali
Testo
451.1
Devono essere prese adeguate precauzioni se un abbassamento di tensione, o la mancanza ed il successivo ripristino della tensione possono comportare pericoli per le persone o per le cose. Adeguate precauzioni devono essere prese anche quando una parte dell'impianto od un apparecchio utilizzatore possono essere danneggiati da un abbassamento di tensione.
Non sono richiesti tuttavia dispositivi di protezione contro gli abbassamenti di tensione se i danni all'impianto o all'apparecchio utilizzatore costituiscono un rischio accettabile e non creano condizioni di pericolo per le persone.
451.2
I dispositivi che intervengono in caso di abbassamento di tensione possono essere ritardati se l'apparecchio utilizzatore che essi proteggono può sopportare senza danni interruzioni od abbassamenti di tensione di breve durata.


451.3
L'utilizzo di contattori, con apertura e richiusura ritardata, non deve impedire l'apertura istantanea di dispositivi di comando o di protezione.
451.4
Le caratteristiche dei dispositivi di protezione contro gli abbassamenti di tensione devono essere compatibili con le prescrizioni relative all'avvio ed all'uso degli apparecchi utilizzatori.
451.5
Se la richiusura di un dispositivo di protezione può dare luogo a situazioni pericolose, tale richiusura non deve essere automatica.
Commento
451.1
Questa prescrizione si applica soprattutto al caso di apparecchi utilizzatori che contengono motori in grado di ripartire dopo un arresto di tensione od un suo abbassamento al di sotto di un determinato valore.
Dispositivi di protezione contro gli abbassamenti di tensione sono necessari in particolare negli impianti di edifici nei quali vi siano alimentazioni di servizi di sicurezza ed alimentazioni di riserva; i dispositivi di protezione devono essere in grado di assicurare la messa in funzione di questi servizi quando la tensione dell'alimentazione principale scenda al disotto del limite di funzionamento corretto.
451.2
In genere sono considerate di breve durata interruzioni ed abbassamenti di tensione di durata inferiore od uguale a 2 s.
Vedere anche la Sezione 535 che fornisce alcuni esempi di dispositivi di protezione contro gli abbassamenti di tensione.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 46 - Sezionamento e comando
460. Introduzione
Testo
460.
Introduzione
Per comando non automatico si deve intendere un comando manuale.
Commento
Vedere anche la Sezione 537 che fornisce prescrizioni per la scelta e la installazione dei dispositivi di sezionamento e di comando.
460.
Introduzione
Per comando non automatico si deve intendere un comando manuale.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 46 - Sezionamento e comando
461. Generalità
Testo
461.1
Ogni dispositivo previsto per il sezionamento od il comando deve soddisfare le prescrizioni corrispondenti della Sezione 537, secondo la funzione o le funzioni cui esso è destinato.
461.2
Nei sistemi TN-C, sul conduttore PEN non devono essere inseriti dispositivi di sezionamento o di comando. Nei sistemi TN-S invece non sono richiesti il sezionamento o l'interruzione del conduttore di neutro, salvo nei circuiti a due conduttori fase neutro, quando tali circuiti abbiano a monte un dispositivo di interruzione unipolare sul neutro, per es. un fusibile.
Nota - I conduttori di protezione non devono essere sezionati o aperti in nessun sistema (543.3.3).
461.3
Le misure descritte nel presente Capitolo non rappresentano alternative alle misure di protezione descritte nei Capitoli da 41 a 45, compresi.
Commento
Vedere anche la Sezione 537 che fornisce prescrizioni per la scelta e la installazione dei dispositivi di sezionamento e di comando.
461.
Generalità
461.1
Qualora un dispositivo sia usato per più di una funzione esso deve soddisfare le prescrizioni previste per ciascuna di esse.
461.2
La prescrizione non impedisce l'installazione, sul conduttore di protezione e sul conduttore PEN, di un dispositivo di apertura manovrabile solo con attrezzo, per permettere di effettuare misure, e di prese a spina su cavi che comprendano, oltre a tutti i conduttori attivi, anche il conduttore di protezione.
Sull'argomento del sezionamento o della interruzione del conduttore di neutro nei sistemi TN-S non è stata ancora presa una decisione comune in seno al CENELEC: alcuni Paesi richiedono, contrariamente all'Italia, che il conduttore di neutro venga sempre sezionato od interrotto, dal momento che ritengono che le condizioni di alimentazione siano tali da non permettere di considerare lo stesso conduttore di neutro a potenziale di terra in modo affidabile.
Altri per contro proibiscono di interrompere il conduttore neutro anche nei sistemi TN-S.
A valle di un interruttore differenziale non devono essere installati conduttori PEN, né devono essere eseguiti collegamenti tra neutro e terra.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 46 - Sezionamento e comando
462. Sezionamento
Testo
462.1
Ogni circuito deve poter essere sezionato dall'alimentazione. Il sezionamento deve avvenire su tutti i conduttori attivi, fatta eccezione per quanto indicato in 461.2.
Si può sezionare un gruppo di circuiti con uno stesso dispositivo se le condizioni di servizio lo consentono.
462.2
Devono essere adottati mezzi idonei per evitare che qualsiasi componente elettrico possa essere alimentato intempestivamente.
Nota - Tali precauzioni possono consistere in una o più delle seguenti misure:
- blocco meccanico sul dispositivo di sezionamento;
- scritte od altre opportune segnalazioni;
- collocazione del dispositivo di sezionamento entro un locale od un involucro chiusi a chiave.
La messa in cortocircuito ed a terra dei conduttori attivi può essere utilizzata come misura complementare.
462.3
Quando un componente elettrico, oppure un involucro, contenga parti attive collegate a più di una alimentazione, una scritta od altra segnalazione deve essere posta in posizione tale per cui qualsiasi persona, che acceda alle parti attive, sia avvertita della necessità di sezionare dette parti dalle diverse alimentazioni, a meno che non sia previsto un interblocco tale da assicurare che tutti i circuiti interessati siano sezionati.
462.4
Devono essere previsti mezzi appropriati per assicurare la scarica dell'energia elettrica immagazzinata, quando essa possa costituire un pericolo per le persone.
Commento
Vedere anche la Sezione 537 che fornisce prescrizioni per la scelta e la installazione dei dispositivi di sezionamento e di comando.

462.
Sezionamento
462.1
L'espressione "se le condizioni di servizio lo consentono" significa che è ammesso il sezionamento dei circuiti corrispondenti per permettere di effettuare lavori di manutenzione o di riparazione fuori tensione.
462.4
Come mezzo appropriato si può considerare per es. un interruttore che effettui il collegamento a terra dei conduttori attivi dei componenti elettrici, quali condensatori o cavi, che possono essere causa di pericolo.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 46 - Sezionamento e comando
463. Interruzione per manutenzione non elettrica
Testo
463.1
Quando la manutenzione non elettrica può comportare rischi per le persone, si devono prevedere dispositivi di interruzione dell'alimentazione.
Note: 1 - Come apparecchiature meccaniche alimentate elettricamente si intendono, oltre alle macchine rotanti, anche i sistemi di riscaldamento e le apparecchiature elettromagnetiche.
2 - I sistemi alimentati in altro modo, per es. con alimentazione pneumatica, idraulica od a vapore, non sono coperti dalle presenti Norme. In tali casi, l'interruzione di qualsiasi alimentazione associata di elettricità può non essere una misura sufficiente.
463.2
Devono essere presi adatti provvedimenti per evitare che le apparecchiature meccaniche alimentate elettricamente vengano riattivate accidentalmente durante la manutenzione non elettrica, a meno che i dispositivi di interruzione non siano continuamente sotto il controllo delle persone addette a tale manutenzione.
Nota - Detti provvedimenti possono consistere in una o più delle seguenti misure:
- blocco meccanico sul dispositivo di interruzione;
- scritte od altre opportune segnalazioni;
- collocazione dei dispositivi di interruzione entro un locale o un involucro chiusi a chiave.
Commento
Vedere anche la Sezione 537 che fornisce prescrizioni per la scelta e la installazione dei dispositivi di sezionamento e di comando.
463.
Interruzione per manutenzione non elettrica
463.1
Esempi di applicazioni nelle quali si ricorre all'interruzione per manutenzione non elettrica sono:
- gru;
- ascensori e montacarichi;
- scale mobili;
- trasportatori;
- macchine utensili;
- pompe.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 46 - Sezionamento e comando
464. Comando ed arresto di emergenza
Testo
464.1
Devono essere previsti dispositivi per il comando di emergenza di qualsiasi parte di un impianto in cui può essere necessario agire sull'alimentazione per eliminare pericoli imprevisti.
464.2
Quando esista rischio di folgorazione, il dispositivo per il comando di emergenza deve interrompere tutti i conduttori attivi, con l'eccezione di quanto indicato in 461.2.
464.3
I dispositivi per il comando di emergenza (e per l'arresto di emergenza) devono agire il più direttamente possibile sui conduttori di alimentazione appropriati.
La sistemazione deve essere tale che l'interruzione dell'alimentazione avvenga con un'unica azione.
464.4
La sistemazione del comando di emergenza deve essere tale che il suo funzionamento non provochi altri pericoli, né interferisca nell'operazione completa necessaria ad eliminare il pericolo.
464.5
Devono essere previsti dispositivi di arresto di emergenza quando i movimenti prodotti elettricamente possono essere causa di pericoli.


Commento
Vedere anche la Sezione 537 che fornisce prescrizioni per la scelta e la installazione dei dispositivi di sezionamento e di comando.
464.
Comando ed arresto di emergenza
464.1
Esempi di impianti in cui sono usati dispositivi per il comando di emergenza (diversi da quelli per l'arresto di emergenza di cui in 464.5) sono:
- sistemi di pompaggio di liquidi infiammabili;
- sistemi di ventilazione;
- grandi calcolatori;
- lampade a scarica alimentate ad alta tensione;
- alcuni grandi edifici, come per es. i magazzini di vendita;
- laboratori per prove e ricerche elettriche;
- grandi cucine;
- centrali termiche;
- laboratori didattici.
464.3
L'azione del dispositivo per il comando e per l'arresto di emergenza sui conduttori di alimentazione può avvenire sia direttamente sia a distanza (tramite circuiti elettrici od altri sistemi di trasmissione, per es. meccanici o pneumatici).
Un dispositivo per l'arresto di emergenza può essere comune a più circuiti.
464.5
Esempi di impianti dove sono usati dispositivi di arresto di emergenza sono:
- scale mobili;
- nastri trasportatori;
- porte azionate elettricamente;
- alcuni tipi di macchine utensili;
- impianti di lavaggio auto.
Per ascensori e per montacarichi valgono le prescrizioni del D.M. 587/87, che si basa sulla Norma Europea EN 81: non è considerato necessario un dispositivo per l'arresto di emergenza sul circuito di alimentazione, essendo considerato sufficiente il dispositivo previsto sul circuito elettrico degli stessi ascensori e montacarichi.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 46 - Sezionamento e comando
465. Comando funzionale
465.1 Generalità
Testo
465.1.1
Un dispositivo di comando funzionale deve essere previsto per ogni parte di un circuito che può richiedere di essere comandato indipendentemente dalle altre parti dell'impianto.
465.1.2
I dispositivi di comando funzionale non devono necessariamente interrompere tutti i conduttori attivi di un circuito.
Un dispositivo di comando unipolare non deve essere inserito sul conduttore di neutro.
465.1.3
In generale, tutti gli apparecchi utilizzatori per i quali sia richiesto il comando devono essere comandati da un adatto dispositivo di comando funzionale.
Un singolo dispositivo di comando funzionale può comandare più apparecchi destinati a funzionare contemporaneamente.
465.1.4
Le prese a spina aventi corrente nominale non superiore a 16 A possono essere utilizzate per il comando funzionale.
465.1.5
I dispositivi di comando funzionale intesi ad assicurare la commutazione dell'alimentazione da sorgenti diverse devono interrompere tutti i conduttori attivi e non devono consentire di mettere in parallelo le alimentazioni suddette, a meno che l'impianto non sia progettato specificatamente per questa condizione.
In questi casi, non si deve prendere alcun provvedimento per la interruzione dei conduttori PEN o di protezione.
Commento
Vedere anche la Sezione 537 che fornisce prescrizioni per la scelta e la installazione dei dispositivi di sezionamento e di comando.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 46 - Sezionamento e comando
465. Comando funzionale
465.2 Circuiti di comando (circuiti ausiliari)
Testo
I circuiti di comando devono essere progettati, disposti e protetti in modo da limitare i pericoli derivanti da un guasto tra il circuito di comando ed altre parti conduttrici che possa causare un cattivo funzionamento (per es. manovre intempestive) dell'apparecchio comandato.
Commento
Vedere anche la Sezione 537 che fornisce prescrizioni per la scelta e la installazione dei dispositivi di sezionamento e di comando.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 46 - Sezionamento e comando
465. Comando funzionale
465.3 Comando dei motori
Testo
465.3.1
I circuiti di comando dei motori devono essere progettati in modo da evitare che qualsiasi motore riparta automaticamente dopo un arresto dovuto ad un abbassamento o ad una mancanza di tensione, se tale avvio può causare pericolo.
465.3.2
Quando è prevista la frenatura di un motore a mezzo di inversione di corrente si devono prendere provvedimenti atti ad evitare l'inversione del senso di rotazione alla fine della frenata, se tale inversione può causare pericolo.
465.3.3
Quando la sicurezza dipende dal senso di rotazione di un motore, si devono prendere provvedimenti atti ad impedire il funzionamento in senso inverso dovuto, per es., alla mancanza di una fase o ad un'inversione di fasi.
Commento
Vedere anche la Sezione 537 che fornisce prescrizioni per la scelta e la installazione dei dispositivi di sezionamento e di comando.
465.3
Comando dei motori
Il presente articolo verrà trasferito in futuro nel Capitolo 55.
465.3.1
In casi particolari può essere necessario l'avviamento automatico di un motore, dopo un arresto, quando per es. il mancato avviamento dopo una breve interruzione dell'alimentazione possa essere causa di pericolo.
Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
470. Generalità
Testo
470.1
Devono essere applicate misure di protezione in accordo con le prescrizioni del presente Capitolo ad ogni impianto, ad ogni parte dell'impianto e ad ogni componente elettrico.
470.2
La scelta e l'applicazione delle misure di protezione secondo le varie condizioni di influenze esterne devono essere in accordo con le indicazioni del Capitolo 48 e le prescrizioni della Parte 7.
470.3
La protezione deve essere assicurata:
a) mediante i singoli componenti elettrici, oppure
b) mediante misure di protezione applicate durante l'installazione, oppure
c) mediante una combinazione di quanto indicato in a) e b), in accordo con quanto richiesto dalle Sezioni che seguono del presente Capitolo.
470.4
Ci si deve assicurare che misure di protezione diverse nello stesso impianto o nella stessa parte dell'impianto non possano influenzarsi od annullarsi mutuamente.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
471. Misure di protezione contro i contatti elettrici
471.1 Protezione contro i contatti diretti
Testo
Tutti i componenti elettrici devono essere oggetto di una delle misure di protezione contro i contatti diretti descritti nelle sezioni 411 e 412.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
471. Misure di protezione contro i contatti elettrici
471.2 Protezione contro i contatti indiretti
Testo
471.2.1
Fatta eccezione per quanto indicato in 471.2.2, tutti i componenti elettrici che presentano pericolo di contatto indiretto devono essere oggetto di una delle misure di protezione contro i contatti indiretti descritte nelle Sezioni 411 e 413, nelle condizioni date da 471.2.1.1 a 471.2.1.3.
471.2.1.1
Si deve applicare in ogni impianto la protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione (art. 413.1) con la eccezione per quelle parti dell'impianto alle quali viene applicata un'altra misura di protezione.
471.2.1.2
Quando l'applicazione delle prescrizioni dell'art. 413.1 riguardanti la protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione non sia praticamente realizzabile o non sia desiderabile, la protezione per mezzo di luoghi non conduttori (art. 413.3) o la protezione per mezzo di collegamento equipotenziale locale non connesso a terra (art. 413.4) può essere applicata ad alcune parti dell'impianto.
471.2.1.3
Le misure di protezione mediante SELV o PELV (art. 411.1), con l'uso di componenti elettrici di classe II o con isolamento equivalente (art. 413.2) e mediante separazione elettrica
(art. 413.5) possono venire applicate in ogni impianto, abitualmente tuttavia vengono applicate ad alcuni componenti elettrici e ad alcune parti dell'impianto.

471.2.2
La protezione contro i contatti indiretti può essere omessa per i seguenti casi:
- mensole a muro per isolatori di linee aeree, compresi i relativi accessori metallici, se situate fuori portata di mano;
- pali di cemento armato con armatura metallica non accessibile;
- masse che, per le loro ridotte dimensioni (approssimativamente 50 x 50 mm) oppure per la loro disposizione, non possono venire afferrate o determinare un contatto con una parte significativa del corpo umano, solo quando la connessione con un conduttore di protezione non sia affidabile o sia eseguibile con difficoltà;
Nota - Ci si riferisce ad esempio a viti, rivetti, targhe e graffe di sostegno dei cavi.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
472. (Omesso)

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.1 Protezione contro i sovraccarichi
473.1.1 Posizione dei dispositivi di protezione contro i sovraccarichi

Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.1.1.1
(Omesso)
473.1.1.2
Il dispositivo che protegge una conduttura contro i sovraccarichi può essere posto lungo il percorso di questa conduttura se nel tratto di conduttura tra il punto in cui si presenta una variazione (di sezione, di natura, di modo di posa o di costituzione) ed il punto in cui è posto il dispositivo di protezione non vi siano né derivazioni né prese a spina.
Commento
I montanti che collegano gli organi di misura e consegna centralizzati alle rispettive unità immobiliari devono essere protetti contro le sovracorrenti secondo le prescrizioni del Capitolo 43 e di questa Sezione.
Tale protezione deve essere assicurata da un dispositivo, installato subito a valle dell'organo di misura e consegna, atto a garantire la protezione contro i cortocircuiti ed anche la protezione contro i sovraccarichi ove questa non sia garantita dai dispositivi installati in corrispondenza dell'entrata del montante nell'unità immobiliare.
Il dispositivo di protezione alla base del montante, ossia del tronco di condutture, a percorso generalmente verticale, che collega il punto di misura e consegna dell'energia all'impianto utilizzatore con il suo primo quadro, può essere omesso quando si verificano insieme le seguenti tre condizioni:
a) sia presente ed accessibile all'utente l'interruttore automatico del distributore di energia elettrica e tale interruttore automatico sia conforme ai requisiti della Sezione 434;
b) le protezioni installate in corrispondenza dell'entrata del montante dell'unità immobiliare siano atte a proteggere contro i sovraccarichi il montante stesso;
c) il montante sia costruito in modo da rendere minimo il rischio di cortocircuito. Questa condizione richiede tra l'altro un'adeguata protezione meccanica, termica e contro l'umidità.
L'interruttore automatico del distributore (punto a)) o quello installato a valle dell'organo di misura alla base del montante, se di caratteristiche adatte, può anche essere utilizzato per il sezionamento (462.1) del montante.
Nota - L'interruttore automatico installato dal distributore ha lo scopo di limitare la potenza a disposizione dell'utente; il distributore non è tenuto a garantire l'efficienza di tale dispositivo, ma ciò non invalida la possibilità di usare tale interruttore quale dispositivo di protezione e di sezionamento.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.1 Protezione contro i sovraccarichi
473.1.2 Omissione dei dispositivi di protezione contro i sovraccarichi
Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.1.2
Omissione dei dispositivi di protezione contro i sovraccarichi
I vari casi indicati nel presente paragrafo non si applicano agli impianti elettrici situati in luoghi che presentano maggior rischio in caso di incendio o pericolo di esplosione, né agli impianti elettrici di ambienti ed applicazioni particolari per i quali vengono prescritte condizioni diverse nella Sezione 482 e nella Parte 7.
Non è necessario prevedere dispositivi di protezione contro i sovraccarichi per:
a) le condutture situate a valle di variazioni di sezione, di natura, di modo di posa o di costituzione, ed effettivamente protette contro i sovraccarichi da dispositivi di protezione posti a monte;
b) le condutture che alimentino apparecchi utilizzatori che non possono dare luogo a correnti di sovraccarico, a condizione che queste condutture siano protette contro i cortocircuiti in accordo con le prescrizioni della Sezione 434 e che non abbiano né derivazioni né prese a spina;
c) gli impianti di telecomunicazione, comando, segnalazione e simili.
Nota - Le condizioni di protezione contro i sovraccarichi degli impianti citati al punto c) sono allo studio.
Commento
473.1.2
Omissione dei dispositivi di protezione contro i sovraccarichi
Per la protezione dei circuiti che entrano o attraversano gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio, vedere il punto 1) dell'art. 751.04.1 (ed il relativo Commento).
In tali ambienti il dispositivo di protezione contro i sovraccarichi deve essere posto all'inizio del circuito.
Devono venire anche protette contro i sovraccarichi le condutture che alimentano derivazioni o carichi per i quali in sede di progetto si sia assunto un coefficiente di utilizzazione o di contemporaneità inferiore ad 1.
Possono essere esenti dalle protezioni contro i sovraccarichi le condutture che alimentano diverse derivazioni singolarmente protette contro i sovraccarichi, quando la somma delle correnti nominali dei dispositivi di protezione delle derivazioni sia inferiore od uguale alla portata della condutture in questione.
Vengono mostrati qui di seguito esempi di realizzazione delle condizioni a) e b).
a) Esempio della condizione a)
Figura
b) Esempi della condizione b)
b1) Conduttura alimentante un apparecchio utilizzatore che incorpori il proprio dispositivo di protezione, a condizione che questo dispositivo di protezione protegga la conduttura stessa contro i sovraccarichi.
Figura
b2) Conduttura alimentante un apparecchio utilizzatore che non possa dare luogo a sovraccarichi e che non sia protetto contro i sovraccarichi, quando la corrente di impiego di questo apparecchio utilizzatore non sia superiore alla portata della conduttura.
Note: 1 - Esempi di apparecchi utilizzatori che non possono dare luogo a sovraccarichi sono:
- gli apparecchi termici (scaldacqua, cucine, caloriferi, ecc.);
- i motori con corrente a rotore bloccato non superiore alla portata della conduttura di alimentazione;
- gli apparecchi di illuminazione;
2 - Una presa a spina è un componente a valle del quale è sempre possibile che si producano sovraccarichi.
Figura
b3) Conduttura alimentante due o più derivazioni protette individualmente contro i sovraccarichi, a condizione che la somma delle correnti nominali dei dispositivi di protezione delle derivazioni sia inferiore alla corrente nominale del dispositivo che protegge contro i sovraccarichi la conduttura stessa.
Figura

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.1 Protezione contro i sovraccarichi
473.1.3 Posizione od omissione dei dispositivi di protezione contro i sovraccarichi nei sistemi IT

Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.1.3
Posizione od omissione dei dispositivi di protezione contro i sovraccarichi nei sistemi IT
Le prescrizioni di cui in 473.1.1.2 e 473.1.2, riguardanti la posizione o l'omissione dei dispositivi di protezione contro i sovraccarichi, non si applicano agli impianti IT, a meno che ogni circuito non protetto contro i sovraccarichi non sia protetto da un interruttore differenziale, oppure a condizione che tutti i componenti elettrici alimentati da un tale circuito - comprese le condutture - siano realizzati in accordo con la misura di protezione descritta nell'articolo 413.2.
Commento
473.1.3
Posizione od omissione dei dispositivi di protezione contro i sovraccarichi nei sistemi IT
Negli impianti IT la corrente di doppio guasto a terra in due circuiti diversi può avere un valore inferiore a quello della corrente di cortocircuito minima di uno dei circuiti.
In tal caso le prescrizioni della Sezione 434 non possono venire rispettate dal momento che il tempo di interruzione di questa corrente di doppio guasto può risultare troppo lungo ed i conduttori di uno dei due circuiti potrebbero superare le loro temperature ammissibili. Per questa ragione i conduttori devono venire protetti contro i sovraccarichi.
Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.1 Protezione contro i sovraccarichi
473.1.4 Casi in cui l'omissione della protezione contro i sovraccarichi è raccomandata per ragioni di sicurezza
Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.1.4
Casi in cui l'omissione della protezione contro i sovraccarichi è raccomandata per ragioni di sicurezza
L'omissione della protezione contro i sovraccarichi è raccomandata per i circuiti che alimentano apparecchi utilizzatori in cui l'apertura intempestiva del circuito potrebbe essere causa di pericolo.
Esempi di tali casi sono:
- i circuiti di eccitazione delle macchine rotanti;
- i circuiti di alimentazione degli elettromagneti di sollevamento;
- i circuiti secondari dei trasformatori di corrente;
- i circuiti che alimentano dispositivi di estinzione dell'incendio.
Nota - In tali casi si raccomanda di prevedere un dispositivo di allarme che segnali eventuali sovraccarichi.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.2 Protezione contro i cortocircuiti
473.2.1 Posizione dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.2.1
Posizione dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
Un dispositivo che assicuri la protezione contro i cortocircuiti deve essere posto nel punto in cui una riduzione della sezione dei conduttori od un'altra variazione dia luogo a una riduzione del coefficiente K, con le eccezioni dei casi citati in 473.2.2 od in 473.2.3.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.2 Protezione contro i cortocircuiti
473.2.2 Posizione alternativa dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.2.2
Posizione alternativa dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
I vari casi indicati nel presente paragrafo non si applicano agli impianti situati in luoghi a maggior rischio in caso di incendio o con pericolo di esplosione, né agli impianti elettrici di ambienti ed applicazioni particolari, per i quali vengono date prescrizioni diverse nella Sezione 482 e nella Parte 7.
E' permesso disporre dispositivi di protezione contro i cortocircuiti in un punto diverso da quello specificato in 473.2.1, nelle condizioni indicate in 473.2.2.1 od in 473.2.2.2.
473.2.2.1
Il tratto di conduttura tra il punto di riduzione della sezione, o di un'altra variazione, e la posizione del dispositivo di protezione soddisfa contemporaneamente le tre condizioni seguenti:
a) la sua lunghezza non supera 3 m;
b) è realizzato in modo da ridurre al minimo il rischio di cortocircuito;
Nota - Questa condizione può essere ottenuta per esempio rinforzando la protezione della conduttura contro le influenze esterne.
c) non è posto vicino a materiale combustibile.
473.2.2.2
Un dispositivo di protezione posto a monte della riduzione di sezione, o di un'altra variazione, possiede una caratteristica di funzionamento tale da proteggere contro i cortocircuiti, in accordo con quanto specificato in 434.3.2, la conduttura situata a valle.
Commento
473.2.2.1
Con riferimento alla condizione b), le sollecitazioni esterne possono essere per es. meccaniche, termiche o dovute all'umidità.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.2 Protezione contro i cortocircuiti
473.2.3 Omissione dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.2.3
Omissione dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
È ammesso non prevedere dispositivi di protezione contro i cortocircuiti per:
- le condutture che collegano generatori, trasformatori, raddrizzatori, batterie di accumulatori ai rispettivi quadri di comando e protezione, quando i dispositivi di protezione siano posti su questi quadri;
- i circuiti la cui apertura potrebbe comportare pericoli per il funzionamento degli impianti interessati, quali quelli citati in 473.1.4;
- alcuni circuiti di misura;
a condizione che siano soddisfatte contemporaneamente le due condizioni seguenti:
a) la conduttura sia realizzata in modo da ridurre al minimo il rischio di cortocircuito;
b) la conduttura non sia posta in vicinanza di materiali combustibili.
Commento
473.2.3
Omissione dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti
L'omissione dei dispositivi di protezione contro i cortocircuiti è ammessa anche nel caso in cui nel tratto di conduttura siano inseriti altri componenti elettrici, sempre nell'osservanza delle due condizioni a) e b).

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.3 Prescrizioni secondo la natura dei circuiti
473.3.1 Protezione dei conduttori di fase
Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.3.1.1
La rilevazione delle sovracorrenti deve essere prevista per tutti i conduttori di fase; essa deve provocare l'interruzione del conduttore nel quale la sovracorrente è rilevata, ma non necessariamente l'interruzione di altri conduttori attivi, con l'eccezione dei casi citati in 473.3.2.
473.3.1.2
Nei sistemi TN e TT tuttavia, per i circuiti alimentati tra le fasi e nei quali il conduttore di neutro non sia distribuito, la rilevazione delle sovracorrenti può non essere prevista su uno dei conduttori di fase, a condizione che siano soddisfatte contemporaneamente le due seguenti condizioni:
a) esista, nello stesso circuito o a monte, una protezione differenziale destinata a provocare l'interruzione di tutti i conduttori di fase;
b) il conduttore di neutro non sia distribuito da un punto neutro artificiale ricavato sui circuiti situati a valle del dispositivo di protezione differenziale sopra citato in a).
Nota comune ai paragrafi 473.3.1.1 e 473.3.1.2 - Nel caso in cui l'apertura di una sola fase possa essere causa di pericolo, per esempio nel caso dei motori trifase, si devono prendere adeguate precauzioni.
Commento
473.3.1.1
Nei sistemi TN e TT, per i circuiti trifase senza neutro o per i circuiti fase-fase, protetti con un interruttore differenziale, è ammesso che una delle fasi non abbia un proprio dispositivo di protezione, purché non sia distribuito un neutro artificiale ricavato a valle dell'interruttore differenziale e siano soddisfatte le condizioni specificate nella Sezione 434.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.3 Prescrizioni secondo la natura dei circuiti
473.3.2 Protezione del conduttore di neutro
Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.3.2.1
Sistemi TT o TN
a) Quando la sezione del conduttore di neutro sia almeno uguale o equivalente a quella dei conduttori di fase, non è necessario prevedere la rilevazione delle sovracorrenti sul conduttore di neutro né un dispositivo di interruzione sullo stesso conduttore.
b) Quando la sezione del conduttore di neutro sia inferiore a quella dei conduttori di fase, è necessario prevedere la rilevazione delle sovracorrenti sul conduttore di neutro, adatta alla sezione di questo conduttore: questa rilevazione deve provocare l'interruzione dei conduttori di fase, ma non necessariamente quella del conduttore di neutro.
473.3.2.1
Sistemi TT o TN
a) Quando la sezione del conduttore di neutro sia almeno uguale o equivalente a quella dei conduttori di fase, non è necessario prevedere la rilevazione delle sovracorrenti sul conduttore di neutro né un dispositivo di interruzione sullo stesso conduttore.
b) Quando la sezione del conduttore di neutro sia inferiore a quella dei conduttori di fase, è necessario prevedere la rilevazione delle sovracorrenti sul conduttore di neutro, adatta alla sezione di questo conduttore: questa rilevazione deve provocare l'interruzione dei conduttori di fase, ma non necessariamente quella del conduttore di neutro.
Commento
473.3.2.2
Sistema IT
Nei sistemi IT si raccomanda di non distribuire il conduttore di neutro, dal momento che un suo guasto a terra elimina i vantaggi di questi sistemi: per alimentare eventuali apparecchi utilizzatori previsti per funzionare con tensione di fase si può ricorrere a generatori distinti od a trasformatori.
La seguente tabella mostra come si applicano le prescrizioni di 473.3.1, 473.3.2 e 473.3.3.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 47 - Applicazione delle prescrizioni per la sicurezza
473. Misure di protezione contro le sovracorrenti
473.3 Prescrizioni secondo la natura dei circuiti
473.3.3 Interruzione del conduttore di neutro
Testo
Nota - Le prescrizioni della presente Sezione non tengono conto delle influenze esterne. Per l'applicazione delle misure di protezione in relazione alle influenze esterne, vedere il Capitolo 48 e la Parte 7.
473.3.3
Interruzione del conduttore di neutro
Quando sia richiesta l'interruzione del conduttore di neutro, l'interruzione e la chiusura devono essere tali che il conduttore di neutro non debba essere interrotto prima del conduttore di fase e che lo stesso conduttore debba essere chiuso sostanzialmente nello stesso momento o prima del conduttore di fase.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 48 - Criteri per la scelta delle misure di protezione secondo le varie condizioni di influenze esterne
481. Criteri per la scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti ed indiretti secondo le varie condizioni di influenze esterne
481.1 Generalità
Testo
481.1.1
Le prescrizioni riportate in 481.2 e 481.3 indicano le misure di protezione contro i contatti diretti ed indiretti, definite nel Capitolo 41, tra le quali sono praticamente scelte quelle applicate tenendo conto delle condizioni delle influenze esterne, negli ambienti a maggior rischio e nelle applicazioni particolari trattati nella Parte 7.
481.1.2
Quando in questa Sezione sono previste diverse misure di protezione, la scelta, nella Parte 7, delle misure appropriate dipende dalle condizioni locali e dalla natura degli apparecchi utilizzatori alimentati.

Commento
481.1.1
In pratica sono determinanti per la scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti ed indiretti negli ambienti e nelle applicazioni particolari trattati nella Parte 7 solo le seguenti condizioni di influenze esterne: grado di addestramento delle persone; valore della resistenza elettrica del corpo umano; possibilità di contatto delle persone con il potenziale di terra.
Le altre condizioni esterne non hanno praticamente alcuna influenza sulla scelta e sulla applicazione delle misure di protezione contro i contatti diretti ed indiretti, ma devono essere prese in considerazione per la scelta dei componenti dell'impianto.

Parte 4: Prescrizioni per la sicurezza
Capitolo 48 - Criteri per la scelta delle misure di protezione secondo le varie condizioni di influenze esterne
481. Criteri per la scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti ed indiretti secondo le varie condizioni di influenze esterne
481.2 Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti
Testo
481.2.1
Le misure di protezione mediante isolamento delle parti attive (412.1) e mediante involucri o barriere (412.2) si applicano in tutte le condizioni di influenze esterne.
481.2.2
Le misure di protezione mediante ostacoli, secondo quanto indicato in 412.3, o mediante distanziamento, secondo quanto indicato in 412.4, sono permesse in locali accessibili solo a persone addestrate, se sono soddisfatte le seguenti condizioni:
- siano osservate le prescrizioni indicate in 481.2.4.1 e 481.2.4.3;
- i luoghi siano chiaramente e visibilmente contrassegnati mediante opportune segnalazioni.
481.2.3
La protezione contro i contatti diretti non è richiesta nei luoghi accessibili solo a persone addestrate, se sono soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni:
- i luoghi siano indicati chiaramente e visibilmente mediante appropriate segnalazioni e non sia possibile accedere ad essi se non mediante mezzi speciali;
- le porte di ingresso in questi luoghi permettano una facile uscita verso l'esterno e, anche se esse sono chiuse esternamente con una chiave, sia possibile aprirle dall'interno senza l'uso di una chiave;
- per i passaggi, siano rispettate distanze minime indicate in 481.2.4.2 e 481.2.4.3.
Commento
481.2.3
In Italia la protezione contro i contatti diretti è spesso prevista anche nei casi indicati da questo articolo; tale protezione contro i contatti diretti è consigliabile, anche se non richiesta da documenti internazionali, in particolare quando l'accesso a tali luoghi è frequente.
In caso di lavori sotto tensione si applicano le Norme relative (attualmente Progetto CEI C.555).

Capitolo 48 - Criteri per la scelta delle misure di protezione secondo le varie condizioni di influenze esterne
481. Criteri per la scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti ed indiretti secondo le varie condizioni di influenze esterne
481.2 Scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti
481.2.4 Distanze minime da rispettare nei passaggi di servizio o di manutenzione
Testo
Nota - Le quote indicate qui di seguito sono da considerare minimi assoluti; altre considerazioni riguardanti per es. le posizioni di lavoro e le possibilità di uscita dai luoghi in esame possono rendere necessaria l'adozione di valori più elevati.
481.2.4.1
Le seguenti distanze devono essere rispettate per assicurare una protezione secondo 412.3:
a) larghezza del passaggio tra ostacoli, tra organi di comando oppure tra ostacoli od organi di comando e parete: 700 mm
b) altezza del passaggio all'interno del quadro: 2000 mm
Nota - Le quote sopra citate si applicano dopo che tutte le parti del quadro siano state montate e siano state chiuse.
481.2.4.2
Nei luoghi per i quali non sia prevista l'applicazione di misure di protezione, le seguenti distanze devono essere rispettate per quanto riguarda i passaggi di servizio e di manutenzione:
a) quando il passaggio ha parti attive non protette disposte solo su un lato:
a1) larghezza del passaggio tra parete e parti attive non protette: 1000 mm
a2) passaggio libero davanti a comandi (maniglie, ecc.): 700 mm
b) quando il passaggio ha parti attive non protette su entrambi i lati:
b1) larghezza del passaggio tra parti attive non protette e conduttori attivi di ciascun lato:
b1.1) in un passaggio destinato alla manutenzione: 1000 mm
Nota - La distanza minima indicata si applica quando siano messe in posto barriere prima di intraprendere lavori di manutenzione. In caso contrario, è richiesta una distanza minima di 1500 mm.
b1.2) in un passaggio di servizio: 1200 mm
Nota - Quando il passaggio di servizio serve anche come passaggio per la manutenzione, devono essere messe in posto barriere prima di intraprendere i lavori di manutenzione. In caso contrario, è richiesta una distanza minima di 1500 mm.
b2) passaggio libero tra organi di comando (maniglie, ecc.):
b2.1) in un passaggio di manutenzione: 900 mm
b2.2) in un passaggio di servizio: 1100 mm
c) altezza delle parti attive al di sopra del pavimento: 2300 mm.
481.2.4.3
I passaggi di manutenzione o di servizio che siano lunghi più di 20 m devono essere accessibili da entrambe le estremità. Per passaggi più brevi, ma di lunghezza superiore a 6 m, si raccomanda l'accessibilità da entrambe le estremità.
Commento
481.2.4.2
Le distanze risultanti dalle prescrizioni di questo paragrafo sono illustrate, a titolo di esempio, nelle seguenti tre figure.

Capitolo 48 - Criteri per la scelta delle misure di protezione secondo le varie condizioni di influenze esterne
481. Criteri per la scelta delle misure di protezione contro i contatti diretti ed indiretti secondo le varie condizioni di influenze esterne
481.3 Scelta delle misure di protezione contro i contatti indiretti

Testo
481.3.1
La misura di protezione mediante interruzione automatica dell'alimentazione in accordo con le prescrizioni di 413.1 si applica in qualsiasi impianto (481.3.1.1 e 481.3.1.2).


481.3.1.1
Negli impianti o parti di impianto per i quali la corrispondente Sezione della Parte 7 (per es. Sezioni 704 e 705) limita la tensione di contatto limite convenzionale a 25 V in c.a. od a
60 V in c.c. non ondulata, si applicano le seguenti prescrizioni:
- nei sistemi TN e IT, i tempi di interruzione massimi definiti nelle Tabelle 41A e 41B devono essere sostituiti dai seguenti:
Tabella 48A - Tempi di interruzione massimi
- nei sistemi TT, la condizione di 413.1.4.2 è sostituita dalla seguente:
RAIa <= 25
- nei sistemi IT, la condizione di 413.1.5.3 è sostituita dalla seguente:
RTId<= 25
481.3.1.2
Negli impianti o parti di impianti trattati in 481.3.1.1, si possono applicare le prescrizioni di cui in 413.1 se vengono adottate, in aggiunta, una o entrambe le seguenti misure, secondo le indicazioni della Parte 7:
- applicazione di collegamenti equipotenziali supplementari in accordo con le condizioni di 413.1.6.1,
- protezione mediante dispositivi a corrente differenziale, con la corrente differenziale nominale di intervento non superiore a 30 mA.
Nota - Le condizioni del presente articolo permettono di provvedere alla protezione dell'intero impianto in accordo con le condizioni generali di 413.1, che si riscontrano nella maggior parte dello stesso impianto, e di fornire misure di protezione supplementari nei luoghi per i quali la Parte 7 richiede una limitazione della tensione di contatto limite convenzionale.
481.3.2
La misura di protezione mediante l'impiego di componenti elettrici di classe II o di componenti con isolamento equivalente, in accordo con 413.2, si applica in tutte le situazioni, a meno che non siano date limitazioni nella Parte 7.
Nota - Si ricorda che i componenti elettrici devono essere protetti adeguatamente contro le influenze esterne.
481.3.3
La misura di protezione per mezzo di luoghi non conduttori è ammessa solo nelle condizioni in cui non sia praticamente possibile alcun contatto con la terra.


481.3.4
La misura di protezione per mezzo di collegamento equipotenziale locale non collegato a terra è ammessa solo nelle condizioni in cui non sia praticamente possibile alcun contatto con la terra.
481.3.5
La misura di protezione per separazione elettrica si può applicare in tutte le situazioni. Tuttavia, in determinate condizioni ambientali (Parte 7 e in particolare Sezione 706) essa deve essere limitata all'alimentazione di un solo apparecchio mobile per ogni trasformatore.
481.3.6
L'uso del sistema SELV in accordo con 411.1.4 oppure del sistema PELV in accordo con 411.1.5 è considerato come una misura di protezione contro i contatti indiretti applicabile in tutte le situazioni.
Note: 1 - In alcuni casi, la Parte 7 limita il valore della bassissima tensione in c.a. ad un valore inferiore a 50 V, cioè a 25 V od a 12 V.
2 - Quando si usa il sistema FELV è necessario adottare altre misure di protezione contro i contatti indiretti (vedere 411.3.3).
481.3.7
In alcuni impianti o parti di impianti, per es. nei luoghi in cui le persone possono essere immerse in acqua, la corrispondente Sezione della Parte 7 richiede misure di protezione particolari.
Commento
Le prescrizioni di questo articolo non sono intese per essere applicate direttamente, ma sono state stese praticamente solo con lo scopo di servire come riferimento per le prescrizioni date nella Parte 7 per gli ambienti a maggior rischio e per le applicazioni particolari.

Capitolo 48 - Criteri per la scelta delle misure di protezione secondo le varie condizioni di influenze esterne
482. Scelta delle misure di protezione negli ambienti a maggior rischio in caso di incendio
Testo
Si applicano le prescrizioni della Sezione 751 della Parte 7.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
510. Generalità
Testo
510.1
La scelta dei componenti elettrici e la loro messa in opera devono permettere di soddisfare le misure di protezione per la sicurezza, le prescrizioni per un funzionamento corretto per l'uso previsto dell'impianto ed alle prescrizioni appropriate alle influenze esterne previste.
510.2
Ogni componente dell'impianto deve essere scelto ed installato in modo da soddisfare le prescrizioni del presente Capitolo e le prescrizioni, in quanto applicabili, contenute in altri Capitoli della presente Norma.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
511. Conformità alle Norme

Testo
511.1
Ogni componente elettrico deve essere conforme alle prescrizioni di sicurezza delle rispettive Norme CEI che lo riguardano.
Commento
L'uso dei componenti elettrici conformi alle relative Norme CEI riguardanti la sicurezza permette di soddisfare le prescrizioni di questa Sezione.
Quando un componente elettrico è provvisto di Marchio IMQ, esso è considerato conforme alla Norma CEI senza necessità di altre verifiche.
In mancanza di Marchio IMQ si presume che il componente risponda alle prescrizioni di sicurezza delle Norme CEI quando esso sia provvisto di un marchio o di un attestato di conformità alle Norme CEI od alle Norme Armonizzate del CENELEC riguardanti la sicurezza, rilasciato dagli organismi competenti per ciascuno degli Stati membri della Comunità Economica Europea (art. 7 della Legge 791/77), oppure di una dichiarazione di conformità a tali Norme rilasciata dal costruttore.
Si presume inoltre che il componente elettrico risponda alle prescrizioni di sicurezza anche quando esso sia provvisto di un marchio o di un attestato di conformità alle norme in materia di sicurezza di un altro Stato membro della Comunità Economica Europea in cui il componente elettrico sia stato prodotto, rilasciato come sopra, se dette norme sono riconosciute tali da garantire una sicurezza equivalente a quella richiesta in Italia (art. 5 Legge 791/77).
In mancanza di Norme CEI applicabili gli organismi notificati ai sensi dell'art. 11 della Direttiva
CEE 23/73, possono rilasciare relazioni di conformità che precisino che il componente elettrico risponde alle esigenze di sicurezza nelle condizioni di impiego previste (art. 6 della Legge 791/77).
Si precisa che le prese a spina per uso domestico, che non rientrano nel campo di applicazione della Legge 791/77, sono considerate conformi alle prescrizioni di sicurezza, se sono provviste di Marchio IMQ o di un altro marchio della Comunità Economica Europea che garantisca una sicurezza equivalente.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
512. Scelta dei componenti elettrici in funzione delle condizioni di esercizio e delle influenze esterne
512.1 Condizioni di servizio
512.1.1 Tensione
Testo
I componenti elettrici devono essere adatti alla tensione nominale (valore efficace in c.a.) di alimentazione dell'impianto.
Se, negli impianti IT, il conduttore di neutro è distribuito, i componenti elettrici collegati tra fase e neutro devono essere isolati per la tensione concatenata del sistema.
Nota - Per alcuni componenti elettrici può essere necessario tenere conto della tensione più elevata e/o della tensione più bassa che si possono avere nell'esercizio ordinario.
Commento
La tensione nominale di un componente elettrico non deve essere inferiore alla tensione nominale dell'impianto.
Per i componenti elettrici il cui funzionamento dipenda dalla tensione, le Norme CEI che li riguardano danno indicazioni sulla scelta del valore della loro tensione nominale, tenendo conto delle variazioni della tensione nominale dell'impianto.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
512. Scelta dei componenti elettrici in funzione delle condizioni di esercizio e delle influenze esterne
512.1 Condizioni di servizio
512.1.2 Corrente
Testo
I componenti elettrici devono essere scelti tenendo conto della corrente (valore efficace in c.a.) che li percorre nell'esercizio ordinario.
I componenti elettrici devono essere anche in grado di sopportare le correnti che li possono attraversare in condizioni di esercizio non ordinario per periodi di tempo determinati dalle caratteristiche dei dispositivi di protezione.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
512. Scelta dei componenti elettrici in funzione delle condizioni di esercizio e delle influenze esterne
512.1 Condizioni di servizio
512.1.3 Frequenza
Testo
Se la frequenza ha influenza sulle caratteristiche dei componenti elettrici, la frequenza nominale di tali componenti elettrici deve corrispondere alla frequenza della corrente nel circuito corrispondente.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
512. Scelta dei componenti elettrici in funzione delle condizioni di esercizio e delle influenze esterne
512.1 Condizioni di servizio
512.1.4 Potenza
Testo
I componenti elettrici scelti in base alle loro caratteristiche di potenza devono essere adatti alle condizioni ordinarie di servizio, tenendo conto dei coefficienti di utilizzazione.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
512. Scelta dei componenti elettrici in funzione delle condizioni di esercizio e delle influenze esterne
512.1 Condizioni di servizio
512.1.5 Compatibilità
Testo
A meno che non siano adottate opportune precauzioni durante la messa in opera, tutti i componenti elettrici devono essere scelti in modo da non causare effetti dannosi agli altri componenti elettrici, né all'alimentazione durante il servizio ordinario, comprendendo in questo anche le manovre.
Commento
I componenti elettrici devono essere scelti in modo da non causare effetti nocivi sugli altri componenti elettrici e sulla rete di alimentazione, oppure devono essere prese in sede di installazione opportune precauzioni (vedere Commento al Capitolo 33). Quando i componenti elettrici appartenenti a sistemi elettrici diversi sono raggruppati in un medesimo insieme (quadri, canalizzazioni, cassette ecc.) devono essere scelti o disposti in modo da evitare influenze reciproche nocive.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
512. Scelta dei componenti elettrici in funzione delle condizioni di esercizio e delle influenze esterne
512.2 Influenze esterne

Testo
512.2.1
I componenti elettrici devono essere scelti e messi in opera prendendo in considerazione le influenze esterne alle quali essi possono essere sottoposti, per assicurare il loro corretto funzionamento e per assicurare l'affidabilità delle misure di protezione per la sicurezza in accordo con le prescrizioni della Parte 4.
Le caratteristiche dei componenti elettrici sono valide solo per le condizioni indicate nelle relative Norme o nei relativi Documenti di Armonizzazione, oppure se sono state effettuate prove adeguate nelle condizioni di influenze esterne uguali a quelle che si presentano nell'impianto.
512.2.2
Se un componente elettrico non ha, per costruzione, le caratteristiche corrispondenti alle influenze esterne del suo ambiente, può, ciononostante, essere utilizzato a condizione che gli sia fornita un'adeguata protezione supplementare al momento della messa in opera dell'impianto. Tale protezione non deve influenzare in modo negativo il funzionamento del componente elettrico così protetto.

512.2.3
Quando diverse influenze esterne si presentano contemporaneamente, esse possono avere un effetto indipendente o possono influenzarsi reciprocamente ed i gradi di protezione devono essere scelti di conseguenza.
Commento
Vedere commenti al Capitolo 32.
Si raccomanda che nei locali destinati ai bambini (asili e nidi d'infanzia) od a persone disabili siano scelti componenti elettrici le cui superfici accessibili non superino 60 °C in condizioni di servizio ordinario.

Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
513. Accessibilità
513.1 Generalità
Testo
Le prescrizioni di questa Sezione non precludono l'installazione di componenti elettrici in luoghi non accessibili, per es. interrati, né l'uso di connessioni isolate con miscela.
Si raccomanda di realizzare le condutture, con la eccezione di quelle interrate, in modo da potere sostituire i conduttori od i cavi deteriorati, di non annegare cioè i cavi direttamente in pareti. Questa raccomandazione non si applica ai cavi con isolamento minerale con guaina aggiuntiva in materiale non metallico, purché le giunzioni siano eseguite entro cassette, ed ai cavi scaldanti (vedere 521.1 e Tabella 52 A ).
Commento
Le prescrizioni di questa Sezione non precludono l'installazione di componenti elettrici in luoghi non accessibili, per es. interrati, né l'uso di connessioni isolate con miscela.
Si raccomanda di realizzare le condutture, con la eccezione di quelle interrate, in modo da potere sostituire i conduttori od i cavi deteriorati, di non annegare cioè i cavi direttamente in pareti. Questa raccomandazione non si applica ai cavi con isolamento minerale con guaina aggiuntiva in materiale non metallico, purché le giunzioni siano eseguite entro cassette, ed ai cavi scaldanti (vedere 521.1 e Tabella 52 A ).
Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
514. Identificazione
514.1 Generalità
Testo
Devono essere fornite targhe od altri mezzi appropriati di identificazione per indicare la funzione degli apparecchi di manovra e di protezione, a meno che non ci sia possibilità di confusione.
Se il funzionamento degli apparecchi di manovra e di protezione non può essere rilevato dall'operatore e se ciò può dar luogo a pericoli, deve essere previsto, in posizione visibile per l'operatore, un adatto indicatore in accordo, per quanto applicabile, con le Norme CEI 16-3 "Colori degli indicatori luminosi e dei pulsanti" e CEI 16-5 "Senso di movimento degli attuatori di apparecchi elettrici".

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
514. Identificazione
514.2 Condutture elettriche
Testo
Le condutture elettriche devono essere disposte o contrassegnate in modo tale da poter essere identificate per le ispezioni, le prove, le riparazioni o le modifiche dell'impianto.
Commento
In genere le diverse condutture elettriche di un impianto sono sufficientemente differenziate le une dalle altre, come tipo, dimensione o tracciato, per permetterne la identificazione. Quando tuttavia questa identificazione risulta difficile, si deve stendere uno schema topografico dell'impianto ed indicare opportunamente la destinazione dei vari circuiti, per es. con etichette.
Quando si faccia uso dei colori per distinguere i cavi unipolari o le anime dei cavi multipolari, per l'individuazione dei colori distintivi dei cavi ci si deve attenere alla Tabella CEI-UNEL 00722.
Per l'identificazione dei cavi senza guaina mediante simboli si applica la Norma CEI 16-1.
I conduttori nudi e le sbarre devono essere identificabili, per es., per la loro forma o posizione, oppure mediante colori, cifre, simboli o segni grafici, e la loro identificabilità può essere limitata alle estremità ed ai punti di connessione.
Per l'identificazione dei conduttori di neutro e di protezione vedere anche 514.3.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
514. Identificazione
514.3 Identificazione dei conduttori di neutro e di protezione
Testo
514.3.1
I conduttori di neutro e di protezione, se separati, devono essere in accordo con la Norma CEI 16-4 "Individuazione dei conduttori isolati e dei conduttori nudi tramite colori".
514.3.2
I conduttori usati congiuntamente come neutro e conduttore di protezione (PEN), quando sono isolati, devono essere contrassegnati secondo uno dei metodi seguenti:
- verde/giallo su tutta la loro lunghezza con, in aggiunta, fascette blu chiaro alle estremità;
- blu chiaro su tutta la loro lunghezza con, in aggiunta, fascette verde/giallo alle estremità.
Commento
514.3.1
Quando si faccia uso di colori, il bicolore giallo-verde deve essere riservato ai conduttori di protezione (ivi compresi i conduttori di terra ed i conduttori equipotenziali) ed il colore blu chiaro deve essere destinato al conduttore di neutro (od al conduttore mediano).
In un cavo multipolare, in assenza di conduttore di neutro (o di conduttore mediano), l'anima di colore blu chiaro può essere usata come conduttore di fase.
Per i conduttori di messa a terra per ragioni funzionali, e non per ragioni di sicurezza, non è imposto alcun colore: essi non devono esser tuttavia identificati con la doppia colorazione giallo-verde ed i morsetti corrispondenti devono portare i simboli corrispondenti definiti nella Norma CEI 16-2.
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
514. Identificazione
514.4 Dispositivi di protezione
Testo
I dispositivi di protezione devono essere disposti ed identificati in modo che i circuiti protetti possano essere facilmente riconosciuti; a questo scopo può essere conveniente raggrupparli in quadri di distribuzione.
Commento: Il senso di manovra degli attuatori ed il colore degli indicatori devono essere conformi alle Norme CEI 16-5 e 16-3.
Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
514. Identificazione
514.5 Schemi
Testo
514.5.1
In genere devono essere forniti schemi, diagrammi o tabelle, in accordo con la Norma CEI 3-32 "Raccomandazioni generali per la preparazione degli schemi elettrici", che indichino in particolare:
- il tipo e la composizione dei circuiti (punti di utilizzazione, numero e sezione dei conduttori, tipo di condutture elettriche);
- le caratteristiche necessarie all'identificazione dei dispositivi che svolgono la funzione di protezione, di sezionamento e di comando e la loro dislocazione.
Per gli impianti non soggetti ad obblighi di progettazione le informazioni sopra citate possono essere date sotto forma di elenco dei relativi componenti elettrici.
514.5.2
I segni grafici utilizzati devono essere scelti tra quelli delle Norme CEI preparate dal CT 3.
Commento
Gli schemi e le altre indicazioni che indichino la natura e la formazione dei circuiti e le caratteristiche e la posizione dei dispositivi di protezione devono essere forniti quando questo sia specificato negli accordi tra committente ed installatore, ed in ogni caso quando sia necessario per l'esercizio e la manutenzione dell'impianto.
Si veda in ogni caso quanto disposto dalla Legge 46/90.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 51 - Regole comuni a tutti i componenti elettrici
515. Prevenzione di influenze reciproche dannose
Testo
515.1
I componenti elettrici devono essere scelti ed installati in modo da evitare qualsiasi influenza dannosa tra l'impianto elettrico e gli impianti non elettrici.
515.2
Quando i componenti elettrici percorsi da correnti di tipo diverso o di tensione diversa sono raggruppati in uno stesso assieme (quale un quadro, un armadio, un banco di comando od una cassetta), tutti i componenti elettrici che appartengono ad uno stesso tipo di corrente o ad una stessa tensione devono essere separati in modo efficace quando questo sia necessario per evitare un'influenza reciproca dannosa.
Commento
515.2
In proposito si vedano anche le Norme CEI di prodotto, in particolare le Norme CEI 17-13 e 17-13/1.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
520. Generalità
Testo
520.1
Nella scelta e nella messa in opera delle condutture (elettriche) si devono prendere in considerazione i principi fondamentali del Capitolo 13 applicabili ai cavi ed ai conduttori, ai loro morsetti e alle loro giunzioni, ai loro supporti ed ai loro involucri o metodi di protezione contro le influenze esterne.
Commento
520.1
Le prescrizioni di questo capitolo si applicano anche ai conduttori di protezione, per quanto non in contrasto con le prescrizioni del Capitolo 54.
Le principali Norme CEI riguardanti le condutture ed i loro elementi componenti sono le seguenti:
a) Per i cavi:
- Norma CEI 20-19: Cavi isolati con gomma;
- Norma CEI 20-20: Cavi isolati con polivinilcloruro;
- Norma CEI 20-38: Cavi isolati con gomma non propaganti l'incendio e a basso sviluppo di fumi e gas tossici e corrosivi;
- Norma CEI 20-39: Cavi ad isolamento minerale.
b) Per i tubi protettivi, i canali ed i loro accessori:
- Norma CEI 23-8: Tubi protettivi rigidi in PVC e accessori;
- Norma CEI 23-14: Tubi protettivi flessibili in PVC e loro accessori;
- Norma CEI 23-17: Tubi protettivi pieghevoli autorinvenenti di materiale termoplastico non autoestinguente;
- Norma CEI 23-19: Canali portacavi in materiale plastico e loro accessori ad uso battiscopa;
- Norma CEI 23-25: Tubi per le installazioni elettriche;
- Norma CEI 23-31: Sistemi di canali metallici e loro accessori ad uso portacavi e portapparecchi;
- Norma CEI 23-32: Sistemi di canali di materiale plastico isolante e loro accessori ad uso portacavi e portapparecchi per soffitto e pareti.
Per i condotti sbarre vedere l'art. 521.4.
Ove, in edifici a destinazione primariamente residenziale (vedere Commento a 314.1), siano previsti impianti utilizzatori alimentati attraverso organi di misura e consegna centralizzati (in quanto raggruppati cioè in un unico locale dell'edificio e destinati al servizio di più unità immobiliari):
- i singoli montanti sono considerati come parte del rispettivo impianto utilizzatore. Il conduttore di neutro non può essere utilizzato in comune tra diversi montanti;
- ogni montante può essere costituito da un cavo multipolare con guaina oppure da più cavi unipolari (in questo caso entro unica conduttura);
- si raccomanda che i cavi, i tubi protettivi, i canali, le cassette terminali e quelle eventuali disposte lungo i montanti siano distinti per ogni montante; peraltro le cassette rompitratta o di ammarro, nelle quali i cavi sono passanti senza morsetti, possono essere comuni a diversi circuiti;
- si raccomanda che i singoli montanti siano contrassegnati, per la loro individuazione, almeno in corrispondenza delle due estremità;
- il tratto di conduttore di protezione al quale vanno collegati i conduttori di protezione delle singole unità immobiliari, o parti di impianto utilizzatore, può essere unico per un gruppo di montanti: in questo caso si raccomanda che esso abbia un proprio tubo di protezione, cassette di derivazione (ed eventualmente di ammarro) esclusive ed individuabili, e che per tale conduttore la connessione alle singole derivazioni sia possibile senza interruzione della sua continuità elettrica.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
521. Tipi di condutture

Testo
Nota - Si possono utilizzare tipi di condutture non considerati nel presente Capitolo, a condizione che essi soddisfino le relative prescrizioni generali.
521.1
I tipi di posa delle condutture in funzione dei tipi di cavi utilizzati devono essere in accordo con la Tabella52A - Scelta dei conduttori e dei cavi in funzione dei tipi di posa
521.2
I tipi di posa delle condutture in funzione delle varie situazioni devono essere in accordo con la Tabella52B - Messa in opera delle condutture
521.3
Nella Tabella 52C sono rappresentati esempi di tipi di posa.
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 1
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 2
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 3
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 4
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 5
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 6
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 7
Commento
521.1
I cavi senza guaina sono sempre unipolari. Quando si citano i cavi con guaina si intendono cavi unipolari con guaina o cavi multipolari.
Le prescrizioni per l'uso di cavi con conduttori piatti (Norma CEI 20-41) per posa sotto tappeto a posa fissa (moquette) sono allo studio: per il momento ci si deve attenere alle istruzioni che deve fornire il costruttore ed in ogni caso i relativi circuiti devono venire protetti con interruttori differenziali aventi corrente differenziale nominale £ 30 mA.
521.2
I tipi di posa 52 e 53 riguardanti i cavi con guaina incassati direttamente nella muratura non erano ammessi nelle precedenti edizioni della presente Norma: essi sono stati introdotti per ragioni di armonizzazione con la normativa internazionale.
Si raccomanda tuttavia di realizzare impianti con cavi che possano essere sfilati, per tutti gli evidenti vantaggi che questo tipo di impianto comporta in caso di riparazioni e di ampliamenti.
Vedere anche il commento alla Sezione 513.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
521. Tipi di condutture
521.4 Condotti sbarre
Testo
Nota - Si possono utilizzare tipi di condutture non considerati nel presente Capitolo, a condizione che essi soddisfino le relative prescrizioni generali.
I condotti sbarre devono essere in accordo con la Norma CEI 17-13 e devono essere messi in opera secondo le istruzioni del costruttore. La loro installazione deve tener conto delle prescrizioni delle Sezioni 522, 525, 526, 527, 528 e 529.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
521. Tipi di condutture
521.5 Circuiti a corrente alternata
Testo
Nota - Si possono utilizzare tipi di condutture non considerati nel presente Capitolo, a condizione che essi soddisfino le relative prescrizioni generali.
521.5
Circuiti a corrente alternata
I conduttori dei circuiti a c. a. installati entro involucri di materiale ferromagnetico devono essere disposti in modo che i conduttori di tutte le fasi e l'eventuale conduttore di neutro siano contenuti nello stesso involucro.
Nota - Se questa condizione non è soddisfatta, si possono avere riscaldamenti pericolosi dovuti ad effetti induttivi.
Commento
Nei sistemi IT (nel caso in cui dopo il primo guasto si presentino le condizioni dei sistemi TN) e TN anche il conduttore di protezione dovrebbe essere contenuto nello stesso involucro, se di materiale ferromagnetico, dei conduttori attivi; in caso contrario l'impedenza del circuito di guasto può risultare aumentata in modo tale da non potere rispettare le condizioni di protezione contro i contatti indiretti.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
521. Tipi di condutture
521.6 Posa dei conduttori
Testo
Nota - Si possono utilizzare tipi di condutture non considerati nel presente Capitolo, a condizione che essi soddisfino le relative prescrizioni generali.
521.6
Posa dei conduttori
E' permesso posare conduttori di sistemi di tensione diversi nella stessa conduttura, a condizione che tutti i conduttori siano isolati per la tensione nominale più elevata.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.1 Temperatura ambiente
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.1.1
Le condutture devono essere scelte e messe in opera in modo da essere adatte per la temperatura ambiente locale più elevata e da assicurare che la temperatura limite indicata nella Tabella52 D non sia superata.
522.1.2
I componenti delle condutture, compresi i cavi ed i loro accessori, devono essere messi in opera e manipolati solo a temperature comprese entro i limiti fissati dalle relative Norme o, in mancanza di esse, indicati dal costruttore.
Tabella52A - Scelta dei conduttori e dei cavi in funzione dei tipi di posa
Tabella52B - Messa in opera delle condutture
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 1
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 2
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 3
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 4
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 5
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 6
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 7
Commento
La temperatura di riferimento per il calcolo delle condutture non interrate è di 30 °C; tale valore può essere assunto come temperatura ambiente anche se la temperatura effettiva in estate arriva per qualche ora a 35 °C ed eccezionalmente a temperature superiori.
Per le condutture interrate la temperatura di riferimento per il calcolo della portata è di 20 °C.
522.1.2
Durante le operazioni di posa o di spostamento dei cavi per installazione fissa, la loro temperatura, per tutta la loro lunghezza e per tutto il tempo in cui essi possono venire piegati o raddrizzati, non deve essere inferiore a:
- per cavi isolati con carta impregnata: 3 °C
- per cavi isolati con PVC, o aventi rivestimento protettivo a base di PVC: 0 °C
- per i cavi con isolante o rivestimento protettivo a base di materiali elastomerici: -25 °C
I limiti di temperatura qui sopra ricordati sono da riferirsi ai cavi stessi e non all'ambiente. Si deve tenere presente che i cavi avvolti su bobina seguono con molto ritardo le variazioni della temperatura ambiente.
In ogni caso quando la temperatura ambiente è inferiore a -10 °C, le condutture che hanno involucri isolanti o guaine in PVC non possono venire né manipolate né sottoposte a sforzi meccanici.
Esempio 11: i cavi sono posti a piccola distanza dalle pareti.
Esempio 15: I cavi sono posti ad una distanza dalle pareti superiore a circa un terzo del diametro del cavo.
Tabella52C - Parte 2

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.2 Sorgenti esterne di calore
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.2.1
Per evitare gli effetti del calore proveniente da sorgenti esterne, si deve utilizzare uno dei seguenti metodi, oppure altri metodi parimente efficaci, per proteggere le condutture:
- schermi di protezione;
- sufficiente allontanamento dalla sorgente di calore;
- scelta della conduttura tenendo conto delle sovratemperature che si possono presentare;
- rinforzo locale o modifica del materiale isolante.
Nota - Il calore proveniente da sorgenti esterne può essere trasmesso per irraggiamento, convezione o conduzione, da:
- tubazioni di distribuzione dell'acqua calda;
- apparecchi di illuminazione ed altri componenti dell'impianto elettrico;
- processi di fabbricazione;
- azione diretta del sole o del suo mezzo circostante; oppure
- mediante trasmissione da parte di materiali conduttori del calore.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.3 Presenza di acqua
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.3.1
Le condutture devono essere scelte e messe in opera in modo che nessun danno possa venire causato dall'ingresso dell'acqua. Ciò si ottiene in genere quando ogni elemento della conduttura, dopo la messa in opera, risulti conforme al grado di protezione IP necessario per il luogo nel quale esso sia installato.
Nota - In generale, le guaine e gli involucri isolanti dei cavi per posa fissa possono essere considerati, quando non siano stati danneggiati, a prova di penetrazione di acqua. Può essere necessario prendere speciali precauzioni per i cavi che si prevede siano soggetti a frequenti getti d'acqua o siano sommersi.
522.3.2
Quando, nelle condutture, l'acqua si possa accumulare o condensare, si devono prendere provvedimenti per la sua evacuazione.
522.3.3
Quando le condutture possono essere sottoposte ad onde, si deve assicurare la protezione contro il danneggiamento meccanico mediante uno dei metodi di cui in 522.6, 522.7 e 522.8.
Commento
Si devono prendere precauzioni affinché i cavi unipolari senza guaina non rimangano a contatto con l'acqua all'interno delle condutture: in particolare se queste condutture devono attraversare muri posti tra locali presentanti condizioni di umidità molto diverse, tali da dare luogo a condensa di acqua, queste condutture se non sono otturate, devono venire inclinate verso il locale più umido.
Nel caso di torrette o calotte (sporgenti dal pavimento) e di cassette (affioranti sul pavimento) situate in edifici a destinazione primariamente residenziale (vedere Commento a 314.1), si raccomanda che le loro parti, ad esclusione delle singole prese incorporate, assicurino almeno il grado di protezione IP52 per l'accoppiamento meccanico sul piano del pavimento.
Il grado minimo di protezione di cui sopra non si riferisce all'applicazione particolare su pavimenti sopraelevati o riportati (a pannelli accostati) per la cui pulitura non si prevedono spargimenti di liquidi.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.4 Presenza di corpi solidi
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.4.1
Le condutture devono essere scelte e messe in opera in modo da rendere minimi i danni causati dall'ingresso di corpi solidi. Ciò si ottiene in genere quando ogni elemento della conduttura, dopo la messa in opera, risulti conforme al grado di protezione IP necessario per il luogo nel quale esso sia installato.
522.4.2
Nei luoghi in cui la polvere sia presente in quantità significativa si devono prendere precauzioni supplementari per impedire l'accumulo di polvere o di altre sostanze in quantità tali da potere influenzare in modo negativo la dissipazione del calore delle condutture.
Nota - Può essere necessario ricorrere ad un modo di posa che faciliti la rimozione della polvere.
Commento
Nel caso di torrette o calotte (sporgenti dal pavimento) e di cassette (affioranti sul pavimento) situate in edifici a destinazione primariamente residenziale (vedere Commento a 314.1), si raccomanda che le loro parti, ad esclusione delle singole prese incorporate, assicurino almeno il grado di protezione IP52 per l'accoppiamento meccanico sul piano del pavimento.
Il grado minimo di protezione di cui sopra non si riferisce all'applicazione particolare su pavimenti sopraelevati o riportati (a pannelli accostati) per la cui pulitura non si prevedono spargimenti di liquidi.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.5 Presenza di sostanze corrosive od inquinanti
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.5.1
Quando la presenza di sostanze corrosive od inquinanti, compresa l'acqua, possa dare origine a corrosioni od a deterioramenti, le parti della conduttura che potrebbero esserne influenzate devono essere adeguatamente protette oppure costruite con materiali resistenti a tali sostanze.
522.5.2
Metalli diversi che possano dare luogo a coppie elettrolitiche non devono essere posti in contatto tra di loro.
522.5.3
Materiali che possano causare deterioramenti reciproci od individuali oppure degradazioni pericolose non devono essere posti in contatto tra di loro.
Commento
522.5.1
Quando le sostanze corrosive od inquinanti siano di origine atmosferica o, se dovute a processi chimici di uso corrente, siano tali da presentarsi solo in modo intermittente od accidentale, è sufficiente utilizzare cavi con guaina in PVC o condutture aventi involucri in PVC.
Quando invece le sostanze corrosive od inquinanti siano dovute a processi chimici nocivi e siano tali da presentarsi in modo permanente, si devono utilizzare cavi speciali protetti secondo la natura degli agenti chimici.
522.5.2
Si ricorda che nell'Appendice K della Norma CEI 74-2 è riportato un elenco dei potenziali elettrochimici per un certo numero di coppie di metalli comunemente utilizzati. In questa Norma CEI 74-2 è precisato inoltre che la corrosione dovuta ad azione elettrochimica fra metalli diversi a contatto è ridotta al minimo se il potenziale elettrochimico combinato è inferiore a circa 0,6 V.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.6 Urti meccanici
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.6.1
Le condutture devono essere scelte e messe in opera in modo tale da rendere minimi i danni provocati da sollecitazioni meccaniche, per es. da urti o schiacciamenti.
522.6.2
Quando negli impianti fissi possano aversi urti di media o di elevata intensità, la protezione può essere assicurata mediante uno dei seguenti metodi:
- scelta di condutture aventi caratteristiche meccaniche adeguate;
- scelta di un luogo adatto;
- uso, anche solo locale, di protezioni meccaniche supplementari;
oppure mediante una combinazione dei precedenti metodi.
Commento
Si possono utilizzare cavi che possano essere sottoposti in alcuni tratti del loro percorso ad urti meccanici che non siano in grado di sopportare, a condizione di prevedere per quei tratti una protezione meccanica supplementare.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.7 Vibrazioni

Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.7.1
Quando le condutture siano sostenute da o fissate a strutture o ad altri componenti soggetti a vibrazioni di media o di elevata intensità, esse devono risultare adatte per queste condizioni, per quanto riguarda cavi e loro connessioni.
Nota - Si deve prestare particolare attenzione alle connessioni ad apparecchiature vibranti. In questo caso si possono adottare localmente adeguati provvedimenti, quali l'uso di cavi flessibili.

Commento
522.7.1
Vibrazioni di media e di elevata intensità non si verificano in edifici a destinazione residenziale o similare.
Esse si possono verificare in alcune applicazioni industriali: in questi casi non si devono usare cavi rigidi.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.8 Altre sollecitazioni meccaniche
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.8.1
Le condutture devono essere scelte e messe in opera in modo da impedire, durante la messa in opera, l'uso o la manutenzione, danneggiamenti alle guaine, agli isolamenti dei cavi ed alle loro terminazioni.
522.8.1.1
Si raccomanda di prevedere la sfilabilità dei cavi; a tal fine si consiglia che il diametro interno dei tubi protettivi sia pari almeno a 1,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio di cavi che essi sono destinati a contenere, con un minimo di 10 mm.
Per i canali e le passerelle a sezione diversa dalla circolare si consiglia che il rapporto tra la sezione stessa e l'area della sezione retta occupata dai cavi non sia inferiore a 2.
522.8.1.2
Questa prescrizione si applica alle curvature delle condutture lungo il loro percorso principale: non si applica necessariamente alle curvature che devono essere applicate alle estremità dei cavi di piccola sezione per il raccordo permanente ai morsetti di apparecchi montati all'interno di contenitori, quali scatole da incasso o piccoli quadri di distribuzione.
522.8.1.5
Questa prescrizione si applica in particolare alla posa di tubi protettivi entro cunicoli od in cavità (entro strutture).
522.8.1.6
I tubi protettivi di materiale plastico installati sotto pavimento sono considerati adeguati se sono del tipo pesante (rigido o flessibile) secondo le Norme CEI 23-8 e 23-14 e del tipo medio (rigido o flessibile) secondo la Norma CEI 23-25.
522.8.1.7
Le prescrizioni riportate nel primo capoverso non si oppongono a percorsi obliqui per tratti molto brevi od a curvature quando tali curvature siano necessarie per aggirare ostacoli oppure in pareti prefabbricate quando questo venga richiesto da tecniche di fabbricazione.
Le condutture nei soffitti o nei pavimenti possono seguire il percorso che sia in pratica più corto.
I tubi protettivi destinati ad essere annegati in strutture prefabbricate devono essere del tipo in grado di resistere senza danneggiarsi alle sollecitazioni meccaniche (ed alle temperature massime e minime) che possono verificarsi durante la predisposizione e la formazione della struttura stessa. In particolare i tubi protettivi pieghevoli autorinvenenti di materiale termoplastico non autoestinguente conformi alla Norma CEI 23-17 sono considerati adatti ad essere annegati in strutture prefabbricate.
Commento
522.8.1
La Tabella 52C mostra esempi di applicazione delle condutture che rispondono alle prescrizioni del presente paragrafo.
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 1
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 2
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 3
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 4
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 5
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 6
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 7
Per i cavi interrati si applicano le prescrizioni, relative ai cavi di bassa tensione, della Norma CEI 11-17.
522.8.1.1
Si raccomanda di prevedere la sfilabilità dei cavi; a tal fine si consiglia che il diametro interno dei tubi protettivi sia pari almeno a 1,3 volte il diametro del cerchio circoscritto al fascio di cavi che essi sono destinati a contenere, con un minimo di 10 mm.
Per i canali e le passerelle a sezione diversa dalla circolare si consiglia che il rapporto tra la sezione stessa e l'area della sezione retta occupata dai cavi non sia inferiore a 2.
522.8.1.2
Questa prescrizione si applica alle curvature delle condutture lungo il loro percorso principale: non si applica necessariamente alle curvature che devono essere applicate alle estremità dei cavi di piccola sezione per il raccordo permanente ai morsetti di apparecchi montati all'interno di contenitori, quali scatole da incasso o piccoli quadri di distribuzione.
522.8.1.5
Questa prescrizione si applica in particolare alla posa di tubi protettivi entro cunicoli od in cavità (entro strutture).
522.8.1.6
I tubi protettivi di materiale plastico installati sotto pavimento sono considerati adeguati se sono del tipo pesante (rigido o flessibile) secondo le Norme CEI 23-8 e 23-14 e del tipo medio (rigido o flessibile) secondo la Norma CEI 23-25.
522.8.1.7
Le prescrizioni riportate nel primo capoverso non si oppongono a percorsi obliqui per tratti molto brevi od a curvature quando tali curvature siano necessarie per aggirare ostacoli oppure in pareti prefabbricate quando questo venga richiesto da tecniche di fabbricazione.
Le condutture nei soffitti o nei pavimenti possono seguire il percorso che sia in pratica più corto.
I tubi protettivi destinati ad essere annegati in strutture prefabbricate devono essere del tipo in grado di resistere senza danneggiarsi alle sollecitazioni meccaniche (ed alle temperature massime e minime) che possono verificarsi durante la predisposizione e la formazione della struttura stessa. In particolare i tubi protettivi pieghevoli autorinvenenti di materiale termoplastico non autoestinguente conformi alla Norma CEI 23-17 sono considerati adatti ad essere annegati in strutture prefabbricate.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.9 Presenza di flora o di muffe
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.9.1
Quando si sappia o si preveda che le condizioni siano tali da costituire un pericolo, le condutture devono essere scelte di conseguenza oppure devono essere adottate misure di protezione particolari.
Nota - Può essere necessario ricorrere ad un tipo di posa che faciliti la rimozione di tali flore o muffe.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.10 Presenza di fauna
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.10.1
Quando si sappia o si preveda che le condizioni siano tali da costituire un pericolo, le condutture devono essere scelte di conseguenza oppure devono essere adottate misure di protezione particolari, come per esempio:
- scelta di condutture aventi caratteristiche meccaniche adeguate;
- scelta di un luogo adatto;
- uso, anche solo locale, di protezioni meccaniche supplementari;
od una combinazione dei precedenti metodi.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.11 Irraggiamento solare
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.11.1
Quando si sappia o si preveda di avere notevoli irraggiamenti solari, si devono scegliere e mettere in opera condutture adatte a queste condizioni oppure deve essere prevista una schermatura adeguata.
Nota - Vedere anche 522.2.1 per quanto riguarda le sovratemperature.
Commento
Devono essere presi in considerazione i rischi di invecchiamento dei materiali: relative informazioni devono essere chieste ai costruttori degli elementi costruttivi sottoposti ad irraggiamento solare.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.12 (Omesso)
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
Omesso

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.13 Vento

Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.13.1
Vedere quanto indicato in 522.7 (Vibrazioni) ed in 522.8 (Altre sollecitazioni meccaniche).

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
522. Scelta ed installazione in funzione delle influenze esterne
522.14 Struttura degli edifici
Testo
Nota - Nella presente Sezione sono considerate solo le influenze esterne significative per le condutture.
522.14.1
Quando la struttura degli edifici presenta rischi di movimento, i supporti dei cavi ed i sistemi di protezione utilizzati devono essere tali da permettere il movimento relativo in modo che i conduttori ed i cavi non siano sottoposti a sollecitazioni meccaniche eccessive.
522.14.2
Per le strutture flessibili o instabili si devono utilizzare condutture flessibili.
Nota - Vedere quanto indicato in 522.7 (Vibrazioni), in 522.8 (Altre sollecitazioni meccaniche) ed in 522.12 (Effetti sismici).
Commento
522.14.1
Rischi di movimento si presentano per es. in edifici di grande lunghezza od in edifici costruiti su terreni non stabilizzati. In questi casi si raccomanda l'uso di cavi flessibili nei punti degli edifici nei quali siano possibili deformazioni.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
523. Portate
523.1 Generalità
Testo
Le prescrizioni del presente articolo sono destinate ad assicurare una durata di vita soddisfacente dei conduttori e degli isolamenti sottoposti agli effetti termici causati dal passaggio della corrente per periodi prolungati ed in condizioni ordinarie di esercizio. Altre considerazioni influenzano peraltro la scelta della sezione dei conduttori, quali le prescrizioni per la protezione contro i contatti indiretti (Capitolo 41), la protezione contro gli effetti termici (Capitolo 42), la protezione contro le sovracorrenti (Capitolo 43), la caduta di tensione e le temperature massime ammesse per i morsetti dei componenti ai quali i conduttori sono collegati.
La presente Sezione si applica ai cavi con tensioni nominali sino a 1 kV, in c.a., od a 1,5 kV, in c.c., compresi.
Essa non tratta i cavi previsti per essere immersi in acqua.
523.1.1
La corrente massima (portata) ammissibile per periodi prolungati da qualsiasi conduttore in servizio ordinario deve essere tale che la temperatura massima di funzionamento non superi il valore appropriato indicato nella Tabella 52D. Il valore di tale corrente deve essere scelto in accordo con 523.1.2 oppure deve essere determinato in accordo con 523.1.3.
Tabella 52D - Massime temperature di servizio dei materiali isolanti
523.1.2
Le prescrizioni di 523.1.1 sono considerate come soddisfatte se le correnti non superano le portate scelte secondo le relative tabelle CEI-UNEL (35024 e 35026). Per i tipi di cavi non trattati in queste Tabelle, le portate devono essere determinate in accordo con quanto indicato in 523.1.3.
523.1.3
I valori della portata e dei fattori di riduzione per i raggruppamenti di cavi che soddisfino le prescrizioni di 523.1.1 possono essere determinati secondo i metodi della Pubblicazione IEC 287 (Norma CEI 20-21), oppure mediante prove o con calcoli utilizzando un metodo riconosciuto, a condizione che questo metodo venga precisato. Può essere necessario tener conto delle caratteristiche del carico.
Commento
Per i cavi previsti per essere immersi in acqua si possono applicare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 11-17.
523.1.1
Tabella52D
La massima temperatura di servizio è di 60 °C per gli isolamenti in gomma, ma si ammette che le portate siano le stesse che per i cavi isolati in PVC.
523.1.2
I valori delle portate, indicati nella Tabella CEI-UNEL 35024, si applicano ai cavi non armati.
I valori relativi ai cavi multipolari possono venire utilizzati anche per i cavi armati, per i cavi con conduttore di protezione concentrico e con guaina metallica, se contengono tutti i conduttori del circuito, essendo gli errori nel senso della sicurezza.
Le variazioni pratiche nella costruzione dei cavi e le tolleranze di fabbricazione danno luogo per ogni dimensione nominale ad una gamma di dimensioni effettive possibili: i valori indicati nelle tabelle sono stati scelti in modo da tenere conto di queste variazioni con sufficienti margini di sicurezza.
Quando si conoscano le dimensioni effettive dei cavi, i loro materiali, il loro numero e le condizioni di posa in opera, le portate possono venire determinate in accordo con 523.1.3.
Si precisa che gli esempi di condutture mostrati nella Tab. 52 C non corrispondono a tutti i tipi di condutture ai quali si riferiscono i valori indicati nelle Tabelle CEI-UNEL 35024 e 35026, a cui ci si deve per ora attenere nella determinazione delle portate relative a questi tipi di condutture.
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 1
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 2
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 3
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 4
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 5
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 6
Tabella52C - Esempi di condutture Parte 7
E' allo studio la preparazione di una Pubblicazione CEI basata sul Rapporto CENELEC R 64-001, che ha lo scopo di fornire i valori delle portate con preciso riferimento agli esempi di condutture mostrati nella Tabella 52C.


Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
523. Portate
523.2 Temperatura ambiente
Testo
Le prescrizioni del presente articolo sono destinate ad assicurare una durata di vita soddisfacente dei conduttori e degli isolamenti sottoposti agli effetti termici causati dal passaggio della corrente per periodi prolungati ed in condizioni ordinarie di esercizio. Altre considerazioni influenzano peraltro la scelta della sezione dei conduttori, quali le prescrizioni per la protezione contro i contatti indiretti (Capitolo 41), la protezione contro gli effetti termici (Capitolo 42), la protezione contro le sovracorrenti (Capitolo 43), la caduta di tensione e le temperature massime ammesse per i morsetti dei componenti ai quali i conduttori sono collegati.
La presente Sezione si applica ai cavi con tensioni nominali sino a 1 kV, in c.a., od a 1,5 kV, in
c.c., compresi.
Essa non tratta i cavi previsti per essere immersi in acqua.
523.2.1
Il valore della temperatura ambiente cui riferirsi è quella del mezzo circostante quando i cavi in esame non sono sotto carico.
523.2.2, 523.2.3, 523.2.4
(Omessi)
Commento
Per i cavi previsti per essere immersi in acqua si possono applicare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 11-17.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
523. Portate
523.3 (Omesso)
Testo
Le prescrizioni del presente articolo sono destinate ad assicurare una durata di vita soddisfacente dei conduttori e degli isolamenti sottoposti agli effetti termici causati dal passaggio della corrente per periodi prolungati ed in condizioni ordinarie di esercizio. Altre considerazioni influenzano peraltro la scelta della sezione dei conduttori, quali le prescrizioni per la protezione contro i contatti indiretti (Capitolo 41), la protezione contro gli effetti termici (Capitolo 42), la protezione contro le sovracorrenti (Capitolo 43), la caduta di tensione e le temperature massime ammesse per i morsetti dei componenti ai quali i conduttori sono collegati.
La presente Sezione si applica ai cavi con tensioni nominali sino a 1 kV, in c.a., od a 1,5 kV, in
c.c., compresi.
Essa non tratta i cavi previsti per essere immersi in acqua.
523.3
(Omesso)
Commento
Per i cavi previsti per essere immersi in acqua si possono applicare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 11-17.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
523. Portate
523.4 (Omesso)
Testo
Le prescrizioni del presente articolo sono destinate ad assicurare una durata di vita soddisfacente dei conduttori e degli isolamenti sottoposti agli effetti termici causati dal passaggio della corrente per periodi prolungati ed in condizioni ordinarie di esercizio. Altre considerazioni influenzano peraltro la scelta della sezione dei conduttori, quali le prescrizioni per la protezione contro i contatti indiretti (Capitolo 41), la protezione contro gli effetti termici (Capitolo 42), la protezione contro le sovracorrenti (Capitolo 43), la caduta di tensione e le temperature massime ammesse per i morsetti dei componenti ai quali i conduttori sono collegati.
La presente Sezione si applica ai cavi con tensioni nominali sino a 1 kV, in c.a., od a 1,5 kV, in
c.c., compresi.
Essa non tratta i cavi previsti per essere immersi in acqua.
523.4
(Omesso)
Commento
Per i cavi previsti per essere immersi in acqua si possono applicare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 11-17.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
523. Portate
523.5 Numero di conduttori sotto carico in un circuito
Testo
Le prescrizioni del presente articolo sono destinate ad assicurare una durata di vita soddisfacente dei conduttori e degli isolamenti sottoposti agli effetti termici causati dal passaggio della corrente per periodi prolungati ed in condizioni ordinarie di esercizio. Altre considerazioni influenzano peraltro la scelta della sezione dei conduttori, quali le prescrizioni per la protezione contro i contatti indiretti (Capitolo 41), la protezione contro gli effetti termici (Capitolo 42), la protezione contro le sovracorrenti (Capitolo 43), la caduta di tensione e le temperature massime ammesse per i morsetti dei componenti ai quali i conduttori sono collegati.
La presente Sezione si applica ai cavi con tensioni nominali sino a 1 kV, in c.a., od a 1,5 kV, in c.c., compresi.
Essa non tratta i cavi previsti per essere immersi in acqua.
523.5.1
Il numero dei conduttori da considerare in un circuito è quello dei conduttori che portano effettivamente la corrente di carico. Quando si può supporre che in circuiti polifase i conduttori portino correnti equilibrate, non è necessario prendere in considerazione il corrispondente conduttore di neutro.
523.5.2
Quando il conduttore di neutro porta una corrente senza che si abbia una corrispondente riduzione nel carico dei conduttori di fase, il conduttore di neutro deve essere preso in considerazione nella determinazione del numero dei conduttori sotto carico.
Nota - Tali correnti possono essere causate, per es., da correnti armoniche significative nei circuiti trifase.
523.5.3
I conduttori utilizzati solo come conduttori di protezione non devono essere tenuti in conto. I conduttori PEN devono essere considerati allo stesso modo dei conduttori di neutro.
Commento
Per i cavi previsti per essere immersi in acqua si possono applicare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 11-17.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
523. Portate
523.6 Conduttori in parallelo
Testo
Le prescrizioni del presente articolo sono destinate ad assicurare una durata di vita soddisfacente dei conduttori e degli isolamenti sottoposti agli effetti termici causati dal passaggio della corrente per periodi prolungati ed in condizioni ordinarie di esercizio. Altre considerazioni influenzano peraltro la scelta della sezione dei conduttori, quali le prescrizioni per la protezione contro i contatti indiretti (Capitolo 41), la protezione contro gli effetti termici (Capitolo 42), la protezione contro le sovracorrenti (Capitolo 43), la caduta di tensione e le temperature massime ammesse per i morsetti dei componenti ai quali i conduttori sono collegati.
La presente Sezione si applica ai cavi con tensioni nominali sino a 1 kV, in c.a., od a 1,5 kV, in
c.c., compresi.
Essa non tratta i cavi previsti per essere immersi in acqua.
523.6
Conduttori in parallelo
Le disposizioni particolari da prendere nel caso di cavi unipolari non disposti a spirale consistono in genere nel posare i conduttori delle diverse fasi con opportune trasposizioni e nel prevedere raccordi identici e montati allo stesso modo.
Commento
Per i cavi previsti per essere immersi in acqua si possono applicare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 11-17.
523.6
Conduttori in parallelo
Le disposizioni particolari da prendere nel caso di cavi unipolari non disposti a spirale consistono in genere nel posare i conduttori delle diverse fasi con opportune trasposizioni e nel prevedere raccordi identici e montati allo stesso modo.
Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
523. Portate
523.7 Variazione delle condizioni di messa in opera lungo il percorso
Testo
Le prescrizioni del presente articolo sono destinate ad assicurare una durata di vita soddisfacente dei conduttori e degli isolamenti sottoposti agli effetti termici causati dal passaggio della corrente per periodi prolungati ed in condizioni ordinarie di esercizio. Altre considerazioni influenzano peraltro la scelta della sezione dei conduttori, quali le prescrizioni per la protezione contro i contatti indiretti (Capitolo 41), la protezione contro gli effetti termici (Capitolo 42), la protezione contro le sovracorrenti (Capitolo 43), la caduta di tensione e le temperature massime ammesse per i morsetti dei componenti ai quali i conduttori sono collegati.
La presente Sezione si applica ai cavi con tensioni nominali sino a 1 kV, in c.a., od a 1,5 kV, in
c.c., compresi.
Essa non tratta i cavi previsti per essere immersi in acqua.
523.7
Variazione delle condizioni di messa in opera lungo il percorso
Quando i conduttori ed i cavi sono posti in opera lungo un percorso le cui condizioni di dissipazione termica variano, le loro portate devono essere determinate in funzione della parte del percorso che presenta le condizioni più severe.
Se tuttavia per ragioni di protezione meccanica un cavo posato su pareti viene fatto passare entro un tratto di tubo protettivo o di canale di limitata lunghezza, non è necessario ridurre la portata a condizione che questo tratto di tubo protettivo o di canale non sia incassato.
Commento
Per i cavi previsti per essere immersi in acqua si possono applicare le prescrizioni riportate nella Norma CEI 11-17.
523.7
Variazione delle condizioni di messa in opera lungo il percorso Un tratto di tubo protettivo o di canale viene considerato di limitata lunghezza se non più lungo di un metro.
Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
524. Sezioni dei conduttori
Testo
524.1
La sezione dei conduttori di fase nei circuiti a c. a. e dei conduttori attivi nei circuiti a c.c. non deve essere inferiore ai valori dati nella Tabella 52E.
Tabella52E - Sezioni minime dei conduttori
524.2
L'eventuale conduttore di neutro deve avere la stessa sezione dei conduttori di fase:
- nei circuiti monofase a due fili, qualunque sia la sezione dei conduttori;
- nei circuiti polifase (e nei circuiti monofase a tre fili) quando la dimensione dei conduttori di fase sia inferiore od uguale a 16 mm2 se in rame od a 25 mm2 se in alluminio.
524.3
Nei circuiti polifase i cui conduttori di fase abbiano una sezione superiore a 16 mm2 se in rame od a 25 mm2 se in alluminio il conduttore di neutro può avere una sezione inferiore a quella dei conduttori di fase se sono soddisfatte contemporaneamente le seguenti condizioni:
- la corrente massima, comprese le eventuali armoniche, che si prevede possa percorrere il conduttore di neutro durante il servizio ordinario, non sia superiore alla corrente ammissibile corrispondente alla sezione ridotta del conduttore di neutro;
Nota - La corrente che fluisce nel circuito nelle condizioni di servizio ordinario deve essere praticamente equilibrata tra le fasi.
- la sezione del conduttore di neutro sia almeno uguale a 16 mm2 se in rame od a 25 mm2 se in alluminio.
Commento
524.2
Se il conduttore di neutro è utilizzato anche come conduttore di protezione (conduttore PEN), le prescrizioni di questo articolo sono applicabili solo nel caso siano compatibili con quelle della Sezione 543.1.
524.3
Quando gli apparecchi utilizzatori producano correnti armoniche di forte valore, la sezione del conduttore di neutro non deve essere inferiore a quella dei conduttori di fase, anche se le potenze degli apparecchi utilizzati sono ripartite in modo uniforme tra le diverse fasi. Questo è vero in particolare quando gli apparecchi alimentati contengono lampade a scarica.
Si ricorda che il neutro può essere sovraccaricato anche a causa di correnti parzializzate (controllo di fase).
In ogni caso il conduttore di neutro deve essere protetto contro le sovracorrenti in accordo con le prescrizioni dell'articolo 473.3.2.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
525. Caduta di tensione negli impianti utilizzatori
Testo
Si raccomanda che la caduta di tensione tra l'origine dell'impianto utilizzatore e qualunque apparecchio utilizzatore non sia superiore in pratica al 4% della tensione nominale dell'impianto.
Cadute di tensione più elevate possono essere ammesse per i motori durante i periodi di avviamento, o per altri componenti elettrici che richiedano assorbimenti di corrente più elevati, con la condizione che ci si assicuri che le variazioni di tensione rimangano entro i limiti indicati nelle relative Norme CEI.
Possono non essere prese in considerazione condizioni transitorie dovute ad un funzionamento di tipo non ordinario.
Commento
Si raccomanda che la caduta di tensione non superi, in qualsiasi punto dell'impianto utilizzatore e col relativo carico di progetto, il 4% della tensione nominale solo in mancanza di specifiche indicazioni da parte del committente.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
526. Connessioni elettriche
Testo
526.1
Le connessioni tra i conduttori e tra i conduttori e gli altri componenti devono assicurare una continuità elettrica duratura e presentare un'adeguata resistenza meccanica.
526.2
Le connessioni devono essere situate in involucri che forniscano una protezione meccanica adeguata.
526.3
La scelta dei mezzi di connessione deve tenere conto:
- del materiale dei conduttori e del loro isolamento;
- del numero e della forma delle anime dei conduttori;
- della sezione dei conduttori;
- del numero dei conduttori da collegare assieme.
Nota - Si raccomanda di evitare di usare connessioni saldate con apporto di materiale a basso punto di fusione (per es. stagno) nei circuiti di potenza. Se vengono utilizzate, esse devono essere progettate tenendo conto dello scorrimento del materiale di apporto e delle sollecitazioni meccaniche (522.6, 522.7 e 522.8).
526.4
Tutte le connessioni devono essere accessibili per l'ispezione, le prove e la manutenzione, con l'eccezione dei seguenti casi:
- giunzioni di cavi interrati;
- giunzioni impregnate con un composto o incapsulate;
- connessioni tra le estremità fredde e gli elementi riscaldanti dei sistemi di riscaldamento dei soffitti e dei pavimenti.
526.5
Se necessario, si devono prendere precauzioni per evitare che la temperatura raggiunta dalle connessioni nel servizio ordinario danneggi l'isolamento dei conduttori che ad esse siano collegati o che sostengano le stesse connessioni.
Commento
526.1
Quando le connessioni sono realizzate utilizzando mezzi di connessione destinati a questo scopo, questi devono essere scelti in modo tale da assicurare che le stesse connessioni possano sopportare le sollecitazioni provocate dalle correnti ammissibili nelle condutture in servizio ordinario, dalle correnti di cortocircuito determinate sulla base delle caratteristiche dei dispositivi di protezione e dalle vibrazioni previste nelle condizioni ordinarie di servizio.
Le Norme CEI riguardanti i mezzi di connessione sopra citati forniscono in genere sufficienti informazioni al riguardo.
Le connessioni realizzate all'interno di apparecchiature, per es. di quadri, devono venire realizzate in accordo con le Norme relative a queste apparecchiature: vedere in particolare la Norma
CEI 17-13/1, riguardante le apparecchiature costruite in fabbrica (ACF).
In canali e passerelle, le giunzioni e le derivazioni devono avere isolamento elettrico e resistenza meccanica almeno equivalenti a quelli richiesti per i cavi, in relazione alle condizioni di installazione; esse inoltre devono avere nei confronti delle parti attive un grado di protezione almeno IPXXB per i canali e comunque adatto al luogo di installazione per le passerelle.
In canali e passerelle le giunzioni e le derivazioni devono essere nel minor numero possibile; le giunzioni devono unire cavi dalle stesse caratteristiche e dello stesso colore delle anime. Inoltre le condizioni del coefficiente di riempimento devono tenere conto anche delle giunzioni e delle derivazioni.
526.3
La connessione sui morsetti di un apparecchio di conduttori che servono alla alimentazione di altri apparecchi (il cosiddetto "repiquage") è ammesso solo se i morsetti sono destinati a questo scopo (come per es. per certi tipi di prese), o sono dimensionati in modo da potere ricevere la sezione totale dei conduttori da collegare, e se la corrente ammissibile sugli stessi morsetti non è inferiore alla corrente di impiego del circuito a monte.
526.4
Questa prescrizione si applica in particolare alle cassette, che sono destinate a fungere da rompitratta oppure a contenere dispositivi di giunzione, derivazione o altri componenti non manovrabili dall'esterno, ispezionabili mediante rimozione o apertura del coperchio, ed alle scatole, che sono destinate a contenere apparecchi di protezione, sezionamento e comando. Si raccomanda di non effettuare giunzioni entro scatole.
526.5
Tali precauzioni, da prendere in particolare nel caso di collegamenti a portalampade, fusibili ed interruttori automatici, possono essere, per esempio:
- distanziamento degli apparecchi;
- sistemazione appropriata degli apparecchi;
- aumento del volume all'interno dei quadri;
- ventilazione naturale o forzata;
- declassamento della corrente nominale degli apparecchi;
- impiego di cavi con sezione maggiorata;
- uso di capicorda;
- uso di cavi con isolamento in grado di sopportare temperature elevate.


Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
527. Scelta e messa in opera delle condutture avente lo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell'incendio
527.1 Precauzioni da prendere all'interno di un ambiente chiuso
Testo
527.1.1
Il rischio di propagazione dell'incendio deve essere ridotto al minimo mediante la scelta di materiali adeguati e la messa in opera in accordo con le prescrizioni della Sezione 522.
527.1.2
Le condutture devono essere installate in modo tale che non siano ridotte le caratteristiche della struttura dell'edificio e la sicurezza contro l'incendio.
527.1.3
I cavi in grado di superare le prove della Norma CEI 20-35 ed i prodotti che hanno la resistenza all'incendio richiesta dalla Norma CEI 23-25 e da altre Norme CEI relative alle condutture possono essere installati senza precauzioni particolari.
Nota - Negli impianti in cui si identifica un rischio specifico può essere necessario utilizzare cavi che rispondano alle prove più severe relative a cavi raggruppati, in accordo con la Norma
CEI 20-22.
527.1.4
I cavi che non siano in grado di superare almeno la prova di non propagazione della fiamma della Norma CEI 20-35 devono, se sono utilizzati, essere limitati a lunghezze brevi per il collegamento degli apparecchi alle condutture fisse e non devono, in ogni caso, passare da un ambiente chiuso ad un altro.
527.1.5
Le parti delle condutture diverse dai cavi che non soddisfano almeno le prescrizioni relative alla propagazione della fiamma contenute nella Norma CEI 20-35 e nelle altre norme CEI relative alle condutture ma che soddisfano per tutto il resto le prescrizioni della Norma CEI 23-25 e delle altre Norme CEI relative alle condutture devono, se sono utilizzate, essere completamente racchiuse entro appropriati elementi costruttivi, di materiale non combustibile, degli edifici.
Commento
Le prescrizioni di questa Sezione si applicano agli ambienti che non siano considerati a maggior rischio in caso di incendio: vedere la Sezione 751 per gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio.
527.1.3
Vedere, a titolo di esempio, il punto m2) dell'art. 751.04.1 della Sezione 751.
527.1.4
Dal momento che in genere i cavi rispondono alla Norma CEI 20-35, le prescrizioni di questo paragrafo non trovano praticamente applicazione.
In ogni caso non è necessario prendere precauzioni particolari per le condutture di qualsiasi tipo incassate in strutture non combustibili.
527.1.5
Vale la stessa considerazione fatta nel Commento a 527.1.4.
I tubi protettivi che non siano del tipo non propagante la fiamma e che sono caratterizzati dal colore arancione possono venire utilizzati solo se annegati in materiali non combustibili.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
527. Scelta e messa in opera delle condutture avente lo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell'incendio
527.2 Barriere tagliafiamma
Testo
527.2.1
Quando una conduttura attraversa elementi costruttivi di edifici, quali pavimenti, muri, tetti, soffitti o pareti, le aperture che restano dopo il passaggio delle condutture devono essere otturate in accordo con l'eventuale grado di resistenza all'incendio prescritto per il rispettivo elemento costruttivo dell'edificio prima dell'attraversamento (Norma ISO 834).
527.2.2
Le condutture, quali tubi protettivi circolari, tubi protettivi non circolari, canali o condotti sbarre, che penetrino in elementi costruttivi aventi una resistenza al fuoco specificata devono essere otturate internamente sino ad ottenere il grado di resistenza all'incendio che aveva l'elemento costruttivo corrispondente prima della penetrazione e devono essere otturate anche esternamente in accordo con quanto richiesto in 527.2.1.
527.2.3
Omesso.

527.2.4
Non è necessario otturare internamente le condutture che utilizzano tubi protettivi che rispondono alla prova di resistenza alla propagazione della fiamma della Norma CEI 23-25 e che hanno un diametro interno massimo di 30 mm a condizione che:
- il tubo protettivo possieda il grado di protezione di almeno IP 33 in accordo con la Norma CEI 70-1; e
- se il tubo protettivo penetra in un ambiente chiuso, anche la sua estremità possieda il grado di protezione IP 33.
527.2.5
Nessuna conduttura deve penetrare in un elemento costruttivo portante di un edificio, a meno che l'integrità dell'elemento portante non possa essere assicurata anche dopo tale penetrazione (Norma ISO 834).
527.2.6
Tutti i provvedimenti di otturazione utilizzati in accordo con 527.2.1 e 527.2.2 devono soddisfare le seguenti prescrizioni, oltre che quelle di 527.3.
Nota - Queste prescrizioni devono venire trasferite in una Norma di Prodotto, quando tale Norma venga preparata.
- devono essere tali da non danneggiare, per es. meccanicamente, termicamente, chimicamente od elettricamente i materiali delle condutture con cui sono in contatto;
- devono permettere gli spostamenti relativi delle condutture dovuti a fenomeni termici senza ridurre la qualità dell'otturazione;
- devono avere una stabilità meccanica adeguata per sopportare le sollecitazioni che possono prodursi in seguito a danneggiamenti dei supporti delle condutture causati da un incendio.
Nota - Le prescrizioni di questo articolo possono essere considerate soddisfatte se:
- le mensole od i supporti dei cavi sono installati a meno di 750 mm dalla barriera tagliafiamma e sono in grado di sopportare i carichi meccanici che si prevede si possano avere a seguito della rottura dei supporti dal lato incendio della barriera in cui avviene l'incendio, in modo che nessuna sollecitazione sia trasferita all'otturazione; oppure
- lo stesso sistema di otturazione fornisca un supporto adeguato.
Commento
Le prescrizioni di questa Sezione si applicano agli ambienti che non siano considerati a maggior rischio in caso di incendio: vedere la Sezione 751 per gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio.
527.2.1
Se non è richiesto dal committente o dal progettista un grado di resistenza all'incendio, le aperture praticate per il passaggio delle condutture possono rimanere aperte.
527.2.3
Nell'edizione internazionale questo articolo riguarda i criteri di prova, attualmente allo studio in sede ISO, relativi alle otturazioni delle condutture.

Parte 5: Scelta ed installazione dei componenti elettrici
Capitolo 52 - Scelta e messa in opera delle condutture (elettriche)
527. Scelta e messa in opera delle condutture avente lo scopo di ridurre al minimo la propagazione dell'incendio
527.3 Influenze esterne (sulle barriere tagliafiamma)
Testo
527.3.1
I provvedimenti di otturazione destinati a soddisfare quanto indicato in 527.2.1 o 527.2.2 devono essere in grado di resistere alle stesse influenze esterne alle quali sono sottoposte le corrispondenti condutture con le quali esse sono utilizzate ed inoltre essi devono soddisfare le seguenti prescrizioni:
- i provvedimenti di otturazione devono essere resistenti ai prodotti della combustione allo stesso modo degli elementi costruttivi dell'edificio nei quali essi sono penetrati (quando questo sia stato definito); e
- quando si richieda che gli elementi costruttivi dell'edifico che vengono attraversati siano resistenti alla penetrazione da parte di acqua, i provvedimenti di otturazione devono essere resistenti allo stesso modo contro tale penetrazione; e
- a meno che i materiali utilizzati nella barriera non siano tutti resistenti all'umidità quando sono assiemati per l'utilizzo, le otturazioni e le condutture devono essere protette contro le gocce d'acqua che possono colare lungo le condutture o che si possono raccogliere attorno all'otturazione, a meno che i materiali utilizzati non siano resistenti all'acqua quando sono completamente messi in opera.
Commento
Le prescrizioni di questa Sezione si applicano agli ambienti che non siano considerati a maggior rischio in caso di incendio: vedere la Sezione 751 per gli ambienti a maggior rischio in caso di incendio.